Difesa ippopotamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Difesa ippopotamo
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
b8 cavallo del nero
c8 alfiere del nero
d8 donna del nero
e8 re del nero
f8 alfiere del nero
g8 cavallo del nero
h8 torre del nero
a7 pedone del nero
b7 pedone del nero
c7 pedone del nero
d7 pedone del nero
e7 pedone del nero
f7 pedone del nero
h7 pedone del nero
g6 pedone del nero
e4 pedone del bianco
a2 pedone del bianco
b2 pedone del bianco
c2 pedone del bianco
d2 pedone del bianco
f2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
b1 cavallo del bianco
c1 alfiere del bianco
d1 donna del bianco
e1 re del bianco
f1 alfiere del bianco
g1 cavallo del bianco
h1 torre del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Mosse 1.e4 g6
Codice ECO B00
Evoluzione di Apertura di gioco semiaperto
Sinonimi Difesa Adams

Con il termine difesa ippopotamo o difesa Adams si intende riferirsi generalmente a una apertura del gioco degli scacchi caratterizzata da 10 mosse principali da parte del nero: 1.g6 2.Ag7 3.d6 4.e6 5.Cd7 6.h6 7.a6 8.b6 9.Ce7 10.Ab7

Come molte risposte eccentriche a 1.e4 viene catalogata col codice ECO B00.

Variante dell'ippopotamo[modifica | modifica sorgente]

a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
c8 alfiere del nero
d8 donna del nero
e8 re del nero
h8 torre del nero
a7 pedone del nero
b7 pedone del nero
c7 pedone del nero
d7 cavallo del nero
e7 cavallo del nero
f7 pedone del nero
g7 alfiere del nero
h7 pedone del nero
d6 pedone del nero
e6 pedone del nero
g6 pedone del nero
d4 pedone del bianco
e4 pedone del bianco
c3 pedone del bianco
f3 cavallo del bianco
a2 pedone del bianco
b2 pedone del bianco
e2 alfiere del bianco
f2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
b1 cavallo del bianco
c1 alfiere del bianco
d1 donna del bianco
f1 torre del bianco
g1 re del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Variante dell'ippopotamo

Viene così definita una variante della difesa Robatsch (codice ECO B06) determinata da:

1.e4 g6
2.d4 Ag7
3.Cf3 d6
4.c3 Cd7
5.Ae2 e6
6.0-0 Ce7

Sistema o Formazione ippopotamo[modifica | modifica sorgente]

È stata anche definita come difesa ippopotamo una serie di mosse del Nero, non necessariamente in un certo ordine, ma certamente con una certa logica, che portano a una configurazione di pedoni e pezzi leggeri come illustrata a fianco. Visto che esistono testi pubblicati che si riferiscono a questa ipotesi, essa si dà per definita, con un unico dubbio. Poiché l'impostazione sotto descritta può valere anche per un giocatore con il Bianco, sarebbe forse più corretto chiamare questo impianto di gioco col nome di sistema o formazione ippopotamo.

Detto ciò si definisce Ippopotamo un sistema in cui il Nero muove alcuni dei suoi pedoni fino alla sesta traversa e sviluppa gli alfieri e i cavalli nella settima traversa. Il termine fu usato per descrivere l'apertura giocata da Boris Spassky sia nella dodicesima che nella sedicesima partita del match per il campionato del mondo di scacchi contro Tigran Petrosian (si vedano i diagrammi seguenti). Entrambe le partite terminarono con una patta.

Petrosian-Spassky, Campionato del mondo 1966, partita 12
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
d8 donna del nero
e8 re del nero
h8 torre del nero
a7 pedone del nero
b7 alfiere del nero
c7 pedone del nero
d7 cavallo del nero
e7 cavallo del nero
f7 pedone del nero
g7 alfiere del nero
h7 pedone del nero
b6 pedone del nero
d6 pedone del nero
e6 pedone del nero
g6 pedone del nero
c4 pedone del bianco
d4 pedone del bianco
e4 pedone del bianco
c3 cavallo del bianco
e3 alfiere del bianco
f3 cavallo del bianco
a2 pedone del bianco
b2 pedone del bianco
e2 alfiere del bianco
f2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
d1 donna del bianco
f1 torre del bianco
g1 re del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Dopo l'8ª mossa del Nero
Petrosian-Spassky, Campionato del mondo 1966, partita 16
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
d8 donna del nero
f8 torre del nero
g8 re del nero
b7 alfiere del nero
c7 pedone del nero
d7 cavallo del nero
e7 cavallo del nero
f7 pedone del nero
g7 alfiere del nero
h7 pedone del nero
a6 pedone del nero
b6 pedone del nero
d6 pedone del nero
e6 pedone del nero
g6 pedone del nero
a4 pedone del bianco
d4 pedone del bianco
e4 pedone del bianco
c3 pedone del bianco
d3 alfiere del bianco
f3 cavallo del bianco
b2 pedone del bianco
d2 cavallo del bianco
f2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
c1 alfiere del bianco
d1 donna del bianco
e1 torre del bianco
g1 re del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Dopo la 10ª mossa del Nero

Con questo impianto si rinuncia a ogni tentativo di attacco in cambio di una solida posizione che può contrastare qualsiasi attacco del Bianco.

La filosofia dietro a ciò è che è uno svantaggio avere l'iniziativa, cioè l'obbligo di fare qualcosa, quando si affronta una così solida struttura. Il Nero cercherà di rispondere agli attacchi tenendo le linee chiuse e dirottando gli attacchi dei pezzi avversari con i pedoni, dopo di che cercherà egli stesso il contrattacco. In termini pratici ciò significa che il Nero contrasterà la mossa e5 con d5, con il seguito, in stile difesa francese, del tentativo di rottura con c5. In alternativa se il Bianco gioca d5 il Nero risponde con la mossa e5 seguita da f5 come avviene nella difesa est indiana.

Vlastimil Hort, Igor Glek e Mihai Suba sono alcuni dei Grandi Maestri che hanno sviluppato la formazione ippopotamo, e Kiril Georgiev l'ha usata come arma anti-computer.

Su questa difesa sono stati scritti alcuni trattati sia in lingua inglese che in italiano. Nel giocare questa difesa contro Petrosian, Spassky fu ispirato dal maestro di nazionalità ceca Maximilian Ujtelky, che aveva sperimentato questo tipo di apertura per vari anni e che l'aveva anche usata proprio contro di lui nel 1964[1] (vedere sotto).

Ujtelky con questo impianti riuscì ad avere la meglio anche sul forte Maestro Internazionale sovietico Rashid Nezhmetdinov[2].

Nezhmetdinov-Ujtelky, Sochi 1964
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
c8 donna del nero
d8 torre del nero
f8 cavallo del nero
h8 torre del nero
b7 alfiere del nero
e7 cavallo del nero
f7 re del nero
g7 alfiere del nero
a6 pedone del nero
b6 pedone del nero
c6 pedone del nero
d6 pedone del nero
e6 pedone del nero
f6 pedone del nero
g6 pedone del nero
h6 pedone del nero
a4 pedone del bianco
d4 pedone del bianco
e4 pedone del bianco
h4 pedone del bianco
b3 alfiere del bianco
c3 cavallo del bianco
f3 cavallo del bianco
h3 torre del bianco
b2 pedone del bianco
c2 pedone del bianco
e2 donna del bianco
f2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
c1 alfiere del bianco
e1 torre del bianco
g1 re del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Dopo la 18ª mossa del Nero

Partite[modifica | modifica sorgente]

Spassky-Ujtelky, Sochi 1964[modifica | modifica sorgente]

1.e4 g6 2.d4 Ag7 3.Cc3 a6 4.Cf3 d6 5.Ac4 e6 6.Ag5 Ce7 7.a4 h6 8.Ae3 b6 9.0-0 Cd7 10.Te1 0-0 11.Dd2 Rh7 12.Tad1 Ab7 13.De2 Dc8 14.Af4 Td8 15.h4 Cf8 16.Ab3 f6 17.Cb1 e5 18.Ac1 Ce6 19.c3 Tf8 20.Ca3 f5? 21.dxe5 dxe5 22.Cxe5! Axe5 23.exf5 Txf5 24.Ac2 Th5?? 25.Dxh5 (1-0)[3]

Petrosian-Spassky, Campionato del mondo 1966 (partita 12)[modifica | modifica sorgente]

1.Cf3 g6 2.c4 Ag7 3.d4 d6 4.Cc3 Cd7 5.e4 e6 6.Ae2 b6 7.0-0 Ab7 8.Ae3 Ce7 9.Dc2 h6 10.Tad1 0-0 11.d5 e5 12.Dc1 Rh7 13.g3 f5 14.exf5 Cxf5 15.Ad3 Ac8 16.Rg2 Cf6 17.Ce4 Ch5 18.Ad2 Ad7 19.Rh1 Ce7 20.Ch4 Ah3 21.Tg1 Ad7 22.Ae3 De8 23.Tde1 Df7 24.Dc2 Rh8 25.Cd2 Cf5 26.Cxf5 gxf5 27.g4 e4 28.gxh5 f4 29.Txg7 Dxg7 30.Tg1 De5 31.Cf3 exd3 32.Cxe5 dxc2 33.Ad4 dxe5 34.Axe5+ Rh7 35.Tg7+ Rh8 36.Tg6+ Rh7 37.Tg7+ Rh8 38.Tg6+ Rh7 39.Tg7+ (½-½)[4]

Petrosian-Spassky, Campionato del mondo 1966 (partita 16)[modifica | modifica sorgente]

1.d4 g6 2.e4 Ag7 3.Cf3 d6 4.Ae2 e6 5.c3 Cd7 6.0-0 Ce7 7.Cbd2 b6 8.a4 a6 9.Te1 Ab7 10.Ad3 0-0 11.Cc4 De8 12.Ad2 f6 13.De2 Rh8 14.Rh1 Df7 15.Cg1 e5 16.dxe5 fxe5 17.f3 Cc5 18.Ce3 De8 19.Ac2 a5 20.Ch3 Ac8 21.Cf2 Ae6 22.Dd1 Df7 23.Ta3 Ad7 24.Cd3 Cxd3 25.Axd3 Ah6 26.Ac4 Dg7 27.Te2 Cg8 28.Axg8 Txg8 29.Cd5 Axd2 30.Txd2 Ae6 31.b4 Df7 32.De2 Ta7 33.Ta1 Tf8 34.b5 Taa8 35.De3 Tab8 36.Tf1 Dg7 37.Dd3 Tf7 38.Rg1 Tbf8 39.Ce3 g5 40.Tdf2 h5 41.c4 Dg6 42.Cd5 Tg8 43.De3 Rh7 44.Dd2 Tgg7 45.De3 Rg8 46.Td2 Rh7 47.Tdf2 Tf8 48.Dd2 Tgf7 49.De3 (½-½)[5]

Barczay-Ivkov, Sousse Interzonali 1967[modifica | modifica sorgente]

1.e4 g6 2.d4 Ag7 3.Cf3 d6 4.Ac4 a6 5.0-0 e6 6.Ag5 Ce7 7.Dd2 h6 8.Ae3 Cd7 9.Cc3 b6 10.Tfe1 Ab7 11.a4 Cf6 12.e5 Cfd5 13.Af4 Cxc3 14.Dxc3 0-0 15.exd6 cxd6 16.Da3 Cf5 17.c3 Axf3 18.gxf3 e5 19.Ag3 h5 20.dxe5 dxe5 21.Rh1 Dg5 (0-1)[6]

Baburin-Miles, 4NCL 2000-01[modifica | modifica sorgente]

Una delle ultime partite di Tony Miles, premiata con il premio Game of the Season.

1.d4 e6 2.c4 b6 (una partita inglese, che presto rientra per trasposizione in una ippopotamo) 3.a3 g6 4.Cc3 Ag7 5.e4 Ce7 6.Cf3 Ab7 7.Ad3 d6 8.0-0 Cd7 9.Te1 h6 10.h3 a6 11.Ae3 g5 12.Tc1 c5 13.d5 Cg6 14.Ac2 De7 15.Dd2 0-0 16.Tcd1 Cde5 17.Cxe5 Axe5 18.Ad3 Df6 19.Ca4 Tab8 20.Cxb6 Ac8 21.Ca4 (se 21.Cxc8 Txb2! 22.Da5 Txc8 23.Dxa6 Tcb8 seguita da …Cf4 e …Ad4) Ad7 22.Cc3 Tb3 3.Tb1 Tfb8 24.Cd1 exd5 25.cxd5 Cf4 26.Axf4 gxf4 27.Ac2 Txh3! 28.gxh3 Rh8 29.f3 Tg8+ 30.Rh1 Dh4 (0-1)[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Partita su Chessgames.com
  2. ^ Partita su Chessgames.com
  3. ^ Partita su Chessgames.com
  4. ^ Partita su Chessgames.com
  5. ^ Partita su chessgames.com
  6. ^ Partita su Chessgames.com
  7. ^ Partita su Chessgames.com
scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi