Diocesi di Almería

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Almería
Dioecesis Almeriensis
Chiesa latina
Almeria cathedral.JPG
Suffraganea dell' arcidiocesi di Granada
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Adolfo González Montes
Sacerdoti 164 di cui 136 secolari e 28 regolari
3.685 battezzati per sacerdote
Religiosi 40 uomini, 299 donne
Diaconi 4 permanenti
Abitanti 702.819
Battezzati 604.424 (86,0% del totale)
Superficie 8.774 km² in Spagna
Parrocchie 213
Erezione restaurata nel 1492
Rito romano
Cattedrale dell'Incarnazione
Indirizzo Plaza de la Catedral 1, 04001 Almería, España
Sito web www.diocesisalmeria.es
Dati dall'Annuario Pontificio 2013 * *
Chiesa cattolica in Spagna
Il palazzo episcopale di Almería, fatto costruito dal vescovo Santos Zárate y Martínez ed inaugurato nel 1896.
La basilica minore di Nostra Signora della Mercede (Nuestra Señora de las Mercedes) di Oria, costruita tra il 1767 ed il 1779.

La diocesi di Almería (in latino: Dioecesis Almeriensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Granada. Nel 2012 contava 604.424 battezzati su 702.819 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Adolfo González Montes.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi comprende la provincia di Almería.

Sede vescovile è la città di Almería, dove si trova la cattedrale dell'Incarnazione.

Il territorio si estende su 8.774 km² ed è suddiviso in 213 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In epoca antica il territorio dell'attuale diocesi di Almería era soggetto alla diocesi di Urci, che fu probabilmente eretta in epoca romana. La tradizione riferisce che evangelizzatore della regione, fondatore della diocesi e primo vescovo sarebbe sant'Indalizio, uno dei sette missionari (viri apostolici) inviati da san Pietro ad annunciare la fede cristiana nella Hispania romana.

Si tramandano i nomi di alcuni vescovi del VI e VII secolo durante l'epoca visigotica. Il primo documentato storicamente è Cantonio, che prese parte al concilio di Elvira tra III e IV secolo; gli altri vescovi di questo periodo presero parte ai concili nazionali visigoti di Toledo. In seguito, dopo la conquista araba della penisola, si conosce il vescovo Genesio (862 e Ya'qub bin Mahran (941).

Urci, che nel frattempo aveva preso il nome di Almería, fu riconquistata provvisoriamente dagli spagnoli nel 1147; la popolazione della città e delle campagne circostanti tuttavia rimase fondamentalmente di religione musulmana; tra questa operò il vescovo missionario Domingo, noto nel 1147 e nel 1157. Forse già dal XIII secolo e per tutto il XV secolo il titolo episcopale di Almería fu concesso ad alcuni vescovi, ma senza riuscire a ristabilire la diocesi.

Solo in seguito alla Reconquista e alla caduta del sultanato di Granada, la diocesi di Almería fu eretta il 21 maggio 1492.

All'inizio del XVI secolo la diocesi era ancora popolata da musulmani, specialmente nelle campagne. Nel 1500, dopo una rivolta, molti preferirono il battesimo all'esilio e divennero cristianos nuevos. Nel 1568 vi fu una nuova rivolta, al termine della quale i cristianos nuevos furono espulsi e i loro beni confiscati. La diocesi fu in seguito ripopolata con cristianos viejos.

Il 16 giugno 1610 fu istituito il seminario diocesano, originariamente dedicato a sant'Indalizio, protovescovo di Urci. Nel 1635 il vescovo Antonio González Acevedo celebrò un sinodo per l'applicazione dei decreti del concilio di Trento; fu l'ultimo sinodo diocesano prima del 1929.

Il XIX secolo fu travagliato dal passaggio storico dalla monarchia assoluta allo stato liberale, che fu fonte di nuove preoccupazioni per i vescovi di Almería. Nella prima metà del secolo vi fu una lunga sede vacante e la diocesi fu colpita dalle politiche di desamortización che consistevano nell'incameramento dei beni degli ordini religiosi. Nella seconda metà del secolo la diocesi reagì espandendo gli istituti di istruzione, ampliando il seminario, diffondendo la stampa cattolica e propagandando il catechismo. Verso la fine del secolo sorgono anche un circolo operaio e un seminario popolare. Memorabile fu la partecipazione di Almería al pellegrinaggio operaio a Roma nel 1894.

Durante la guerra civile spagnola, molti preti, religiosi e laici furono uccisi per mano dei repubblicani, tra cui anche il vescovo Diego Ventaja Milán, beatificato da papa Giovanni Paolo II nel 1993. Per José María Álvarez Benavides de La Torre e i suoi 116 compagni è in corso la causa di beatificazione.

Nel 1953 fu inaugurato il nuovo edificio del seminario diocesano.

Nel 1957, facendo seguito al concordato del 1953 che stabiliva di far coincidere i limiti delle diocesi con quelli delle province civili, la diocesi di Almería acquisì un arcipresbiterato dalla diocesi di Cartagena, due dall'arcidiocesi di Granada, e sei parrocchie dalla diocesi di Guadix.[1]

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Vescovi di Urci[modifica | modifica sorgente]

  • Sant'Indalizio † (I secolo)
  • Santiago ? †
  • Cantonio † (menzionato nel concilio di Elvira)
  • Pedro de Abdera † (menzionato nel 589)
  • Marcello I † (prima del 633 - dopo il 636)
  • Marcello II (?) † (prima del 653 - dopo il 656)[2]
  • Palmazio † (prima del 675 - dopo il 684)
  • Avito † (prima del 688 - dopo il 693)
  • Genesio † (menzionato nell'862)
  • Ya'qub bin Mahran † (menzionato nel 941)
  • Domingo † (prima del 1147 - dopo il 1157)

Vescovi di Almería[modifica | modifica sorgente]

  • Diego o Santiago Ponthu † (? deceduto)
  • Pedro de Écija, O.P. † (18 febbraio 1434 - 1440 ? deceduto)
  • Fernando de Aguilar, O.P. † (24 gennaio 1444 - ?)
  • Alfonso Pernas, O.F.M. † (16 ottobre 1447 - 7 aprile 1449 nominato vescovo titolare del Marocco)
  • Bartolomé de Soria † (? deceduto)
  • Juan de Ortega † (21 maggio 1490 - 1515 deceduto)
  • Francisco Sosa † (1º giugno 1515 - 1º luglio 1520 deceduto)
  • Juan González Meneses † (17 settembre 1520 - 25 giugno 1521 deceduto)
  • Diego Fernández de Villalán, O.F.M. † (17 luglio 1523 - 7 luglio 1556 deceduto)
  • Antonio Corrionero de Babilafuente † (10 dicembre 1557 - 13 maggio 1570 deceduto)
  • Francisco Briceño † (5 marzo 1571 - 30 luglio 1571 deceduto)
  • Diego González † (9 giugno 1572 - 11 gennaio 1587 deceduto)
  • Juan García † (17 agosto 1597 - 31 dicembre 1601 deceduto)
  • Juan Portocarrero, O.F.M. † (26 agosto 1602 - 8 marzo 1631 deceduto)
  • Antonio Viedma Chaves, O.P. † (8 marzo 1631 succeduto - 9 giugno 1631 deceduto)
    • Martin Garcia de Zericeros † (2 agosto 1632 - 1632 deceduto) (vescovo eletto)
    • Bartolomé Santos de Risoba † (6 giugno 1633 - 26 settembre 1633 nominato vescovo di León) (vescovo eletto)
  • Antonio González Acevedo † (19 dicembre 1633 - 5 ottobre 1637 nominato vescovo di Coria)
  • José Valle de la Cerda, O.S.B. † (19 novembre 1637 - 17 dicembre 1640 nominato vescovo di Badajoz)
  • José Argáiz Pérez † (1º luglio 1641 - 4 dicembre 1645 nominato vescovo di Ávila)
  • Luis Venegas Figueroa † (5 febbraio 1646 - 30 maggio 1651 deceduto)
  • Alonso de San Vítores y Fransarcén, O.S.B. † (28 ottobre 1651 - 1º settembre 1653 nominato vescovo di Orense)
  • Enrique de Peralta y Cárdenas † (26 gennaio 1654 - 13 gennaio 1659 nominato vescovo di Palencia)
  • Alonso Pérez de Humanares, O.Cist. † (9 giugno 1659 - 12 febbraio 1663 nominato vescovo di Cadice)
  • Rodrigo de Mandía y de Parga † (9 aprile 1663 - 12 dicembre 1672 nominato vescovo di Astorga)
  • Francisco Antonio Sarmiento de Luna Enríquez, O.S.A. † (25 settembre 1673 - 27 maggio 1675 nominato vescovo di Coria)
  • Antonio Ibarra † (15 luglio 1675 - 18 novembre 1680 nominato vescovo di Cadice)
  • Juan Grande Santos de San Pedro † (13 gennaio 1681 - 15 novembre 1683 nominato vescovo di Pamplona)
  • Andrés de la Moneda Cañas y Silva, O.S.B. † (20 dicembre 1683 - 13 marzo 1687 deceduto)
  • Domingo de Urueta y Ceciaga † (10 novembre 1687 - 4 marzo 1701 deceduto)
  • Juan Leyva † (8 agosto 1701 - 15 marzo 1704 deceduto)
  • Juan Bonilla Vargas, O.SS.T. † (15 dicembre 1704 - 11 aprile 1707 nominato vescovo di Cordova)
  • Manuel de Santo Tomás Mendoza † (1º agosto 1707 - 11 dicembre 1713 nominato vescovo di Málaga)
  • Jerónimo del Valle Ledesma † (21 marzo 1714 - 12 novembre 1722 deceduto)
  • José Pereto Ricarte, O. de M. † (12 aprile 1723 - 28 marzo 1730 deceduto)
  • José María Ibáñez † (22 novembre 1730 - 8 gennaio 1734 deceduto)
  • Diego Felipe Perea Magdaleno † (17 gennaio 1735 - 29 maggio 1741 nominato arcivescovo di Burgos)
  • Gaspar Molina Rocha, O.S.A. † (29 maggio 1741 - 4 dicembre 1760 deceduto)
  • Claudio Sanz Torres y Ruiz de Castañedo † (13 luglio 1761 - luglio 1779 deceduto)
  • Anselmo Rodríguez, O.S.B. † (18 settembre 1780 - 14 gennaio 1798 deceduto)
  • Juan Antonio de la Virgen María y Viana, O.C.D. † (14 agosto 1798 - 28 gennaio 1800 deceduto)
  • Francisco Javier Mier Campillo † (24 maggio 1802 - 16 dicembre 1815 dimesso)
  • Antonio Pérez Minayo † (16 marzo 1818 - 29 agosto 1833 deceduto)
    • Sede vacante (1833-1847)
  • Anacleto Meoro Sánchez † (17 dicembre 1847 - 2 gennaio 1864 deceduto)
  • Andrés Rosales Muñoz † (22 settembre 1864 - 10 ottobre 1872 deceduto)
  • José María Orberá y Carrión † (23 settembre 1875 - 23 novembre 1886 deceduto)
  • Santos Zárate y Martínez † (17 marzo 1887 - 7 agosto 1906 deceduto)
  • Vicente Casanova y Marzol † (19 dicembre 1907 - 7 marzo 1921 nominato arcivescovo di Granada)
  • Bernardo Martínez y Noval, O.S.A. † (18 luglio 1921 - 23 luglio 1934 deceduto)
  • Beato Diego Ventaja Milán † (1º maggio 1935 - 30 agosto 1936 deceduto)
    • Sede vacante (1936-1943)
  • Enrique Delgado y Gómez † (10 giugno 1943 - 26 ottobre 1946 nominato vescovo di Pamplona)
  • Alfonso Ródenas García † (24 aprile 1947 - 7 novembre 1965 deceduto)
  • Ángel Suquía Goicoechea (17 maggio 1966 - 28 novembre 1969 nominato vescovo di Málaga)
  • Manuel Casares Hervás † (6 aprile 1970 - 12 maggio 1989 dimesso)
  • Rosendo Álvarez Gastón † (12 maggio 1989 - 15 aprile 2002 ritirato)
  • Adolfo González Montes, dal 15 aprile 2002

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 702.819 persone contava 604.424 battezzati, corrispondenti all'86,0% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1959 402.910 403.910 99,8 190 176 14 2.120 47 239 170
1970 386.003 397.303 97,2 208 187 21 1.855 48 524 176
1980 386.152 388.482 99,4 182 157 25 2.121 43 554 214
1990 456.000 458.000 99,6 170 135 35 2.682 56 593 216
1999 512.901 528.901 97,0 169 134 35 3.034 56 464 218
2000 504.700 534.200 94,5 174 138 36 2.900 59 447 220
2001 482.843 512.843 94,2 168 133 35 2.874 56 416 222
2002 491.168 533.168 92,1 168 133 35 2.923 55 443 223
2003 501.801 546.498 91,8 169 133 36 2.969 54 433 223
2004 519.503 565.310 91,9 177 138 39 2.935 57 411 220
2006 531.000 581.200 91,4 165 128 37 3.218 55 425 211
2012 604.424 702.819 86,0 164 136 28 3.685 4 40 299 213

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Decreto Initis inter, in AAS 50 (1958), pp. 44-45.
  2. ^ Potrebbe trattarsi del medesimo Marcelo del 633 e del 636; così la pensa Enrique Flórez.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi