Diego d'Alcalá

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Diego d'Alcalá
San Diego in un dipinto di Francisco de Zurbarán
San Diego in un dipinto di Francisco de Zurbarán

Religioso dell’Ordine dei Frati Minori

Nascita San Nicolás del Puerto, 1400 c.a.
Morte Alcalá de Henares, 12 novembre 1463
Venerato da Chiesa cattolica
Canonizzazione 1588 da papa Sisto V
Ricorrenza 12 novembre (precedentemente il 13)
Attributi Saio
Patrono di Canicattì

Diego di Alcalà, (Diego di San Nicolás), conosciuto come San Diego d'Alcalá (San Nicolás del Puerto, 1400Alcalá de Henares, 12 novembre 1463), è stato un religioso spagnolo, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Predicò nelle Canarie e partecipò al giubileo a Roma durante la peste, dove si prodigò per aiutare la gente.

Venne canonizzato nel 1588.

Il culto[modifica | modifica sorgente]

San Diego in un'immagine devozionale

Diego d'Alcalá venne canonizzato da papa Sisto V nel 1588, che pose la sua festa al 13 novembre, poiché il 12, che sarebbe stato l'anniversario della sua morte, era occupato da papa Martino I. I francescani lo festeggiavano comunque il 12 novembre e infine, quando il calendario dei santi venne riorganizzato nel 1969, papa Martino I venne spostato al 13 aprile (suo dies natalis)[1], e la commemorazione di Diego d'Alcalá venne ufficializzata al 12 novembre per tutta la Chiesa[2].

Santo molto venerato in Spagna e in America latina, in Italia è protettore di Canicattì.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Calendarium Romanum" (Libreria Editrice Vaticana 1969), p. 145
  2. ^ "Martyrologium Romanum" (Libreria Editrice Vaticana 2001 ISBN 88-209-7210-7)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • San Diego di Alcalà in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
  • Biografia - Festa e culto di San Diego di Alcalà a Canicattì
  • Paolo Mira, Turbigo: la devozione a san Diego e il cardinale Flaminio Piatti, in Spicilegium Mediolanense. Studi in onore di Mons. Bruno Maria Bosatra, a cura di Fabrizio Pagani, Archivio Ambrosiano, Vol. IC - Ricerche Storiche sulla Chiesa Ambrosiana, XXIX (2011), Milano, Editrice ITL, 2011.

Controllo di autorità VIAF: 21781335 LCCN: no99064910