Diocesi di Arca di Fenicia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arca di Fenicia
Sede vescovile titolare
Dioecesis Arcena in Phoenicia
Patriarcato di Antiochia
Sede titolare di Arca di Fenicia
Mappa della diocesi civile d'Oriente (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita 1933
Stato Libano
Diocesi soppressa di Arca di Fenicia
Suffraganea di Tiro
Eretta  ?
Soppressa  ?
Dati dall'annuario pontificio
Lista delle sedi titolari della Chiesa cattolica
Il sito archeologico di Tell Arqa, l'antica Arca di Fenicia.

La diocesi di Arca di Fenicia (in latino: Dioecesis Arcena in Phoenicia) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Arca di Fenicia, corrispondente al sito archeologico di Tell Arqa nell'odierno Libano, è un'antica sede vescovile della provincia romana di Fenicia Prima nella diocesi civile d'Oriente. Faceva parte del patriarcato di Antiochia ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Tiro, come attestato da una Notitia Episcopatuum del VI secolo.[1]

Lequien attribuisce a Arca di Fenicia sei vescovi. Luciano sottoscrisse la professione di fede nicena nel sinodo di Antiochia del 363. Alessandro prese parte al primo concilio ecumenico di Costantinopoli nel 381. Secondo lo storico greco Socrate Scolastico, il vescovo Reverenzio fu trasferito dalla sede di Arca a quella metropolitana di Tiro. Marcellino fu tra i padri del concilio di Efeso nel 431. Epifanio partecipò al sinodo di Antiochia del 448 che giudicò l'operato del vescovo Atanasio di Perre. Eraclito intervenne al concilio di Calcedonia del 451 e sottoscrisse nel 458 la lettera dei vescovi della Fenicia Prima all'imperatore Leone dopo la morte di Proterio di Alessandria.

Oggi Arca di Fenicia sopravvive come sede vescovile titolare; la sede è vacante dal 17 gennaio 1981.

Cronotassi dei vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano † (menzionato nel 363/364)
  • Alessandro † (menzionato nel 381)
  • Reverenzio † (nominato arcivescovo di Tiro)
  • Marcellino † (menzionato nel 431)
  • Epifanio † (menzionato nel 448)
  • Eraclito † (prima del 451 - dopo il 458)

Cronotassi dei vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Echos d'Orient X, 1907, p. 94.
  2. ^ Eubel, vol. 7, p. 86, succeduto a Melchor Serrano Lázaro, vescovo titolare di Arca di Armenia.
  3. ^ Fino all'Annuario Pontificio 1870 (cfr. p. 236), il vescovo Francisco de Sales Crespo y Bautista è menzionato come titolare di Archis (Arcensis) di Fenicia; nell'Annuario Pontificio 1872 (p. 201) risulta essere invece titolare della sede di Archis (Arcensis) di Pisidia. Il vescovo Alfredo Peri Morosini, menzionato da Catholic Hierarchy, appartiene in realtà alla sede di Arca di Armenia: cfr. Annuaire Pontifical Catholique 1905, p. 313.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi