Dinastia Kamehameha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma del regno delle Hawaii

Kamehameha fu una dinastia che governò dal 1810 al 1893 il Regno delle Hawaii, ossia dall'unificazione delle isole sotto Kamehameha I alla morte di Kamehameha V. Tra i contributi più importanti ad opera dei re Kamehameha vanno annoverati:

  • l'introduzione della forma di governo costituzionale,
  • l'abolizione dell'antico sistema dei kapu hawaiani a favore di un diritto occidentalizzato,
  • la proclamazione dell'Editto di Tolleranza che dava libertà di religione,
  • la promulgazione del Grande Mahele, permettendo i diritti di proprietà privata.


Origini[modifica | modifica sorgente]

Ritratto di Kamehameha I

La dinastia ebbe origine dal distretto di Kona.

Il padre di Kamehameha I era Keōua Kalanikupuapaʻkalaninui, capo di Kona, e sua madre Kekuʻiapoiwa, nipote del re Alapaʻi delle Hawaii. Kamehameha I iniziò una serie di guerre di conquista e ad intessere una serie di alleanze strategiche.

Anche attraverso successioni ereditarie riuscì ad unificare le Hawaii sotto un unico regno.

Elenco dei re Kamehameha[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]