Digital AMPS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Standard di telefonia mobile
3GPP: famiglia GSM/UMTS
2G
3G
Pre-4G
3GPP2: famiglia cdmaOne/CDMA2000
2G
3G
Pre-4G
Altre tecnologie
0G
1G
2G
Pre-4G
Bande di frequenza

L'IS-54 e l'IS-136 sono la seconda generazione (2G) dei sistemi usati dai telefoni cellulari, e sono conosciuti come Digital AMPS (D-AMPS). Erano particolarmente diffusi negli Stati Uniti e in Canada negli anni novanta, ma attualmente sono considerati obsoleti. Le tecnologie che hanno rimpiazzato i D-AMPS sono i sistemi GSM/GPRS o CDMA2000.

Questo sistema è un classico modello TDMA (time division multiple access), ovvero una tecnica usata da molti protocolli, come anche il GSM, che consente un utilizzo multiplo. Il TDMA è stato però rimpiazzato dai gestori delle reti mobile dal sistema detto CDMA (code division multiple access).

I D-AMPS sfruttano i già esistenti canali AMPS e permettono una transizione più facile tra il sistema digitale e quello analogico nella stessa area. Il metodo digitale utilizzava le bande di frequenza 824-849 e 869-894 MHz e venne migliorato rispetto a quello analogico dividendo ogni canale da 30 kHz in tre parti (le “time division”) e comprimendo digitalmente i dati vocali trasmessi; questo consente di gestire tre chiamate distinte con la stessa capacità necessaria precedentemente per una sola. Le chiamate venivano criptate usando l'algoritmo CMEA (successivamente venne scoperto che esso non era all'avanguardia) e gli scanner analogici non potevano funzionare con i segnali digitali, dunque i D-AMPS permisero una maggiore sicurezza. Il modello IS-136, rispetto al precedente IS-54, portò notevoli novità, quali l'invio di messaggi di testo, CSD (circuit switched data), miglior protocollo di compressione. I maggiori network che utilizzavano gli IS-136 erano quelli della AT&T negli Stati Uniti e della Rogers Wireless in Canada. Entrambi gli operatori però decisero di passare a sistemi più sviluppati, come il GSM/GPRS, e quindi terminarono l'utilizzo dei sistemi TDMA e AMPS.

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

L'IS-54 venne adottato in maniera definitive a seguito della standardizzazione da parte della EIA e della TIA. Successivamente divenne uno standard riconosciuto dalla American National Standards Institute.

Specifiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

L'IS-54 utilizza lo stesso spazio di 30 kHz e banda di frequenze tra 824 e 849 e 869 e 894 MHz degli AMPS. Per aumentarne la capacità venne diviso il canale in tre sequenze temporali e la voce compressa digitalmente in una singola “cella”. L'IS-54 è stato il primo sistema di comunicazione mobile a garantire la sicurezza ed il primo ad impiegare la tecnologia TDMA. Prevedeva 84 canali, di cui 42 in condivisione con il sistema AMPS; per garantire ulteriormente la compatibilità usava le stesse tecnologie di trasmissione e di modulazione (FSK) degli AMPS. Proprio per questo l'infrastruttura AMPS/IS-54 poteva funzionare sia con i segnali digitali che con quelli analogici. L'utilizzo della tecnologia TDMA era in grado di fornire da 3 a 6 volte più capacità di trasferimento rispetto ai più vecchi canali AMPS, dividendo i 3 “time division” a metà. La velocità (bit rate) di trasmissione del canale usata nella modulazione digitale è di 48,6 kbit/s; ogni segmento in cui è diviso il canale ha disposizione 6,67 ms di tempo e ognuno di essi trasporta 324 bit di informazioni (64 sono in aggiunta, di cui 28 servono per la sincronizzazione). Ognuno dei sei segmenti ha differenti sequenze di sincronizzazione, permettendo ad ogni ricevitore di sincronizzarsi con i segmenti a lui preassegnati. 12 bit aggiuntivi vengono inviati per il SACCH (un sistema di controllo delle informazioni).

Specifiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Gamma di frequenza Rx: 869-894 MHz Tx: 824-849 MHz
Metodo di accesso multiplo TDMA / FDM
Metodo duplex FDD
Numero di canali 832 (3 utenti per canale)
Larghezza di banda del canale 30 kHz
Modulazione π / 4 DQPSK
Bit rate anale 48,6 kbit/s
Efficienza spettrale 1,62 bit/s/Hz
Equalizzatore Non specificate nella norma
Interpolazione Interpolatore 2 slot

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Telefonia Portale Telefonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Telefonia