Diceros bicornis michaeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rinoceronte nero orientale
Black Rhinoceros in Sweetwater Nat Park Kenya.jpg
Diceros bicornis michaeli
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Perissodactyla
Famiglia Rhinocerotidae
Genere Diceros
Specie D. bicornis
Sottospecie D. b. michaeli
Nomenclatura trinomiale
Diceros bicornis michaeli
Zukowski, 1965

Il rinoceronte nero orientale (Diceros bicornis michaeli, Zukowski 1965), noto anche come rinoceronte nero dell'Africa orientale, è una sottospecie di rinoceronte nero. Il numero dei suoi esemplari è molto basso a causa del bracconaggio per il suo corno e viene classificato come criticamente minacciato.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il rinoceronte nero orientale si distingue dalle sottospecie meridionali per avere il corno più lungo, più sottile e ricurvo. La sua pelle, inoltre, è molto grinzosa. È stato riportato che Diceros bicornis michaeli sia più aggressivo delle altre tre sottospecie di rinoceronte nero. È un brucatore e vive nelle foreste d'altitudine e nelle savane.

Popolazione e minacce[modifica | modifica sorgente]

Un tempo era diffuso in Etiopia, Sudan, Somalia, Tanzania, Kenya ed Uganda. Ora si può incontrare solamente in Kenya (dove sopravvive l'86,3% della popolazione rimasta) ed in Tanzania settentrionale. Nel corso delle ultime tre generazioni questi animali hanno avuto un triste declino del 90% e la loro popolazione è stabile soltanto in Kenya. Nel 2001 si stimava che fossero rimasti in natura solamente 498 rinoceronti. Sono minacciati soprattutto dal bracconaggio illegale per le loro corna.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Diceros bicornis michaeli in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi