Dinilysia patagonica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dinilysia
Stato di conservazione: Fossile
Dinilysia patagonica.jpg
Cranio di Dinilysia patagonica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Scleroglossa
Infraordine Serpentes
Famiglia Dinilysidae
Genere Dinilysia
Specie D.patagonica

La dinilisia (Dinilysia patagonica) era un serpente preistorico, vissuto nel Cretaceo superiore (Coniaciano, circa 90 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Sudamerica (Argentina).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lungo circa tre metri, questo serpente primitivo possedeva già la maggior parte delle caratteristiche dei serpenti attuali. Il cranio era piuttosto primitivo, ma l'orecchio medio possedeva alcune caratteristiche riscontrabili in alcune forme dei giorni nostri, come Xenopeltis unicolor. In ogni caso, il corpo allungato era molto simile a quello dei pitoni primitivi.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Non è chiaro a quale gruppo di serpenti si debba attribuire Dinilysia. Di certo questa forma, classificata in una famiglia a sé stante, rappresenta uno dei più antichi serpenti noti per il quale sia ben conosciuto gran parte dello scheletro; la contemporanea presenza di elementi evoluti e primitivi, però, ha finora impedito ai paleontologi di essere concordi riguardo alle parentele di questo animale. Alcuni hanno ipotizzato che questo serpente potesse essere ancestrale ai boidi, altri hanno visto Dinilysia come uno dei più antichi serpenti veri e propri, escludendo le forme dotate di zampe come Pachyrhachis.

Ricostruzione di Dinilysia patagonica

Stile di vita[modifica | modifica wikitesto]

La dinilisia, probabilmente, viveva in un ambiente rigoglioso e forse era un animale parzialmente arboricolo, al contrario della maggior parte dei serpenti primitivi. Probabilmente dava la caccia a piccoli animali come rettili squamati, mammiferi primitivi e forse anche uccelli enantiorniti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Estes, R., T. H. Frazzetta, and E. E. Williams. 1970. Studies on the fossil snake Dinilysia patagonica Woodward: Part 1. Cranial morphology. Bulletin of the Museum of Comparative Zoology 140:25–74.
  • Frazzetta, T. H. 1970. Studies on the fossil snake Dinilysia patagonica Woodward. Part II. Jaw machinery in the earliest snakes. Forma et Functio 3:205–221.
  • Smith-Woodward, A. 1901. On some extinct reptiles from Patagonia of the genera Miolania, Dinilysia, and Genyodectes. Proceedings of the Zoological Society, London 1901:169–184.