Didier Bouvet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Didier Bouvet
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Altezza 177 cm
Peso 72 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom speciale
Squadra Les Douanes Mont Blanc
Ritirato 1990
Palmarès
Olimpiadi 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Didier Bouvet (Thonon-les-Bains, 6 marzo 1961) è un ex sciatore alpino francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Slalomista puro originario di Abondance, Didier Bouvet esordì in Coppa del Mondo il 9 dicembre 1980 sull'impegnativo tracciato 3-Tre di Madonna di Campiglio (Italia), concludendo decimo in slalom speciale. Venne convocato per i XIV Giochi olimpici invernali di Sarajevo 1984, in Jugoslavia (ora Bosnia ed Erzegovina), e onorò la partecipazione vincendo a sorpresa[1]. la medaglia di bronzo sempre in slalom, preceduto solo dai gemelli statunitensi Phil e Steve Mahre.

Due anni dopo conquistò l'unica vittoria di carriera sulle nevi di Parpan in Svizzera. L'ultimo podio, un terzo posto, lo ottenne il 21 marzo 1987 a Sarajevo piazzandosi alle spalle degli sciatori di casa Grega Benedik e Bojan Križaj. Terminò l'attività agonistica nel marzo del 1990 con un nono posto a Veysonnaz in Svizzera.

Altre attività[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro divenne editore di una rivista sportiva, Abondance[1].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 25º nel 1986
  • 3 podi (tutti in slalom speciale):
    • 1 vittoria
    • 1 secondo posto
    • 1 terzo posto

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Località Paese Specialità
21 gennaio 1986 Parpan Svizzera Svizzera SL

Legenda:
SL = slalom speciale

Campionati francesi[modifica | modifica sorgente]

  • 6 ori (1 in slalom gigante, 5 in slalom speciale)[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Profilo sports-reference.com. URL consultato il 24 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]