Diocesi di Tricarico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Tricarico
Dioecesis Tricaricensis
Chiesa latina
Cattedrale di Santa Maria Assunta.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo
Regione ecclesiastica Basilicata
Vescovo Vincenzo Carmine Orofino
Sacerdoti 41 di cui 33 secolari e 8 regolari
853 battezzati per sacerdote
Religiosi 8 uomini, 48 donne
Abitanti 36.700
Battezzati 35.000 (95,4% del totale)
Superficie 1.237 km² in Italia
Parrocchie 32
Erezione X secolo
Rito romano
Cattedrale Santa Maria Assunta
Indirizzo Piazza monsignor Raffaello delle Nocche 2, 75019 Tricarico (Matera), Italia
Sito web www.diocesiditricarico.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Italia

La diocesi di Tricarico (in latino: Dioecesis Tricaricensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo appartenente alla regione ecclesiastica Basilicata. Nel 2010 contava 35.000 battezzati su 36.700 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Vincenzo Carmine Orofino.

Il patrono della diocesi è san Potito.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi comprende la città di Tricarico ed altri 19 comuni della provincia di Matera e della provincia di Potenza.

Sede vescovile è la città di Tricarico, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta.

Il territorio è suddiviso in 32 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Tricarico è una delle diocesi di rito bizantino menzionata nell'968. Un documento a firma di Niceforo Foca, imperatore di Bisanzio, autorizza il patriarca di Costantinopoli, Polieucte a conferire all'arcivescovo di Otranto la potestà di consacrare i vescovi delle sedi suffraganee di Tricarico, Tursi, Acerenza, Gravina e Matera. Tuttavia nessun vescovo è noto d'epoca bizantina.

La sede di rito latino è menzionata nel 1060 quando all'arcivescovo di Acerenza fu concessa la facoltà di consacrare i vescovi di Tricarico: primo vescovo noto è Arnaldo.

Nonostante il passaggio ufficiale al rito latino, in alcuni centri, grazie alla presenza di numerosi monaci orientali, la messa continuò ad essere celebrata secondo il rito bizantino fino alla prima metà del XIII secolo. Resti della liturgia greca si trovavano ancora nel XVIII secolo, dato che in Tricarico durante la messa pontificale si cantava l'Epistola e il Vangelo in lingua greca.

Nel 1954, dopo una plurisecolare sottomissione all'arcidiocesi di Acerenza, Tricarico entrò a far parte della metropolia dell'arcidiocesi di Matera, fino al 1976 quando fu sottoposta alla nuova sede metropolitana di Potenza e Marsico Nuovo.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • Arnaldo † (1060 - 1075)
  • Roberto I † (1075 - 1094)
  • Librando † (1095 - 1105)
  • Leobrando † (1109 - 1118)
  • Pietro † (1119 - 1124)
  • Leobrando II † (1124 - 1127)
  • Erberto † (1127 - 1154)
  • Roberto II † (1154 - 1175)
  • Roberto III † (1175 - 1194)
  • Giovanni † (1195 - 1230)
  • Ruggero † (1231 - 1253)
  • Palmerio de Gallusio † (13 aprile 1253 - 1284 deceduto)
  • Leonardo de Aragall, O.F.M. † (5 giugno 1284 - 28 febbraio 1301 nominato arcivescovo di Oristano)
  • Riccardo † (28 febbraio 1301 - 1324)
  • Francesco Bonaccursio † (4 maggio 1324 - 1325)
  • Goffredo Del Tufo † (21 febbraio 1326 - 1348 deceduto)
  • Matteo † (1348 - 1348 deceduto)
  • Ruggiero † (12 gennaio 1349 - 1350 deceduto)
  • Angelo da Reggio † (19 novembre 1350 - 12 settembre 1365 nominato arcivescovo di Patrasso)
  • Pietro Serlupis † (12 settembre 1365 - 1373 deceduto)
  • Andrea Codoni o di San Girolamo † (19 dicembre 1373 - 11 gennaio 1378 nominato vescovo di Ceneda)
  • Marino Del Giudice † (29 gennaio 1378 - 4 giugno 1380 nominato arcivescovo di Taranto)
    • Giovanni da Gallinaro, O.F.M. † (2 luglio 1382 - ?) (antivescovo)
  • Tommaso † (menzionato nel 1385)
    • Vito † (28 aprile 1385 - novembre 1399 nominato vescovo) (antivescovo)
  • Nicola † (1394 - 11 ottobre 1399 nominato arcivescovo di Rossano)
  • Vito † (novembre 1399 - 1403 deceduto)
  • Tommaso Brancaccio † (30 luglio 1405 - 6 giugno 1411 dimesso)
    • Tommaso Brancaccio † (6 giugno 1411 - 1417 dimesso) (amministratore apostolico)
  • Antonio Stamingo, O.F.M. † (? - 23 gennaio 1413 nominato vescovo di Bosa)
  • Lorenzo di Napoli, O.E.S.A. † (1417 - 1418)
  • Angelo † (? - 11 settembre 1419 nominato vescovo di Potenza)
    • Tommaso Brancaccio † (11 settembre 1419 - 8 settembre 1427 deceduto) (amministratore apostolico, per la seconda volta)
  • Stefano da Carrara † (29 ottobre 1427 - 1432 dimesso)
  • Angelo † (14 gennaio 1432 - 1438 deceduto) (per la seconda volta)
  • Nicolò, O.P. † (20 ottobre 1438 - 1446 deceduto)
  • Saba de Carbonibus † (22 agosto 1446 - 1447 deceduto)
  • Lorenzo, O.F.M. † (29 marzo 1447 - 1448 deceduto)
  • Onofrio di Santa Croce † (10 aprile 1448 - 20 ottobre 1471 deceduto)
  • Orso Orsini † (18 ottobre 1471 - 22 marzo 1474 nominato vescovo di Teano)
  • Scipione Cicinello † (22 marzo 1474 - dopo il 1494)
  • Agostino de Guarino † (9 gennaio 1497 - 1510 deceduto)
  • Ludovico Canossa, O.Cist. † (10 febbraio 1511 - 24 novembre 1516 nominato vescovo di Bayeux)
    • Sede vacante (1516-1529)
  • Alessandro Spagnuolo † (15 febbraio 1529 - dopo il 30 agosto 1535 deceduto)
  • Gerolamo Falinghieri † (dopo il 30 agosto 1535 succeduto - 19 marzo 1539 deceduto)
  • Francesco Orsini † (19 marzo 1539 succeduto - 1554 dimesso)
  • Nunzio Antonio de Capriolis † (8 ottobre 1554 - 1584 deceduto)
  • Giovan Battista Santoro † (8 gennaio 1586 - 18 febbraio 1592 deceduto)
  • Ottavio Mirto Frangipane † (9 marzo 1592 - 20 giugno 1605 nominato arcivescovo di Taranto)
  • Diomede Carafa † (17 agosto 1605 - 12 gennaio 1609 deceduto)
  • Sebastiano o Settimio Roberti † (11 marzo 1609 - 1611 dimesso)
  • Roberto Roberti, O.P. † (5 dicembre 1611 - gennaio 1624 deceduto)
  • Pier Luigi Carafa I † (29 marzo 1624 - 8 gennaio 1646 dimesso)
  • Pier Luigi Carafa II, C.R. † (8 gennaio 1646 - 7 agosto 1672 deceduto)
  • Andrea Francolisio † (27 febbraio 1673 - 18 giugno 1676 dimesso)
  • Gaspare Toralto † (16 novembre 1676 - dicembre 1681 deceduto)
  • Gaspare Mezzomonaco, O.S.B.Oliv. † (8 giugno 1682 - agosto 1683 deceduto)
  • Fulvio Cribelli † (24 aprile 1684 - 1685 deceduto)
  • Francesco Antonio Leopardi † (1º ottobre 1685 - febbraio 1717 deceduto)
  • Luca Trapani † (24 gennaio 1718 - settembre 1719 deceduto)
  • Simone Veglini † (4 marzo 1720 - 23 luglio 1720 deceduto)
  • Nicolò Antonio Carafa, O.S.B.Oliv. † (16 dicembre 1720 - 16 settembre 1741 dimesso)
  • Antonio Zavarroni † (18 settembre 1741 - luglio 1759 deceduto)
  • Antonio del Plato † (3 marzo 1760 - agosto 1783 deceduto)
    • Sede vacante (1783-1792)
  • Fortunato Pinto † (27 febbraio 1792 - 26 giugno 1805 nominato arcivescovo di Salerno)
    • Sede vacante (1805-1819)
  • Pietro Paolo Presicce, O.A.D. † (29 marzo 1819 - 1838 deceduto)
  • Camillo Letizia, C.M. † (13 settembre 1838 - 1859 deceduto)
  • Simone Spilotros, O.Carm. † (26 settembre 1859 - 31 ottobre 1877 deceduto)
  • Camillo Siciliano di Rende † (28 dicembre 1877 - 12 maggio 1879 nominato arcivescovo di Benevento)
  • Angelo Michele Onorati † (19 settembre 1879 - 12 febbraio 1903 deceduto)
  • Anselmo Filippo Pecci, O.S.B. † (22 giugno 1903 - 7 settembre 1907 nominato arcivescovo di Acerenza e Matera)
  • Giovanni Fiorentini † (25 marzo 1909 - 25 settembre 1919 nominato vescovo di Catanzaro)
  • Raffaello Delle Nocche † (11 febbraio 1922 - 25 novembre 1960 deceduto)
  • Bruno Pelaia † (10 febbraio 1961 succeduto - 18 luglio 1974 deceduto)
    • Sede vacante (1974-1976)
  • Giuseppe Vairo † (25 ottobre 1976 - 3 dicembre 1977 nominato arcivescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo)
  • Carmelo Cassati, M.S.C. (12 febbraio 1979 - 7 settembre 1985 nominato vescovo di San Severo)
  • Francesco Zerrillo (7 dicembre 1985 - 15 febbraio 1997 nominato vescovo di Lucera-Troia)
  • Salvatore Ligorio (19 dicembre 1997 - 20 marzo 2004 nominato arcivescovo di Matera-Irsina)
  • Vincenzo Carmine Orofino, dal 20 marzo 2004

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 36.700 persone contava 35.000 battezzati, corrispondenti al 95,4% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 64.730 64.730 100,0 57 57 1.135 70 23
1970 66.506 66.506 100,0 43 37 6 1.546 7 100 31
1980 51.085 51.300 99,6 39 31 8 1.309 9 80 30
1990 50.000 51.085 97,9 36 31 5 1.388 6 80 32
1999 51.600 52.400 98,5 36 34 2 1.433 2 57 32
2000 51.800 52.600 98,5 34 34 1.523 55 32
2001 49.000 50.000 98,0 34 34 1.441 53 32
2002 44.000 45.000 97,8 32 32 1.375 51 32
2003 44.000 45.000 97,8 32 32 1.375 49 32
2004 44.000 45.000 97,8 31 31 1.419 47 32
2010 35.000 36.700 95,4 41 33 8 853 8 48 32

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi