Dietrich von Choltitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dietrich von Choltitz in una fotografia del 1940

Dietrich von Choltitz (Wiese-Gräflich, 9 novembre 1894Baden-Baden, 4 novembre 1966) è stato un generale tedesco. Governatore di Parigi durante gli ultimi giorni dell'occupazione nazista della città durante la seconda guerra mondiale, divenne famoso per aver disobbedito all'ordine di Hitler di radere al suolo Parigi durante l'ultima fase del conflitto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nel corso della prima guerra mondiale von Choltitz prestò servizio sul fronte occidentale ove conseguì il grado di luogotenente. Rimase nel Reichswehr durante la Repubblica di Weimar, divenendo capitano di cavalleria nel 1929. Successivamente egli divenne comandante del 3º Battaglione Luftlande-Infanterieregiment 16, prima come maggiore e dal 1938 come tenente-colonnello.

Nella seconda guerra mondiale il battaglione di von Choltitz venne utilizzato per l'occupazione di Rotterdam via aerea nel 1940 (il che gli valse la Croce di Ferro). Nel settembre del 1940 divenne comandante dell'intero reggimento e dal 1941 venne promosso al grado di colonnello. Nella guerra contro l'Unione Sovietica, il reggimento di von Choltitz venne utilizzato durante l'assedio di Sebastopoli nel giugno del 1942. Nello stesso anno egli divenne maggior generale e nel 1943 tenente-generale. I suoi posti di comando includevano anche il ruolo di comandante della 260ª Divisione di fanteria nonché quello di comandante del 48º Panzerkorp. Dal marzo 1944 prestò servizio in Italia e dal giugno di quello stesso anno fu presente sul fronte occidentale. Fatto quindi prigioniero dagli alleati a Trent Park in Inghilterra, egli ammise le proprie colpe.

Governatore di Parigi[modifica | modifica sorgente]

Il 1º agosto 1944 von Choltitz venne promosso al rango di Generale di Fanteria ed il 7 agosto divenne Governatore militare della città di Parigi. Egli giunse in città il 9 agosto. Nei successivi 16 giorni di durata dell'occupazione nazista della città, egli disobbedì a molti degli ordini di Adolf Hitler il quale gli aveva intimato di distruggere la città prima che tornasse nelle mani degli alleati.

Von Choltitz, per preservare Parigi, venne anche a patti con le locali forze partigiane di liberazione, pur continuando a mantenere con forza l'occupazione nazista. Egli e 17.000 uomini del suo comando si dovettero infine arrendere al generale francese Philippe Leclerc de Hauteclocque ed al capo della resistenza Henri Rol-Tanguy a Gare Montparnasse il 25 agosto 1944.

Prigionia e ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Dopo la sconfitta, von Choltitz venne tenuto prigioniero per un certo periodo a Trent Park a nord di Londra, un campo di prigionia per ufficiali tedeschi. Di nascosto, durante la sua reclusione, venne fatta una registrazione di un suo discorso con altri compagni prigionieri nei quali ammetteva le proprie colpe.

Dopo un breve periodo a Camp Clinton, nel Mississippi, venne rilasciato dalla prigionia nel 1947. Dietrich von Choltitz morì nel novembre del 1966 per via di una vecchia ferita di guerra nell'ospedale cittadino di Baden-Baden. Venne sepolto nel cimitero della città alla presenza delle più alte autorità francesi che gli riconobbero i meriti di "salvatore della città di Parigi".

Cinematografia[modifica | modifica sorgente]

Dietrich von Choltitz venne interpretato dall'attore tedesco Gert Fröbe nel film Parigi brucia?, una produzione franco-americana sulla liberazione di Parigi.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica sorgente]

Croce di Ferro di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II Classe
Croce di Ferro di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I Classe
Cavaliere dell'Ordine Militare di Sant'Enrico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Sant'Enrico
— 26 dicembre 1917
Cavaliere di II Classe con spade dell'Ordine Reale di Alberto di Sassonia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe con spade dell'Ordine Reale di Alberto di Sassonia
Cavaliere di II Classe con spade dell'Ordine Civile di Sassonia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe con spade dell'Ordine Civile di Sassonia
Distintivo per feriti in argento - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo per feriti in argento
Medaglia della Sudetenland con placca del castello di Praga - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Sudetenland con placca del castello di Praga
Medaglia per lungo servizio militare di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per lungo servizio militare di I Classe
Croce di Ferro di II Classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II Classe (con fibbia 1939)
Croce di Ferro di I Classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I Classe (con fibbia 1939)
Distintivo per feriti in oro - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo per feriti in oro
Croce di Cavaliere dell'Ordine della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Cavaliere dell'Ordine della Croce di Ferro
— 18 maggio 1940
Croce d'Oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'Oro dell'Ordine militare della Croce Tedesca
— 8 febbraio 1942

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Grand'Ufficiale con spade dell'Ordine della Stella di Romania (Regno di Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale con spade dell'Ordine della Stella di Romania (Regno di Romania)
— primavera 1943
Membro di III Classe dell'Ordine di Michele il Coraggioso (Regno di Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di III Classe dell'Ordine di Michele il Coraggioso (Regno di Romania)
— maggio 1943

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Comandante della 11. Panzer-Division Successore Flag of German Reich (1935–1945).svg
Hermann Balck 4 marzo – 15 maggio 1943 Johann Mickl
Predecessore Comandante del XLVIII Panzerkorps Successore Flag of German Reich (1935–1945).svg
Otto von Knobelsdorff 6 maggio – 30 agosto 1943 Otto von Knobelsdorff I
Otto von Knobelsdorff 30 settembre – 21 ottobre 1943 Heinrich Eberbach II

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 95171754 LCCN: n89606793