Digging Your Scene - The Best of The Blow Monkeys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Digging Your Scene - The Best of The Blow Monkeys
Artista The Blow Monkeys
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 4 febbraio 2008
Durata 120:00 ca. (totale 2 CD):
60:00 ca. (CD 1);
60:00 ca. (CD 2)
Dischi 2
Tracce 36 (18+18)
Genere Musica house
Ballata
Soul
Dance
Funk
New wave
Pop rock
Punk rock
Jazz
Etichetta Music Club Deluxe
Produttore Dr. Robert
Adam Moseley
Peter Wilson
Michael Baker & The Axeman
Stephen Hague
Juan Atkins
Paul Witts/Egor
Hector
Arrangiamenti The Blow Monkeys
Registrazione 1984-1990
Note contiene le uniche due UK Top 10 del gruppo: It Doesn't Have to Be This Way (1987) e Wait (1989);

comprende sei duetti: uno con il cantante soul Curtis Mayfield; uno con la regina della Chicago house Kym Mazelle; due con la vocalist Sylvia Tella, uno con il toastin' rapper Eek-A-Mouse e uno con il musicista arabo Cheb Khaled;

il duetto con Kym Mazelle, Wait (Numero 7, all'inizio del 1989, secondo grande successo assoluto per la band), anche se di fatto eseguito dai Blow Monkeys al completo, ed inserito nel loro quarto album del 1989, risulta accreditato soltanto a Robert Howard (il nome anagrafico di Dr. Robert) & Kym Mazelle;

a differenza delle precedenti, la compilation non comprende né brani inediti né tracce rare, anche se include diversi pezzi che non furono mai estratti come singoli.
The Blow Monkeys - cronologia
Album successivo

Digging Your Scene - The Best of The Blow Monkeys è una doppia raccolta di successi, pubblicata, il 4 febbraio del 2008, dal gruppo britannico pop rock / new wave / funky / dance The Blow Monkeys, su etichetta Music Club Deluxe. Guidati dal cantante, chitarrista, pianista e tastierista Dr. Robert, la band si è formata all'inizio degli anni ottanta per poi sciogliersi all'inizio del 1990. Dr. Robert ha quindi iniziato la carriera solista ma, alla fine del 2007, i Blow Monkeys si sono riformati, con l'intenzione di pubblicare un nuovo album di inediti ed effettuare un tour promozionale per pubblicizzarlo.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

I 36 brani inclusi su questa doppia compilation erano originariamente contenuti nei cinque album di studio del gruppo e gran parte sono usciti anche come singoli. Tra i più grandi successi ottenuti in quest'ultimo formato, sono sicuramente da ricordare It Doesn't Have to Be This Way (Numero 5 nella classifica britannica nel 1987, la posizione più alta da loro mai raggiunta) e Digging Your Scene (arrivando al Numero 12 nel 1986, questo pezzo ha rappresentato la prima hit nazionale, statunitense e internazionale dei Blow Monkeys, salendo fino al Numero 14 nella hit parade di Billboard e al Numero 7 nella classifica dance USA, e raggiungendo un rispettabile Numero 25 in Germania).

Un'altra Top Ten è costituita da Wait, un duetto, arrivato al Numero 7, accreditato soltanto al leader Dr. Robert, come Robert Howard (il suo vero nome), e alla diva della house di Chicago Kym Mazelle, nonostante venisse spesso suonato da tutto il gruppo, nei concerti dal vivo, e fosse contenuto anche nel loro quarto album Whoops! There Goes the Neighbourhood. Il brano riveste un'importanza particolare per la distinzione tra generi musicali, perché avrebbe dato vita al sottogenere house poi definito UK garage.

Altri cinque duetti sono compresi nella doppia collection del 2008: l'inno politico Celebrate (The Day After You), cantato con la leggenda del soul Curtis Mayfield (e pesantemente censurato, per via della pubblicazione avvenuta all'epoca della ri-elezione del 1987, quando l'allora Primo ministro del Regno Unito, Margaret Thatcher, la cosiddetta «Lady di ferro», veniva duramente attaccata da molti artisti e gruppi britannici, tra cui i Blow Monkeys); Be Not Afraid, un'interpretazione, piuttosto sentita da Robert, con lo straordinario musicista arabo Cheb Khaled (la descrizione della nascita graduale della canzone è una delle poche cose scritte da Howard nel libretto allegato ad un'altra doppia compilation, meno recente), Choice?, uno scatenato brano house suonato dalla band con la giovane vocalist Sylvia Tella (uno dei loro ultimi successi prima dello scioglimento, avvenuto nei primi anni novanta), la quale ha collaborato anche a Slaves No More, un singolo che ebbe meno successo e che rappresentava la seconda di due inediti inseriti nella prima raccolta, Choices - The Singles Collection (il cui titolo deriva proprio dal titolo del primo singolo estratto da quell'album) e che compare anche qui; e, infine, Sweet Murder, uno dei primi esperimenti musicali del gruppo, realizzato con il toaster Eek-A-Mouse, che si esibisce nel tipico rap giamaicano, reso popolare soprattutto dal remix di Do You Really Want to Hurt Me dei Culture Club e da altri brani meno noti di Boy George come solista (mai uscita su formato singolo, Sweet Murder divenne una traccia piuttosto popolare all'interno del repertorio dei Blow Monkeys, contenuta sul secondo long playing, Animal Magic, che comprendeva anche il loro primissimo successo, la citata Digging Your Scene).

Questo doppio greatest hits ripropone anche molte altre tracce tratte dai cinque album di studio, tra le più riuscite, tra cui la title track del quinto ed ultimo LP Springtime for the World, la medley strumentale Vibe Alive/Reflections '89, la ballabile Squaresville, e molte altre.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD 1[modifica | modifica wikitesto]

  1. Digging Your Scene
  2. Celebrate (The Day After You) - The Blow Monkeys & Curtis Mayfield
  3. Wait - Robert Howard & Kym Mazelle
  4. It Doesn't Have to Be This Way
  5. Springtime for the World
  6. Be Not Afraid - The Blow Monkeys & Cheb Khaled
  7. Vibe Alive/Reflections '89
  8. As the Dust Settles
  9. La Passionara
  10. This Is Your Life (1988 mix)
  11. Choice? - The Blow Monkeys & Sylvia Tella
  12. Slaves No More - The Blow Monkeys & Sylvia Tella
  13. Out with Her
  14. Heaven Is a Place
  15. In Too Deep
  16. Let the People Dance
  17. Checking Out
  18. If You Love Somebody

CD 2[modifica | modifica wikitesto]

  1. Man from Russia
  2. He's Shedding Skin
  3. Atomic Lullaby
  4. Wildflower
  5. Wicked Ways
  6. Forbidden Fruit
  7. Squaresville
  8. It Pays to Belong
  9. Trashtown Incident
  10. Fat Cat Belusha
  11. Bombed into the Stoneage
  12. Aeroplane City Lovesong
  13. I Backed a Winner in You
  14. I Nearly Died Laughing
  15. Come on Down
  16. Sweet Murder - The Blow Monkeys & Eek-A-Mouse
  17. Rise Above
  18. The Other Side of You

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Dr. Robert
  • Adam Moseley
  • Peter Wilson
  • Michael Baker & The Axeman
  • Stephen Hague
  • Juan Atkins
  • Paul Witts/Egor
  • Hector

Per gli altri musicisti, produttori e membri del personale in dettaglio, vedi i cinque album di studio dei Blow Monkeys e la loro prima raccolta di successi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock