Diamante Maria Scarabelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Apoteosi, fra Apollo e le Muse, della cantante lirica Diamante Maria Scarabelli

Diamante Maria Scarabelli, detta La Diamantina (Bologna, 6 ottobre 1675 – dopo del 1725), è stata un soprano italiano, una delle più celebri cantanti soprano della sua epoca.

La Scarabelli debuttò nel 1692 nell'opera Pausania di Giovanni Legrenzi, data presso la corte ducale di Mantova. Fu sentita nello stesso anno a Crema e a Lodi e successivamente cantò nei teatri d'opera dell'Italia settentrionale, soprattutto in quelli veneziani (1695, 1703-4 e 1707-16), dove si esibì in almeno 23 opere, in gran parte prodotte da Carlo Francesco Pollarolo, Antonio Lotti e Antonio Caldara. Ella è principalmente ricordata per aver cantato nel di Poppea nell'Agrippina di Georg Friedrich Händel nel 1709, parte che richiedeva un ampio intervallo vocale. Si esibì frequentemente anche a Bologna (1696-7, 1699, 1700, 1708-9, 1711 e 1718), dove nel 1697 ottenne un grandioso successo interpretando una parte nel Perseo, un pasticcio realizzato con la musica di vari compositori. Questo apprezzamento le valse una dedica elogiativa nel volume intitolato La miniera del Diamante. In misura minore apparve anche a Torino (1695-6), Mantova (1697-1703), Parma (1699), Milano (1699, 1713), Reggio Emilia (1700, 1712-4), Pavia (1705), Genova (1705), Vicenza (1707, 1710, 1715), Ferrara (1712, 1715) e Padova (1718). Fu inoltre al servizio del Duca di Mantova (1697-1708), del cardinale Grimani, del Viceré di Napoli (1709) e del Duca di Modena (1715). Non si ha praticamente più notizia di lei dopo il 1725, dopo il quale anno probabilmente si ritirò a vita privata e forse tenendo un'accademia presso casa sua.

Probabilmente La Diamantina fu parente del poeta e librettista Massimo Scarabelli.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]