Diego Caccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diego Caccia
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 2012
Carriera
Squadre di club
2006-2009 Barloworld Barloworld
2010 ISD ISD
2011-2012 Farnese Vini Farnese Vini
 

Diego Caccia (Ponte San Pietro, 31 luglio 1981) è un ex ciclista su strada italiano, professionista dal 2006 al 2012.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un breve periodo di stage nella Saeco nel 2004, passa professionista all'inizio del 2006 con il Team Barloworld, nel ruolo di passista e gragario.

Tra gli episodi più particolari nel 2008, durante la Monte Paschi Eroica, viene investito da un capriolo, cade e si procura la rottura del setto nasale in due punti. L'anno dopo conquista un terzo posto nella quarta tappa del Presidential Cycling Tour of Turkey, unitamente alla seconda posizione nella classifica scalatori e in quella della combattività. In Italia, oltre a correre al Giro d'Italia 2009[1][2][3][4], ottiene diversi piazzamenti tra cui un nono posto nella Coppa Agostoni e un decimo nella Coppa Bernocchi. Alla Monte Paschi Strade Bianche è infine protagonista di una fuga di 180 km. In chiusura di stagione e in seguito allo scioglimento della squadra britannica, passa al team ISD-Neri.

Nel 2010 si mette in evidenza alla Tirreno-Adriatico, piazzandosi al secondo posto della classifica scalatori, e alla Milano-Sanremo, nella quale è protagonista di una fuga di oltre 200 chilometri[5]. Sempre nello stesso anno anche alla classica del Giro di Lombardia tenta la fuga per 200 km.

Ha ottenuto alcuni piazzamenti ai campionati italiani a cronometro, con il sesto e il settimo posto rispettivamente nel 2008 e 2009, e il primo posto nella cronosquadre del Brixia Tour 2010.

Nel 2010 e nel 2011 aiuta il proprio capitano Giovanni Visconti a vincere per due anni consecutivi il titolo di campione italiano su strada, e raccoglie alcuni piazzamenti in diverse occasioni.

Dopo aver concluso la carriera sportiva collabora e scrive prove tecniche per la rivista mensile Ciclismo oltre ad essere impiegato sempre nell'ambiente del ciclismo.

È consigliere e membro del direttivo ACCPI Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giro delle Valli Aretine

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa Brixia Tour (Palazzolo, cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2009: 122º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2007: 132º
2009: 117º
2010: 150º
2011: ritirato
2012: 143º
2006: 97º
2007: ritirato
2008: ritirato
2010: ritirato
2011: ritirato

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Pastonesi, Il Giro di Caccia in gazzetta.it, 23 maggio 2009. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  2. ^ Marco Pastonesi, Licenza di Caccia in gazzetta.it, 22 marzo 2009. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  3. ^ Marco Pastonesi, Battuta di Caccia in gazzetta.it, 23 marzo 2009. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  4. ^ Marco Pastonesi, Divieto di Caccia in gazzetta.it, 24 marzo 2009. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  5. ^ Milano-Sanremo: trionfo di Freire. Caccia in fuga per 200 chilometri in ecodibergamo.it, 24 marzo 2009. URL consultato il 17 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]