Diocesi di Kabgayi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Kabgayi
Dioecesis Kabgayensis
Chiesa latina
Cathedral Basilica of Our Lady at Kabgayi - Genocide Site - Outside Muhanga-Gitarama - Rwanda.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Kigali
  Ruanda - Diocesi di Kabgayi.png
Vescovo Smaragde Mbonyintege
Vescovi emeriti Anastase Mutabazi
Sacerdoti 85 di cui 70 secolari e 15 regolari
7.018 battezzati per sacerdote
Religiosi 58 uomini, 258 donne
Abitanti 969.668
Battezzati 596.596 (61,5% del totale)
Superficie 2.187 km² in Ruanda
Parrocchie 24
Erezione 25 aprile 1922
Rito romano
Indirizzo B.P. 66, Gitarama, Rwanda
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Ruanda

La diocesi di Kabgayi (in latino: Dioecesis Kabgayensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Kigali. Nel 2006 contava 596.596 battezzati su 969.668 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Smaragde Mbonyintege.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi comprende i distretti di Kamonyi, Muhanga e Ruhango nella nuova provincia Meridionale del Ruanda.

Sede vescovile è la città di Kabgayi, dove si trova la cattedrale dell'Immacolata Concezione, elevata al rango di Basilica minore nel 1992.

Il territorio è suddiviso in 24 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il vicariato apostolico del Ruanda fu eretto il 25 aprile 1922 con il breve Exigit apostolicum di papa Pio XI, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico di Kivu (oggi arcidiocesi di Bukavu).

Il 14 febbraio 1952 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico di Nyundo (oggi diocesi) e in forza del decreto Cum propter novi della Congregazione di Propaganda Fide cambiò il proprio nome in vicariato apostolico di Kabgayi.

Il 10 novembre 1959 il vicariato apostolico fu elevato al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Cum parvulum di papa Giovanni XXIII.

Il 20 dicembre 1960, l'11 settembre 1961 e il 5 settembre 1968 cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di Ruhengeri, di Astrida (oggi diocesi di Butare) e di Kibungo.

Il 10 aprile 1976 ha ceduto un'ulteriore porzione di territorio a vantaggio dell'erezione dell'arcidiocesi di Kigali e contestualmente è stata declassata a diocesi suffraganea.

Il 5 novembre 1981 ha ceduto ancora una porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Byumba.

Nella guerra civile che vide coinvolto il Ruanda nella prima metà degli anni novanta del secolo scorso, trovò la morte, tra gli altri, il vescovo Thaddée Nsengiyumva.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • Léon-Paul Classe, M.Afr. † (26 aprile 1922 - 31 gennaio 1945 deceduto)
  • Laurent-François Déprimoz, M.Afr. † (31 gennaio 1945 succeduto - 15 aprile 1955 dimesso)
  • André Perraudin, M.Afr. † (19 dicembre 1955 - 7 ottobre 1989 ritirato)
  • Thaddée Nsengiyumva † (7 ottobre 1989 succeduto - 7 giugno 1994 deceduto)
  • Anastase Mutabazi (13 marzo 1996 - 10 dicembre 2004 dimesso)
  • Smaragde Mbonyintege, dal 21 gennaio 2006

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 969.668 persone contava 596.596 battezzati, corrispondenti al 61,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 331.144 1.356.291 24,4 169 81 88 1.959 72 234 43
1970 320.407 721.860 44,4 105 55 50 3.051 149 148 85
1980 276.181 562.000 49,1 36 19 17 7.671 40 74 15
1990 397.341 699.466 56,8 65 49 16 6.112 55 102 17
1999 456.053 761.516 59,9 51 46 5 8.942 32 204 21
2000 471.804 799.748 59,0 87 83 4 5.423 25 178 21
2001 509.253 837.087 60,8 86 82 4 5.921 33 130 21
2002 528.633 867.092 61,0 98 91 7 5.394 40 186 21
2003 549.745 912.097 60,3 70 61 9 7.853 31 188 22
2004 600.273 974.075 61,6 79 68 11 7.598 53 216 22
2006 596.596 969.668 61,5 85 70 15 7.018 58 258 24

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi