Diga di Ma'rib

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Diga di Ma'rib
Diga di Ma'rib
Stato Yemen Yemen
Governatorato Ma'rib
Fiume Ma'rib
Uso Irrigazione
Proprietario Regno di Saba
Inaugurazione 750 a.C.
Tipo sbarramento di terra
Coordinate 15°23′N 45°14′E / 15.383333°N 45.233333°E15.383333; 45.233333
Mappa di localizzazione: Yemen
Dighe presenti su Wikipedia

Coordinate: 15°23′N 45°14′E / 15.383333°N 45.233333°E15.383333; 45.233333

La diga di Ma'rib (in arabo: سد مأرب, Sadd Māʾrib) fu edificata per frenare le acque del Wadi Adhana (o Dhana) nella valle del Dhana, nelle colline di Balaq, in Yemen. Le attuali rovine appartengono alla diga crollata nel VII secolo della nostra era. Costituisce una delle meraviglie ingegneristiche del mondo antico, rimasta peraltro ignota al mondo mediterraneo, ed è una delle principali ragioni della eccezionale fioritura della cultura sabea.

La Grande Diga di Māʾrib[modifica | modifica wikitesto]

Il sito dell'antica diga di Māʾrib si trova a monte (sud-est) dell'antica città di Māʾrib, l'antica capitale del Regno di Saba, ritenuta il leggendario reame della biblica regina di Saba. Il Regno di Saba'a fu una prospera nazione commerciale che vantava il monopolio dei traffici dell'incenso e di altre preziose spezie arabe ed etiopiche. I Sabei edificarono la diga per irreggimentare le precipitazioni delle periodiche piogge monsoniche provocate dalle vicine elevazioni montuose, così da irrigare le terre intorno alla città.

Recenti ritrovamenti archeologici suggeriscono che un semplice sbarramento di terra e una rete di canalizzazioni furono costruite già verso il 2000 a.C. I lavori per la costruzione della prima diga di Māʾrib, ebbero inizio tra il 750 a.C. e il 700 a.C., in concomitanza con l'avvio del commercio dell'incenso, e richiesero un secolo all'incirca per essere completati (il Mukarrib Ali Yanuf bin Dhamar Ali ebbe il suo nome scolpito in alcune parti della diga per ricordarne il completamento). Lo sbarramento, a sezione triangolare, era di terra compressa, largo 580 m e alto 4 metri; si sviluppava lungo due gruppi di rocce su entrambe le sponde del fiume ed era collegato alla roccia di fondo grazie a una consistente opera muraria in pietra. Dalla diga l'acqua fluiva, attraverso alcune chiuse soprastanti, alla rete di canali d'irrigazione. Il limo portato dall'acqua tendeva a ostruire le chiuse, rendendo necessario un continuo lavoro di riassetto ingegneristico dell'opera per consentire il regolare deflusso dell'acqua. Verso il 500 a.C. l'altezza della diga aveva raggiunto i 7 metri, e si rese necessario un rafforzamento della diga stessa tramite un ulteriore apporto di pietre e rocce, che portò alla costruzione di due chiuse, una a meridione e una a settentrione.

Dopo la fine del Regno di Saba, il controllo della diga cominciò ad essere assicurato, verso il 115 a.C., dagli Himyariti. Costoro effettuarono un restauro del manufatto, creando una struttura di 14 metri di altezza, con sostanziosi rimaneggiamenti delle chiuse meridionale e settentrionale. Questi lavori non finirono prima del 325 e consentirono l'irrigazione di 100 km² di territorio.

Malgrado il suo rafforzamento, la diga conobbe numerosi danni e l'aprirsi di alcune falle (i maggiori incidenti datano agli anni 449, 450, 542 e 548), mentre il lavoro di manutenzione divenne sempre più complesso e oneroso. L'ultimo intervento attestato risale al 557. Nel 570, o 575, le chiuse della diga si ostruirono ancora una volta, in un modo che per l'epoca irrimediabile. La distruzione della diga è ricordata nel Corano e il susseguente collasso del sistema irriguo provocò l'emigrazione verso il settentrione arabico di oltre 50.000 persone: una cifra enorme, vista la scarsità numerica della popolazione indigena dell'epoca.

L'attuale diga[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1986 una nuova diga di 38 metri d'altezza e di 763 metri di lunghezza è stata completata sul fiume Dhana, creando un bacino della capacità di 398 milioni di metri cubi d'acqua. La diga è situata 3 chilometri a monte delle rovine dell'antica diga di Māʾrib.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]