Diamanti celebri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alcuni tra i diamanti più famosi:1. Gran Mogol 2. Reggente (visto dall'alto) 3. Fiorentino (visto di lato) 4. Stella del Sud (vista dall'alto) 5. Fiorentino (visto di lato) 6. Sancy 7. Verde di Dresda 8. Koh-i-noor (taglio antico) 9. Hope 10. Koh-i-noor (nuovo taglio) 11. Reggente (visto di lato) 12. Stella del Sud (vista di lato)

Alcuni diamanti, dopo essere stati opportunamente lavorati da esperti tagliatori fino ad assumere eleganti forme geometriche, sono diventati celebri per la loro notevole grandezza, per colorazioni particolari e per la loro storia a volte leggendaria, legata ai personaggi storici che li hanno posseduti ed indossati nel corso dei tempi.

Il valore di un diamante dipende dalla caratura, cioè dal peso e quindi dalla grandezza, dalla colorazione (i colori rosso, rosa e blu sono particolarmente rari) e dall'essere appartenuto a regnanti, personaggi storici o altre personalità. Alcuni diamanti celebri (tra cui il Fiorentino) risultano scomparsi, ma non è escluso che il loro attuale proprietario voglia mantenere l'anonimato.

Lista di diamanti celebri[modifica | modifica wikitesto]

  • Si ricorda che nei diamanti il carato è una misura di peso (un carato equivale a 0,2 grammi);
  • Le colonne con i pulsanti triangolari a fianco del titolo possono essere ordinate (in senso ascendente o discendente).
Nome Carati Origine Caratteristiche Taglio Colore
Golden Jubilee 545,67 Sudafrica è il più grande diamante tagliato al mondo; appartiene dal 1997 ai gioielli reali della Thailandia a rosa giallo dorato
Cullinan I 530,20 Sudafrica è chiamato anche "Stella d'Africa"; fa parte dei Gioielli della corona britannica, ed è incastonato sullo scettro reale a goccia incolore
Incomparable 407,78 Congo (Kinshasa) fu trovato da una bambina nella discarica di una miniera; acquistato e tagliato dalla De Beers, poi venduto ad un acquirente anonimo[1] a triolette giallo ambrato
Cullinan II 317,40 Sudafrica appartiene ai gioielli della corona britannica, incastonato sulla corona imperiale
Centenario 273,85 Sudafrica così chiamato per celebrare il centenario della De Beers; tra le gemme più grandi è quello con il grado di purezza maggiore; appartiene a una collezione privata a cuore incolore
Gran Mogol 265,00 India celebre diamante indiano, prende nome dai Mogol, antichi sovrani dell'India; risulta scomparso a calotta blu chiaro
De Beers 234,65 Sudafrica scoperto dai fratelli De Beer, appartenne fino al 1947 al maharajah di Patiala; dato per scomparso, nel 1982 fu venduto all'asta a un acquirente rimasto anonimo a cuscino giallo pallido
Millennium Star 203,04 Congo (Kinshasa) tagliato a goccia con la parte superiore appuntita, nel 2000 è stato esposto nel Millennium Dome di Londra; appartiene alla DeBeers a goccia incolore
Orlov 189,62 India si trova al Cremlino a Mosca; è incastonato sullo scettro degli Zar incolore
Darya-ye Noor ca. 182 Golconda, India appartenuto ai sovrani della Persia fino al 1979, è ora conservato a Teheran dalla Banca centrale dell'Iran tabulato rosa chiaro
Reggente 140,64 Golconda, India acquistato e tagliato dagli inglesi, fu venduto al reggente di Francia Filippo II di Borbone-Orléans; fece parte dei gioielli della corona di Francia; oggi si trova al Louvre a brillante azzurro chiaro
Fiorentino 137,27 India noto anche con il nome "Granduca di Toscana", è un diamante leggendario, posseduto da numerosi personaggi storici; risulta scomparso a goccia giallo pallido
Regina d'Olanda 135,92 Sudafrica prende nome dalla regina Guglielmina d'Olanda; appartenuto al maharaja di Nawanagar e poi a Cartier, ora è esposto in un museo privato di Beirut a cuscino incolore
Tiffany Giallo 128,54 Sudafrica indossato da Audrey Hepburn per la presentazione del film Colazione da Tiffany; appartiene alla Tiffany & Co. a cuscino giallo
Stella del Sud 128,48 Brasile trovato da una giovane schiava brasiliana lungo un fiume; appartiene attualmente alla gioielleria Cartier a cuscino incolore
Koh-i-Noor 105,60 Golconda, India Gioielli della corona britannica, Londra, Regno Unito; incastonato su una delle corone reali incolore
Allnatt 101,91 Sudafrica prende il nome da Ernest Alfred Allnatt, maggiore dell'esercito britannico e finanziere, che lo acquistò negli anni '50; dal 1996 appartiene alla "SIBA Corporation" di New York a cuscino giallo intenso
The Flame 100,00 Angola appartiene al gioielliere londinese Laurence Graff a briolette giallo ambrato
Cullinan III 94,40 Sudafrica appartiene ai Gioielli della corona britannica ed è conservato nella Torre di Londra incolore
Briolette dell'India 90,38 India è uno dei antichi diamanti conosciuti (appartenne alla regina Eleonora d'Aquitania); considerato scomparso per diversi secoli, nel 1950 venne venduto da un Maharajah a un gioielliere di New York; dal 1970 appartiene ad una anonima famiglia europea a briolette incolore
Diamante del fabbricante di cucchiai 86,00 India il suo nome deriva dalla leggenda che venne trovato da un povero intagliatore di cucchiai di legno; è conservato nel Museo Topkapi di Istanbul incolore
Arciduca Giuseppe 76,45 India appartenne all'arciduca Giuseppe Augusto d'Austria; dal 1993 appartiene alla gioielleria Molina di Phoenix in Arizona a cuscino incolore
Taylor-Burton 68,0 Sudafrica fu donato da Richard Burton a sua moglie Elizabeth Taylor; appartiene oggi al libanese Robert Mouwad, ed è conservato a Beirut in un museo privato a goccia incolore
Orlov nero 67,50 non nota detto anche "occhio di Brahma"; secondo una leggenda i suoi proprietari sarebbero stati colpiti da una maledizione; posseduto da Cartier, appartiene ora al gioielliere statunitense Dennis Petimezas a cuscino nero opaco
Cullinan IV 63,60 Sudafrica appartiene ai Gioielli della corona britannica ed è conservato nella Torre di Londra incolore
Steinmetz rosa 59,60 Sudafrica appartiene allo "Steinmetz Diamond Group", con sede a Ginevra; il suo valore è stimato dagli esperti in circa 100 milioni di dollari ovale misto rosa intenso
Sancy 55,23 India si trova al Museo del Louvre a Parigi a scudo giallo pallido
Stella del Sudafrica 47,69 Sudafrica fu trovato nel 1869 da un giovane pastore sulle sponde del fiume Vaal a goccia incolore
Hope 45,52 Golconda, India ottenuto dalla riduzione del diamante Tavernier (o "Blu di Francia"), si dice porti sfortuna ai suoi possessori; si trova allo Smithsonian Institute di Washington blu
Verde di Dresda 40,72 India è il diamante verde più grande al mondo; posseduto dal re Augusto III di Polonia e poi dai re di Sassonia, ora si trova a Dresda a briolette verde
Beau Sancy 34,98 India orno' la corona di Maria de' Medici nel giorno dell'incoronazione a regina consorte del re Enrico IV di Francia a goccia incolore
Wittelsbach-Graff  31,06 Golconda, India appartenne dal 1710 alla Casa d'Asburgo e poi al Regno di Baviera; nel 2008 fu acquistato dal gioielliere Laurence Graff per 21 milioni di euro (un record per allora) a goccia blu intenso
Graff Pink 24,78 non nota di origine ignota, negli anni '50 un gioielliere di New York lo vendette a un privato; nel 2010 il gioielliere Laurence Graff lo acquistò per la cifra record di 46 milioni di USD a smeraldo rosa intenso
Hortensia 21,32 India prende nome di Hortensia de Beauharnais, figlia adottiva di Napoleone; appartenuta a Luigi XIV; celebre per il rarissimo colore rosa pesca, è conservato al Louvre a brillante rosa pesca
Condé 9,01 India detto anche "Grand Condé", prende il nome da Luigi II di Borbone-Condé; appartenuto ai re di Francia, si trova oggi al Museo Condé di Chantilly a goccia rosa
Pumpkin 5,54 Repubblica Centrafricana il nome deriva dalla forma e colore simili ad una zucca (pumpkin in inglese); tagliato dalla De Beers, appartiene ad una collezione privata a cuscino arancio intenso
Moussaieff Rosso 5,11 Brasile è il più grande diamante rosso tagliato che si conosca; appartiene ad una collezione privata a brillante rosso intenso

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Incomparable Diamond