Dinastia Saudita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La dinastia Saudita istituita dal Sultano del Najd ʿAbd al-ʿAziz Āl Saʿūd - governa dal 1926 il Regno Arabo Saudita, nato dopo la vittoriosa annessione al Sultanato del Regno hascemita del Hijaz.

Definizione e poteri[modifica | modifica sorgente]

Il re dell'Arabia Saudita è il capo di stato e il monarca del regno asiatico. È anche il capo della famiglia saudita. I monarchi che si sono succeduti dopo la morte del fondatore, sono tutti suoi figli, in ottemperanza alla legge araba mai scritta del "seniorato", che prevede che alla successione di un'istituzione sia chiamato il componente più anziano della famiglia.

In Arabia Saudita il re è conosciuto con il titolo di Custode delle Due Sante Moschee (in arabo: خادم الحرمين الشريفين, Khādim al-Ḥaramayn al-Sharīfayn), cioè del Masjid al-Haram (Sacra Moschea) della Mecca e del Masjid al-Nabawi (Moschea del Profeta) a Medina.

Storia[modifica | modifica sorgente]

ʿAbd al-ʿAzīz iniziò la conquista dell'attuale Arabia Saudita nel 1902, da emiro di Riyāḍ. Seguì la conquista del Najd nel 1922 e del Ḥijāz nel 1925. Da sultano del Najd, diventò prima re del Ḥijāz e Najd e poi re dell'Arabia Saudita nel 1932.

Tutti i sovrani che sono succeduti ad ʿAbd al-ʿAzīz sono suoi figli (ne ebbe 42), anche se di madri diverse. La successione al trono saudita è regolata dall'antica legge del "seniorato": un'assemblea familiare decide l'erede dalla generazione del predecessore o da quella immediatamente successiva, privilegiando non tanto il figlio d'un sovrano deceduto, quanto il più anziano appartenente alla famiglia. La linea di successione non è quindi mai decisa prima dell'ascesa al trono del principe ereditario. Fino al giorno della sua morte (22 ottobre 2011) il principe ereditario è stato Sultan ibn 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud, fratellastro del re ʿAbd Allāh e fratello di Fahd (Fahd e Sultan hanno altri 5 fratelli, noti come i "Sette Sudayrī", dal nome del clan di appartenenza della madre di Fahd, Huṣṣa bint Aḥmad b. Muḥammad al-Sudayrī).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]