Difesa Pirc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Difesa Pirc
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
b8 cavallo del nero
c8 alfiere del nero
d8 donna del nero
e8 re del nero
f8 alfiere del nero
h8 torre del nero
a7 pedone del nero
b7 pedone del nero
c7 pedone del nero
e7 pedone del nero
f7 pedone del nero
g7 pedone del nero
h7 pedone del nero
d6 pedone del nero
f6 cavallo del nero
d4 pedone del bianco
e4 pedone del bianco
a2 pedone del bianco
b2 pedone del bianco
c2 pedone del bianco
f2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
b1 cavallo del bianco
c1 alfiere del bianco
d1 donna del bianco
e1 re del bianco
f1 alfiere del bianco
g1 cavallo del bianco
h1 torre del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Mosse 1.e4 d6
2.d4 Cf6
Codice ECO B06-B09
Origine del nome Vasja Pirc
Anatolij Ufimtsev
Evoluzione di Apertura di re
Sinonimi Difesa Ufimtsev
Difesa Jugoslava

La difesa Pirc o difesa Ufimtsev è un'apertura scacchistica.

Fu analizzata dal sovietico Anatolij Ufimtsev e poi portata in auge dal grande maestro jugoslavo Vasja Pirc negli anni '40, ed è considerata tra le più recenti. È caratterizzata dalla sequenza:

  1. e4 d6
  2. d4 Cf6

Analisi[modifica | modifica sorgente]

Questa difesa può portare a rientri nell'est indiana o nella siciliana; si ricollega infatti a schemi propri del gioco moderno (centro arretrato del Nero; spinta in c5 per allungare il raggio d'azione dell'Ag7; attacco sul lato di donna).

Il Nero può ottenere una posizione solida ma piuttosto ristretta e se il Bianco adotta varianti aggressive, il Nero deve reagire con prontezza ed efficacia per non cadere in una posizione passiva e priva di buone prospettive d'attacco.

In questo impianto il nero generalmente fianchetta l'alfiere di re per esercitare un controllo a distanza sul centro, riservandosi eventualmente di occupare materialmente il centro con i propri pedoni al momento più opportuno, dopo che il bianco abbia chiarito, e magari irrigidito, la propria struttura pedonale. Qualora il bianco giochi passivamente, o al contrario si esponga creando un centro di pedoni eccessivamente esteso e per questo poco difendibile nella sua interezza, il nero avrà buon gioco con spinte di rottura centrali che possono portare al rapido collasso della posizione del bianco.
L'impianto che ne risulta è molto simile a quelli della Difesa Robatsch e della Difesa Moderna con la differenza che, in questi ultimi, lo sviluppo del cavallo in f6 (immediato nella difesa Pirc) viene ritardato o addirittura non effettuato.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

La variante principale è caratterizzata dalla sequenza:

2.d4 Cf6
3.Cc3 g6

Data l'estrema flessibilità dell'impianto scelto dal nero non sorprende che il bianco abbia a disposizione un numero di piani di gioco molto ampio, potendo scegliere pressoché liberamente qualsiasi struttura pedonale.

Tra le varianti possibili:

  • 4.Cf3: con l'idea di sviluppare i pezzi con Ad3, Ae3, 0-0 con posizioni interessanti e giocabili per entrambi i colori.
  • 4.f4 (Attacco austriaco): con l'idea di sviluppare i pezzi dietro l'esteso centro di pedoni con Ad3, Ae3, Cf3 e cercare il momento favorevole per la rottura centrale e4-e5.
  • 4.f3: con l'idea di Ae3, Dd2, 0-0-0 e magari h2-h4-h5 con violento attacco contro l'arrocco nero.
  • 4.g3: un trattamento più posizionale e lento
  • 4.Ag5: una delle prime linee ad essere giocate contro la Difesa Pirc, per lo più con l'idea di arroccare sul lato di donna.
  • 4.Ac4: una linea piuttosto aggressiva che minaccia temi tattici sul punto f7.

Con il tempo, e il miglioramento della tecnica difensiva, la pratica di questa apertura ha dimostrato che un attacco precoce del bianco può rivelarsi un boomerang. Anche linee come 4.f4 e 4.f3 vengono oggi giocate con intenti più posizionali che in passato, quando non erano rari veri e propri assalti all'arma bianca. Questa apertura risulta molto popolare sia per la sua validità sia per la modernità delle sue idee (sviluppo dell'alfiere in fianchetto) e controllo a distanza del centro.

Continuazioni[modifica | modifica sorgente]

Nell'analisi in precedenza si è detto che se il bianco opera varianti aggressive, il nero deve reagire con prontezza ed efficacia per evitare di cadere in posizioni passive. Infatti si guardi questa continuazione della variante che va sotto il nome di attacco austriaco in cui il nero si ritrova nel giro di una decina di mosse in posizione ristretta con conseguente perdita della partita.

4 f4 Ag7 5 Cf3 Ag4? (c5) 6 h3 Ad7? (Axf3) 7 e5! Ch5 8 Rf2! f5? (Af8) 9 Ac4 Ah6 10 e6 Ac8 11 g4!ed il bianco ha un vantaggio decisivo. Infatti se Axf4 12 gxh5 Axc1 13 Dxc1 c6 14 Dh6! d5 15 hxg6 dxc4 16 g7 Tg8 17 Dh5#

Per evitare di entrare in una posizione così debole il nero può optare per una variante spettacolare e forzata che porta alla patta:

4.f4 Ag7 5.Cf3 c5! 6.e5 Cg4 7. Ab5+ (sennò il centro bianco viene distrutto. 7.h3 non porta a nulla.)7...Ad7 8.e6! fxe6 9.Cg5 Axb5 10.Cxe6 Axd4!! 11.Cxd8 Af2+ con conseguente patta per ripetizione!

Tranello[modifica | modifica sorgente]

Molto interessante questo tranello che si può avere nel Sistema Classico (Codice ECO B08)della difesa. 1 d4 d6 2 Af4 Cf6 3 Cc3 g6 4 Cf3 Ag7 5 e4 Cbd7 6 Ac4 0-0 7 0-0 Te8?? a prima vista la posizione del nero sembra solida ma il bianco con un colpo geniale guadagna la donna.

9 Axf7!! Rxf7 10 Cg5+ Rg8 11 Ce6 la donna è spacciata.

Naturalmente il nero può rifiutare l'offerta dell' alfiere giocando Rh8 ed in questo caso la partita potrebbe proseguire con: 9..Rh8 10 Axe8 Dxe8 11 Cb5 Tb8 12 Cxc7 Dg8 13 e5 dxe5 14 dxe5 Ch5 15 Dd4 Dd8 16 Ce6 il bianco è in vantaggio molto decisivo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • John Nunn, La difesa Pirc-Moderna, Mursia, 1995
scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi