Diocesi di Parnaíba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Parnaíba
Dioecesis Parnaibensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Teresina
Regione ecclesiastica Nordeste 4
Vescovo Alfredo Schäffler
Sacerdoti 37 di cui 24 secolari e 13 regolari
13.378 battezzati per sacerdote
Religiosi 15 uomini, 53 donne
Abitanti 550.000
Battezzati 495.000 (90,0% del totale)
Superficie 20.565 km² in Brasile
Parrocchie 22
Erezione 16 dicembre 1944
Rito romano
Indirizzo C.P. 70, Rua Josias Morais 676, 64218-530 Parnaíba, PI, Brazil
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Brasile

La diocesi di Parnaíba (in latino: Dioecesis Parnaibensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Teresina appartenente alla regione ecclesiastica Nordeste 4. Nel 2004 contava 495.000 battezzati su 550.000 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Alfredo Schäffler.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende i seguenti comuni dello stato brasiliano di Piauí: Parnaíba, Batalha, Bom Princípio do Piauí, Brasileira, Buriti dos Lopes, Cajueiro da Praia, Caraúbas do Piauí, Caxingó, Cocal, Cocal dos Alves, Domingos Mourão, Esperantina, Ilha Grande, Joaquim Pires, Joca Marques, Lagoa de São Francisco, Luís Correia, Luzilândia, Madeiro, Matias Olímpio, Milton Brandão, Morro do Chapéu do Piauí, Murici dos Portelas, Pedro II, Piracuruca, Piripiri, São João da Fronteira, São João do Arraial e São José do Divino.

Sede vescovile è la città di Parnaíba, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora della Grazia.

Il territorio è suddiviso in 22 parrocchie, raggruppate in 3 vicariati zonali: Norte, Sul I e Sul II.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi è stata eretta il 16 dicembre 1944 con la bolla Ad dominici gregis di papa Pio XII, ricavandone il territorio dalla diocesi di Piauí (oggi arcidiocesi di Teresina).

Il 12 giugno 1975 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Campo Maior.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Felipe Benito Condurú Pacheco † (7 febbraio 1946 - 17 gennaio 1959 dimesso)
  • Paulo Hipólito de Souza Libório † (20 giugno 1959 - 23 aprile 1980 dimesso)
  • Edvaldo Gonçalves Amaral, S.D.B. (2 settembre 1980 - 24 ottobre 1985 nominato arcivescovo di Maceió)
  • Joaquim Rufino do Rêgo † (25 marzo 1986 - 21 febbraio 2001 ritirato)
  • Alfredo Schäffler, succeduto il 21 febbraio 2001

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 550.000 persone contava 495.000 battezzati, corrispondenti al 90,0% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 259.000 260.000 99,6 15 9 6 17.266 6 33 13
1966 352.000 353.000 99,7 25 15 10 14.080 10 38 14
1970 410.000 410.000 100,0 24 13 11 17.083 13 66 15
1976 527.850 586.580 90,0 20 11 9 26.392 13 50 15
1980 370.000 412.000 89,8 10 10 37.000 3 42 13
1990 458.000 510.000 89,8 24 15 9 19.083 14 56 14
1999 530.000 590.000 89,8 32 22 10 16.562 13 61 19
2000 445.000 505.000 88,1 30 19 11 14.833 14 61 19
2001 460.000 521.400 88,2 38 26 12 12.105 15 66 20
2002 520.000 550.000 94,5 40 28 12 13.000 14 58 22
2003 495.000 550.000 90,0 39 27 12 12.692 14 49 22
2004 495.000 550.000 90,0 37 24 13 13.378 15 53 22

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi