Fonologia del dialetto di Sora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dialetto sorano)

1leftarrow.pngVoce principale: Sora.

Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Fonologia del dialetto di Sora è il titolo di una raccolta di studi dialettologici del linguista Clemente Merlo editi in una pubblicazione del 1920.

Dialetto sorano (Tialètte seràne)
Parlato in Italia Italia, Canada Canada, Australia Australia.
Regioni Lazio Lazio,
Abruzzo Abruzzo (Balsorano)
Persone circa 50.000
Classifica Non in top 100
Filogenesi Indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-orientali
    Dialetti italiani meridionali
     laziale meridionale
      Dialetto sorano
Statuto ufficiale
Regolato da nessuna regolazione ufficiale
Codici di classificazione
ISO 639-2 nap

Opera[modifica | modifica sorgente]

L'opera è una raccolta di vocaboli appartenenti alla lingua parlata degli abitanti di Sora con alcuni elementi comparativi tratti dal volgare dei comuni limitrofi (Arpino, Castro dei Volsci, Amaseno) e di parte dell'Italia centro-meridionale. I dati studiati sono organizzati analiticamente in elenchi di parole, suddivisi in base alle caratteristiche fonetiche riscontrate. La pubblicazione fu dedicata dall'autore al giurista sorano Vincenzo Simoncelli.

« Alla memoria venerata di Vincenzo Simoncelli sorano per gagliardia di volere e d'intelletto rapidamente salito ad alto grado. Animo nobilissimo primo a comprendere ogni sventura ogni dolore. A me secondo padre negli anni infelicissimi della giovinezza. Questo libro voluto da lui scritto per lui dedico con riconoscenza imperitura. »
(Merlo C., Fonologia del dialetto di Sora p. 4)

Dialetto[modifica | modifica sorgente]

Fonologia[modifica | modifica sorgente]

Lo studio del Merlo suddivide il materiale raccolto in tre gruppi fondamentali: il sistema vocalico (vocalismo), le semivocali e il sistema consonantico (consonantismo).

Vocalismo[modifica | modifica sorgente]

Il dialetto di Sora possiede sette vocali: i, é, è, a, ó, ò, u (IPA: [i], [e], [ɛ], [a], [o], [ɔ], [u]); lo schwa (che più propriamente sarebbero diverse vocali indistinte simili alla neutra [ə]).

  • Delle vocali l'unica che ricorre in tutte le sillabe qualunque sia l'accentuazione è l'a, salvo che in postonica di sillaba interna.
    • Esempi: làpa 'ape', càpə 'capo', tata 'papà', cannàta 'otre', la ştàtə 'l'estate', lauannàra 'lavandaia', tàuəra 'tavola', càuələ 'cavolo', acuəra 'aghi', mappa 'pannocchia', chjànta 'pianta', màjjə 'maggio'.
    • Postonica di sillaba interna: làssəmə 'lasciami', férmətə 'fermati', màmmeta (<MAMMA TA) 'tua madre',
  • é, è, ó, ò, restano solo nella sillaba fortemente accentata, altrimenti le corrispettive latine ae, e, ĕ, ŏ ed ō non accentate si sono evolute nella vocale neutra.
    • Esempi: macèra 'muro a secco', fèlə 'fiele', mèlə 'miele', prèta 'pietra', nèuə 'neve', célə 'cielo', fénə 'fieno', ròta 'ruota', mòla 'mulino', scòla 'scuola', nòra 'nuora', còrə 'cuore', pərcòca 'albicocca', óuə 'uovo', pótə 'possono', faciórə 'fagiolo', Jórjə 'Giorgio', mónəcə 'monaci'.
  • i e u resistono maggiormente rispetto alle precedenti: si rinvengono anche nella sillaba protonica quando sono la contrazione di , əi, (IPA: /wə/) con la neutra della sillaba vicina, altrimenti scompaiono se precedono o seguono la vibrante (r o l) o raramente si mutano in a.
    • Esempi: jìma 'lima', spìna 'spina', cìchə 'piccolo', schìna 'schiena', facìmmə 'facciamo', sapìmmə 'sappiamo', sìmə 'siamo', ì 'andare' (<IRE), scì 'uscire' (<EXIRE), pùpa 'bambola', sùchə 'succo', çiùmə 'fiume', jùgnə 'giugno'.
    • Affievolimento: jəuìte 'uliveto', fənì 'finire', mənàccia 'vinaccia', jəncàta 'giuncaia', agljəttìte 'ingoiato', gljə 'il' (<ILLU, art. maschile), jəcà 'giocare'.
    • Scomparsa: fraštérə 'forestiero', frùnchələ 'foruncolo', cróna 'corona'.
    • Fusione: tiàne (<təjàne) 'tegame', crià (<crəjà) 'creare', uràcce (<uəràcce) 'braccio', Juànne (<Jəuànne) 'Giovanni'.
    • Mutamento in a: rassəgnóle (<LUSCINIA) 'usignolo', schjamaròla 'schiumarola', schiàma 'schiuma'.

Consonantismo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi dialetti italiani meridionali#fonetica.

Merlo registra nel sorano 25 consonanti: p, t, c, cc, k, b, d, g, gg, gh, m, n, ṅ, gn, r, l, gl, f, s, z, sc, ṡ, ż, ž, č (IPA: [p], [b], [t], [ʧ], [tʧ], [k], [b], [d], [ʤ], [dʤ], [g], [m], [n], [ŋ], [ɲ], [r], [l], [ʎ], [f], [s], [ʦ], [ʃ], [z], [ʣ], [ɕ]) più due semivocali, l'j e la u (IPA: [j], [w]).

  • Il consonantismo sorano è simile o quasi completamente assimilabile a quello dei dialetti italiani meridionali e della lingua napoletana.
  • Nella parlata locale si fa largo uso delle semivocali j (/j/) e u (/w/); i vocaboli del sorano derivati dal latino hanno sempre conservato intatta la /j/ preromanza. In rarissimi casi si ha la semivocale dalla metafonia di e e di o con -ī ed -ŭ finali latine, tipica di molti dialetti abruzzesi, sabini o di paesi prossimi alla città di Sora (Arpino). Altre volte /j/ è data da G + A e G + E, G + R, D + J. Anche l'occlusiva sonora preceduta dalla R dà i e u semivocali.
    • Esempi (J latina): jénchə (<JUVENCUS) 'giovenco', jóchə (<JOCUS) 'gioco', jəttà (JECTARE) 'gettare', jəjùnə (<JEJUNUS) 'digiuno', trajétta (<TRAJECTA) 'sentiero nei campi'.
    • Metafonia di e ed o: jérə (<HERI) 'ieri', pjéttə 'petto' (ad Arpino), pəcchìtə (<pəcchjétə) 'pioppeto', ùcə (<ùucə) 'voci', uógljə (<HODIE) 'oggi', uùtə (<CUBITUS) 'gomito' (a Balsorano)[1].
Fusto e cladodi di Asparagus acutifolius (spràina). Il turione è detto spàracə o spàrgə.
    • da G + A, E, D + J: jénnərə (<GENERUM) 'genero', pojjə (<PODIUM) 'poggio', majésə 'maggese' (cfr. a Balsorano maésa), quarəjésəma (<QUADRAGESIMA) 'quaresima'.
    • R + B, R + G: èrua 'erba', sóruə 'sorbo', carəunèlla 'carbonella', larjə 'largo', spràina 'asparagina' (a Balsorano).
  • Inoltre ha dato /j/ anche L + U e L + I iniziali nelle sdrucciole a sillaba aperta e anticamente anche B + J e V + J. /w/ è dato anche dalle preromanze V e B iniziali e V intervocalico e dal w germanico.
    • Esempi; L + U, L + I, B + J, V + J: glìuətə 'livido', gljùna 'luna', jùcə 'luce' (jùcəra 'luci'), jùcətə 'lucido', jəncèrta 'lucertola', jùpə 'lupo', jənətì 'lunedì', ciàlùmə (jecialùmə <LUCIALUMEN) 'lucciola', càjja 'gabbia', ràjja 'rabbia', àglje (<HABEO) 'ho', jannìjja 'gengiva'.
    • V e B e W germanico: uérmə 'verme', uàllə 'valle', uòcə 'voce', uóləpa 'volpe', u 'voi', ouə 'uovo', róua 'morbillo', uócca 'bocca', uóuə (<BOVE) 'bue', uəcàlə (<BAUCALIS) 'bicchiere', uəccónə 'boccone' (ne 'ccone = un poco), uàjə (<WAJ) 'guaio', uardà (<WARDON) 'guardare', uarì (<WARIAN) 'guarire'.

Grammatica e sintassi[modifica | modifica sorgente]

Sostantivi e generi[modifica | modifica sorgente]

  • La flessione dei sostantivi dal singolare al plurale è impedita nel maschile e nel neutro dall'esito della totalità delle finali che danno /ə/, perciò la distinzione tra singolare plurale data o dalla conservazione del nominativo latino, l'adozione del plurale neutro o mediante metafonesi. Spesso sia al maschile che al femminile si adotta la desinenza plurare neutra /-əra/ per flettere al plurare i sostantivi, più rari i casi in cui la desinenza è /'lə'/, tipica del pennese e del molisano[2].
    • Esempi: ómme/òmmənə (<HOMO/HOMINES) 'uomo/uomini', jə mònəchə/j mónəcə 'il monaco/i monaci', jə mìlə/lə méla (<MALUS/*MALA) 'il melo/le mele' (frutto), la frónna/lə frónnəra 'la fronda/le frondi'.
  • Il femminile flette regolarmente nella maggior parte dei casi con lo schwa finale (la chjànta/lə chjantə 'la pianta/le piante', la cagljìna/lə cagljìnə 'la gallina/le galline'.
  • Dei generi sopravvive il neutro adottato con nuove funzioni semantiche (neutro di materia, espressione di concetti astratti in opposizione al corrispettivo concreto) o semplicemente come relitto latino. Si conservano gli articoli neutri singolari e plurali.
    • Esempi; Relitti e neutro di materia: lə làttə 'il latte', l'òrə 'l'oro', lə màlə 'il male', lə pànə 'il pane', lə rànə 'il grano', lə sàlə 'il sale', lə ulənə 'il veleno', lə càllə 'il caldo', lə uìnə 'il vino'.
    • Astrazione: lə témpə 'il tempo (meteorologico)', je témpə 'il tempo (misura)', entrambi al plurale neutro lə tèmpora; lə mmalətèmpe 'il maltempo', lə mé 'ciò che è mio', lə magnà 'il cibo'.
    • Articoli neutri: (/lu/) sing., plur. Cfr. anche lə pràtə 'la radura' (cfr. jə pràtə 'il prato'), lə pràtəra 'i prati' (cfr. località Lə Pràtəra di Alvito).
  • Il genere maschile e femminile si distingue spesso per opposizione metafonetica: Dəmìnəchə/Dəménəca 'Domenico/Domenica'.

Articoli[modifica | modifica sorgente]

  • L'articolo determinativo si ritrova nel maschile, nel femminile ed nel neutro. Al maschile si ha je (<ILLU, al plurale ji <ILLI), al femminile la (<ILLA, al plurale <ILLAE), e al neutro le (<ILLU).
  • L'articolo indeterminativo è simile a quello italiano e deriva da UNUS -A -UM: masch. , femm. na, neutro . Al plurale si usa cérte (m.) 'certi', cèrtə (f.) 'certe', cèrtə (n.) 'certe cose'.
    • Esempi: na ròbba uàsta 'una cosa guasta', cèrtə ròbbə 'delle cose'.

Aggettivi possessivi[modifica | modifica sorgente]

Etimologia maschile (pl.) femminile (pl.) neutro (pl.) it.
MEUS mìə (mìa) mèa (mèə) (le méa) 'mio, mia'
TUUS tìə (tìa) tèa (tèə) (le téa) 'tuo, tua'
SUUS sìə (sìa) sèa () (le séa) 'suo, sua'
NOSTRUM nóstrə (nòstre) nòstra () nòstrə (le nòstra) 'nostro, nostra'
VOSTRUM uóstrə (uòstre) uòstra () uòstrə(?) (le uòstra) 'vostro, vostra'
LORO - lòrə[3] - lòrə séa 'loro'
  • Esempi: s'addèua 'a fà lə fàttə séa 'si devono fare i fatto loro'.

Dimostrativi[modifica | modifica sorgente]

Etimologia maschile femminile neutro it.
ISTU stə (pl. chìstə) sta stə 'questo, questa'
IPSU ssə ssa ssə 'codesto, codesta'
ECCUM IPSU chìssə chéssa (pl. chésse) chésse 'costui, costei, questa cosa'
ECCUM ILLU chìgljə chélla (pl. chéllə) 'quello, quella'
IPSU/QUIS ìssə/chi éssa 'colui, colei'

Altri aggettivi e pronomi[modifica | modifica sorgente]

  • Aggettivo relativo; dal latino QUA si ha nel sorano ca: icéttə ca jéua ai mərcàte 'disse che andava al mercato'.
  • Aggettivo interrogativo; dal latino QUAE si ha che: che bbó 'che vuoi'?
    • Anche nell'aggettivo interrogativo sopravvive il neutro (<QUOD): ched è? 'che cos'è?', chiddə jè? (QUI + QUOD) 'di chi è questa cosa'?
Dialetti meridionali (in magenta) e mediani (in rosa) nel Lazio.[4]

Congiunzioni e avverbi e preposizioni[modifica | modifica sorgente]

Pronomi personali[modifica | modifica sorgente]

latino nominativo forme flesse it.
EGO ìə 'io'
TU tu (tùjə) 'tu'
ILLE ìssə chìssə · ìssə · gljə 'egli'
NOS nùə · nùa 'noi'
VOS ù ùa 'voi'
IPSI ìssə ìssə 'essi'
  • Esempi: nù sìmə ìtə lòchə 'noi siamo andati là'; ìsse unéttə chə ùa 'egli venne con voi'.

Articolo determinativo[modifica | modifica sorgente]

maschile femminile neutro
singolare je · glje la
plurale glje
  • L'articolo determinativo maschile singolare è identico al pronome personale oggetto di terza persona gljə. Entrambi hanno la doppia forma e gljə. La prima particella è usata ad inizio frase, quando l'articolo o il pronome sono proclitici, si alterano in gljə invece in caso di enclisi. Al plurale si usa sempre la forma gljə.
    • Esempi; proclitica: jə cànə s'è mórtə 'è morto il cane'. J'àddenghə 'a mənà 'devo picchiarlo'.
    • Gljə enclitica: É ìtə nchə glje prètə 'è andato con il prete'. Nən gljə uógljə uté 'non lo voglio vedere'.
    • Plurali maschili: glje uérmənə 'i vermi', glje mónəcə 'i monaci', gljə pùgljə 'i polli' (vs. je póllə 'il pollo'); glje préte, glje pórchə, i gljə pùglje nən sə uìtəne mai satùgljə 'i preti, i porci ei polli non si vedono mai sazi'.
  • Articolo neutro: jə pùzze · le pùzzəra 'il pozzo · i pozzi', je témpe · le tèmpəra 'il tempo · i tempi', lə uàchə · lə uàchəra 'il chicco · i chicchi', lə rùchə · lə rùca 'la lumaca · le lumache' (Arion sp., Arion rufus).

Gruppo verbale[modifica | modifica sorgente]

  • Il dialetto sorano, distinguendosi notevolmente dalla maggior parte dei meridionali adotta il verbo essere (ESSE) come ausiliare per quasi tutti i verbi, transitivi o intransitivi. Molto più raro ed in disuso l'ausiliare avere (HABERE) alla prima persona dei verbi intransitivi.
    • Esempi: sìmə criàtə 'abbiamo cercato', sì uìstə 'hai visto', tə sì addərmìtə 'ti sei addormnetato', sì fàttə 'hai fatto', songh'ìtə 'sono andato'), n'àjə dormìte bbone 'non ho dormito bene'.
  • Apocope di tutti gli infiniti in -ĚRE di -RE (lèggə 'lèggere', mòuə 'movere', ncénnə 'incendiare', scrìuə 'scrivere').
  • Epitesi nei verbi monosillabici nella prima persona del presente, con esito preromanzo in -o, di -nghə (<-nəjə) sul modello di VENIO (venire, uənì) e TINEO (tenere, təné): i' uénghə 'io vengo', i' sónghə (<SU[M]) 'io so(no)', i' stònghə <STO 'io sto', i' dònghə <DO 'io do'.
  • Le uscite del passato remoto sono simili a quelle dei dialetti mediani tranne che nella prima e nella terza plurale: Ia -éttə, IIa -ìstə, IIIa -éttə, Ia -ìmmə, IIa -ìstə, IIIa -éttərə
  • Sostituzione delle uscite in -AVI ed -IVI del perfetto latino con -ETTI, -ESTI, -ESTIS (məgnéttə <MULSIT 'munse', iə magnàttə 'io mangiai', issə auéttə 'egli ebbe').
  • L'imperativo è identico al presente ed raramente metafonizza: liéggə! · léggə! 'leggi!', siéntə · sèntə! 'senti',
  • Il futuro è usato solo per le III persone, spesso con valore dubitativo (faciarrà callə 'farà caldo', fəuarrà bbónə? 'sarà buono?' accattarràuə lə panə? 'compreranno il pane?'.
Il verbo essere (ESSE), èssə
presente imperfetto perfetto congiuntivo imp. condizionale futuro
sónghə èrə féua fùssə sarrìa
tu siə sìuə fìuə fùssə sarrìstə
issə è èra féua fùssə sarrìa fəuarrà
nu sìmə sjémmə fəuauàmə fùssəmə sarrìmmə
vu sìtə  ? fəuauàte fùste sarrìstə
ìssə sònghənə èuə féuanə fùssənə sarrìənə feuarràuə

Il congiuntivo è utilizzato solo al modo imperfetto.

Tradizione e letteratura[modifica | modifica sorgente]

Il volgare sorano non ha lasciato tracce scritte nella storia. Esclusa la breve testimonianza dei placiti cassinesi in cui si è conservata la memoria di un volgare centro-meridionale che subito ricorda gli odierni dialetti campani, non ci sono altri documenti testuali in cui si è utilizzato il sorano. Verso la fine del XVIII secolo due autori adottarono il volgare di Sora per alcune loro poesie, Giuliano Deci e Saverio Marsella, i cui lavori però rimasero ignorati fino al primo novecento. Il giurista Vincenzo Simoncelli riprese a scrivere in versi nel volgare della sua città, seguito poi da Luigi Conocchia, autore con cui la poesia in sorano riesce a raggiungere il lirismo degno della tradizione dialettale italiana.

(NAP)
« Sora NOSTRA
Quanne la juna chiena esce redenne
arret'a chiste circhie de mentagne
e se specchia ent'a sciume e lle campagne
agliumenate, comm'ì sole, rrenne,

Sante Casteche, sule 'ncim' a tutte
ficca la ciocca 'mmes' a lle serine,
e pare n' giacante - Au' destrutte
ogne ccòsa - isse dice - è uere cine,

Ma, se resta de me sule 'na preta
ì pozze sempe recuntà i' ualore
del lla gente passata! - 'Ne pueta

remaste a reuarda' 'ncim' glie ponte,
diciarria ca la notte ciume e monte
se scagnate 'ne bbace tutt'ammore! »
(IT)
« Sora NOSTRA
Quando la luna piena esce ridendo
dietro questa cerchia di montagne
e si specchia nel fiume e le campagne
luminose, come il sole, rende

San Casto solo sopra tutto
infila il capo nel sereno
e sembra un gigante - Hanno distrutto
ogni cosa - lui dice - certo è vero

ma se resterà di me solo una pietra
io potrò sempre raccontare la virtù
delle genti di un tempo! - Un poeta

che resterà a guardare dal ponte
direbbe che la notte e il fiume e il monte
scambiano un bacio di vero amore! »
(Luigi Conocchia, "Frunne de cerqua", Tip. Fraioli, Arpino, 1896)

Eguaglia la qualità stilistica del Conocchia Francesco Biancale. Altre composizioni goliardiche e satiriche sono state lasciate da Antonio Loffredo, Virgilio Efrate e Riccardo Gulia, che ai temi romantici dei primi poeti sorani prediligono i bozzetti folklorici e nostalgici. Della prosa si ricordano le novelle ed i racconti di Giovanni Tordone, scritti in dialetto balsoranese.

Panorama della Valle Roveto da Pero dei Santi
(NAP)
« Tenéte parol'a mènde ca i mo u'adénga spiecà chélle che feua, 'na ota, la Ualle Cerquéta: se chiaméua accucì chesta uàlle nosta che da Bbalzeràna, 'nzendènda a Peschiecanàle, era chiéna de cerque. Féune fute fute, àute chiù de cenguanda metre i paccùte talmènde che 'ngi'abbasìuene quatt'ómene pe raggranciàrne una. Doppe la menuta de glie Re de Naple, chiste p'appeccià glie foche a chiù de ddumila cammìne che tenéua a lla Reggia de Caserta, a chian'a cchiane, se le béglie che strapertétte tutte quande i écche ce remanìttene sule glie spine i glie canérze i, accucì, la 'nghemenzìtten'a chiamà «La Uàlle Ruéta» »
(IT)
« Intanto ricordate bene questo punto perché io ora devo spiegarvi com'era una volta la Valle Querceta: così si chiamava questa nostra valle che da Balsorano, fino Pescocanale, era piena di querce. Erano fitte fitte, alte più di cinquanta metri e tanto doppie che non bastavano quattro uomini per abbracciarne una. Dopo l'avvento del Re di Napoli, costui per alimentare più di duemila camini della Reggia di Caserta, piano piano, se le portò via tutte ed ecco che là rimasero solo rovi e carpini e così cominciarono a chiamarla «Valle Roveto». »
(Tordone G, La uera storia de je casteglie de Balzerana, Pasquarelli ed., Castelliri 1995)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giacomo Devoto identifica con «ciociaresco» un tipo di metafonia per cui le vocali mediane metafonizzate (per e preromanze) e si contraggono in é ed ó connotandola come una caratteristica territoriale «ciociara».
    Esempi
    • bégljə < BJÉGLJU (lat. *bellŭ), bèlla < BELLA (lat. *bella) = bello/a
    • nóuə < NUOVU (lat. *novŭ), nòva < NOVA (lat. *nova) = nuovo/a
    In realtà questo fenomeno che il linguista Clemente Merlo studia in Fonologia del dialetto di Sora è proprio di molti altri volgari mediani e meridionali (Ancona, Sabina); il Merlo ipotizza che la metafonesi in é ed ó nel sorano sia passata per una fase in cui le sillabe mediane metafonizzavano in e , fenomeno conservatosi altrove e definito «metafonia napoletana» o «metafonia sannita»: gli sviluppi in é ed ó della metafonia da -ī ed -ŭ comunque sono scientificamente denominate «metafonia sabina» o «metafonia di tipo ciociaresco». Merlo inoltre descrive questi fenomeni nell'analizzare le differenze fra il dialetto arpinate e il sorano: ad Arpino si verifica un altro tipo di metafonia: nel caso di a tonico in -ī ed -ŭ preromanze si ha : (iézə 'alzi', chjérənə 'cadono'), contariamente a quanto accade nel sorano (addàusə 'alzi') dove la a resta salda. Cfr. Devoto G., Per la storia linguistica della Ciociaria, in La Ciociaria. Storia, arte e costume, Editalia, Roma 1972, e Merlo C., Fonologia del dialetto di Sora, Arnaldo Forni ed., Sala Bolognese 1978.
  2. ^ A San Biagio Saracinisco invece che pratəra si ha come nel molisano pratəla. Cfr. località Pratola, lett. 'I Prati'
  3. ^ Italianismo: spesso si usa də ìssə, d'jéssa
  4. ^ Pellegrini G. B, Carta dei dialetti d'Italia, Pacini ed., Pisa 1977.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giammarco E, Profilo dei dialetti italiani (a cura di Manlio Cortelazzo)- Abruzzo, CNR Pacini ed, Pisa 1979.
  • Loffredo L., Sora, Abbazia di Casamari 1985.
  • Merlo C., Fonologia del dialetto di Sora, Arnaldo Forni ed., Sala Bolognese 1978.
  • Tordone G, La uera storia de je casteglie de Balzerana, Pasquarelli ed., Castelliri 1995
  • Pellegrini G. B, Carta dei dialetti d'Italia, Pacini ed., Pisa 1977.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]