Diocesi di Irenopoli di Cilicia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Irenopoli di Cilicia
Sede vescovile titolare
Dioecesis Irenopolitana in Cilicia
Patriarcato di Antiochia
Sede titolare di Irenopoli di Cilicia
Mappa della diocesi civile d'Oriente (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita XIX secolo
Stato Turchia
Diocesi soppressa di Irenopoli di Cilicia
Suffraganea di Anazarbo
Eretta  ?
Soppressa  ?
Dati dall'annuario pontificio
Lista delle sedi titolari della Chiesa cattolica

La diocesi di Irenopoli di Cilicia (in latino: Dioecesis Irenopolitana in Cilicia) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Irenopoli di Cilicia, nei pressi di Messis nell'odierna Turchia, è un'antica sede episcopale della provincia romana della Cilicia Seconda nella diocesi civile d'Oriente. Faceva parte del patriarcato di Antiochia ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Anazarbo, come documentato da una Notitia Episcopatuum del VI secolo.[1]

Il primo vescovo noto di Irenopoli è Narciso, che prese parte ai sinodi di Ancira e di Neocesarea del 314; fu poi uno dei padri del primo concilio di Nicea del 325; aderì in seguito all'arianesimo e come tale partecipò al concilio di Sardica del 344 circa, per poi separarsene assieme agli altri vescovi ariani e partecipare al sinodo alternativo di Filippopoli; morì prima del 359. Nel V secolo è noto il vescovo Indimo, documentato in tre occasioni: al concilio di Efeso del 449, al concilio di Calcedonia del 451 e al concilio di Costantinopoli del 459 contro i simoniaci. Segue il vescovo Basilio, che visse all'epoca dell'imperatore Anastasio I (491-518). Il successore Giovanni venne deposto nel 518 per la sua adesione al partito severiano monofisita. Procopio prese parte al sinodo riunito a Mopsuestia nel 550. Infine Paolo era presente al concilio detto in Trullo nel 692.

Oggi Irenopoli di Cilicia sopravvive come sede vescovile titolare; la sede è vacante dal 4 luglio 1975.

Eubel[2] ipotizza che Nicola, episcopus Drenopolitanus, menzionato nel 1384, possa in realtà essere letto come Irenopolitanus.

Cronotassi dei vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Narciso † (prima del 314 - dopo il 344) (vescovo ariano)
  • Indimo † (prima del 449 - dopo il 459)
  • Basilio †
  • Procopio † (menzionato nel 550)
  • Paolo † (menzionato nel 692)

Cronotassi dei vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Missir † (28 febbraio 1837 - 10 dicembre 1863 deceduto)
  • Luigi Ciurcia, O.F.M. † (27 luglio 1866 - 15 luglio 1881 deceduto)
  • Luigi Matera † (30 marzo 1882 - 29 novembre 1891 deceduto)
  • Alfred-Jules Mélisson † (9 febbraio 1925 - 11 luglio 1925 nominato arcivescovo titolare di Viminacio)
  • Alexandre-Philibert Poirier † (14 dicembre 1925 - 24 agosto 1927 succeduto vescovo di Tarbes e Lourdes)
  • Antoni Władysław Szlagowski † (22 giugno 1928 - 24 novembre 1945 nominato arcivescovo titolare di Cotieo)
  • Allen James Babcock † (15 febbraio 1947 - 23 marzo 1954 nominato vescovo di Grand Rapids)
  • Oscar de Oliveira † (25 maggio 1954 - 31 gennaio 1959 nominato arcivescovo coadiutore di Mariana)
  • Georges Jacquot † (20 maggio 1959 - 13 febbraio 1961 succeduto vescovo di Gap)
  • Gaetano Michetti † (31 maggio 1961 - 4 luglio 1975 succeduto vescovo di Pesaro)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Echos d'Orient X, 1907, p. 95.
  2. ^ Hierarchia Catholica Medii Aevi, vol. 1, p. 286.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi