Dinophyceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dinoficee
Haeckel Peridinea.jpg
"Peridinea" da Kunstformen der Natur
di Ernst Haeckel, 1904
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Protista
(clade) Chromalveolata
Superphylum Alveolata
Phylum Dinoflagellata
Classe Dinophyceae

Pascher, 1914

Ordini

Chytriodiniales
Desmocapsales
Dinamoebales
Dinocloniales
Zooxanthellales
Gymnodiniales
Ptychodiscales
Suessiales
Gonyaulacales
Peridiniales
Dinophysiales
Prorocentrales
Phytodinales
Thoracosphaerales

Le dinoficee (Dinophyceae) sono una classe di alghe unicellulari flagellate.

Sono importanti perché responsabili delle maree rosse: si sviluppano in determinate condizioni:

Hanno involucri rigidi di cellulosa con un solco dove si arrotola il flagello. Sono correlate a protozoi ciliati. Possono essere organismi simbionti con spugne, meduse, coralli, anemoni di mare. Ai coralli cedono glicerolo come scarto di fotosintesi, determinante nel formare barriere coralline; le dinoficee che abitano dentro i coralli appartengono al genere zooxanthella.

Sono bioluminescenti, emettono luce quando vengono disturbate probabilmente per spaventare i predatori; alcune possono vivere sotto forma di cisti di resistenza (ricche di sporopollenina)facendosi trasportare dalla corrente e poi depositandosi sul fondo del mare non appena trovano le condizioni favorevoli. quando nelle vicinanze passano particolari pesci, escono dalla quiescenza, tornano alghe e diventano predatori inibendo, con le proprie sostanze, l'apparato respiratorio della preda e causandone la morte. La nutrizione avviente per opera di un "sifone" che si estroflette per risucchiare tutte le sostanze possano essergli utili.