Didimo di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Didimo di Alessandria (Δίδυμος; Alessandria d'Egitto, 63 a.C. circa – 10 d.C.) è stato un grammatico e filologo greco antico.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Visse tra Alessandria e Roma. La sua attività di infaticabile compilatore (fu autore secondo Ateneo di 3500 libri e secondo Seneca di 4000) gli valse il soprannome di Calcentero (χαλκέντερος), ossia "viscere di bronzo". Gli fu dato anche il soprannome di βιβλιολάθης ossia "dimentico dei suoi libri", perché gli accadeva spesso di contraddire affermazioni fatte in altre opere.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Scrisse opere di grammatica, di teoria e storia dei generi letterari e commenti a singole opere. Nell'ambito della critica omerica scrisse non solo commentari ai singoli libri dei poemi omerici, ma anche un'opera, che era considerata fondamentale, sulle recensioni che di tali poemi aveva fatto Aristarco di Samotracia, nella quale, usando anche sue opere minori, individuava le dottrine genuine di Aristarco, distinguendole da quelle dei suoi continuatori.

Tra le altre opere vi era una raccolta di proverbi, uno scritto sulle leggi di Solone, e trattati eruditi su argomenti tecnici e scientifici (di botanica, agricoltura, medicina, mineralogia e altro).

Studioso certamente non originale, Didimo costituì la principale fonte attraverso cui i commentatori successivi attinsero alla tradizione filologica alessandrina.

Delle sue opere sopravvivono solo frammenti trovati in papiri e citati da vari autori (tra i quali è importante Ateneo).

Edizione dei frammenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Moritz Schmidt, 1964 [1854], Didymi Chalcenteri grammatici Alexandrini fragmenta quae supersunt omnia, reprint (Amsterdam)
  • Didymos: On Demosthenes, edited with a translation by Philip Harding, 2006 (Oxford University Press)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Questo testo proviene in parte dalla relativa voce dell'Enciclopedia italiana.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 169533220 LCCN: n85196283