Dialetto ciociaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ciociaro (Ciuciarə)
Parlato in Italia Italia, Canada Canada
Regioni Lazio Lazio
Persone 300.000 ca.
Classifica -
Tipo subregionale
Filogenesi lingue indoeuropee
 lingue romanze
  dialetti italiani mediani
   Ciociaro
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
'
Dialetti italiani centrali.jpg

Il dialetto ciociaro[1], in passato noto anche come campanino[2], è un termine scarsamente usato in linguistica per indicare i dialetti del gruppo dell'italiano centrale parlati nel nord della Provincia di Frosinone, in quel territorio che ricadeva nell'antica Campagna e Marittima, comprendente anche parte della provincia di Roma e della Provincia di Latina. Volgarmente si indicano come dialetto ciociaro anche altre parlate dei comuni della provincia di Frosinone.[3]. Il Ciociaro viene ancora oggi parlato in Canada dagli anziani appartenenti alla comunità ciociara, particolarmente vasta nelle provincia dell'Ontario e a Montreal.

Fonologia[modifica | modifica sorgente]

A volte ambiguamente identificato come dialetto ciociaresco [4][5], in realtà l'espressione più propria è dialetto ciociaro perché con ciociaresco si indica un tipo di metafonia conosciuta anche come metafonia sabina tipica di molti dialetti mediani e presente in alcuni dialetti meridionali. Si differenzia entro delle linee immaginarie che lo separano dai dialetti campani, dal romanesco e, più debolmente, dal dialetto dei Castelli e dal sublacense. Con i meridionali condivide la sonorizzazione della sorda dopo N (montone > mondone) e la posposizione del pronome personale possessivo (mio padre > patremo) mentre per la quasi totale assenza sia dello schwa[6] (salvo Frosinone e pochi altri centri), sia della riduzione delle latine PL - CL > kj[7], è incluso nel gruppo dell'italiano centrale. Un confine meridionale intuitivo è delineato dalla fascia Veroli-Amaseno-Monte San Biagio: a sud di questo confine prevale un dialetto affine al campano, che ha comunque ancora qualche elemento del dialetto ciociaro. I dialetti di Terracina e San Felice Circeo, pur presentando notevoli affinità, non possono essere ricompresi nel gruppo ciociaro propriamente detto, ma costituiscono una varietà locale di transizione tra il gruppo mediano e quello meridionale. Il confine nord è rappresentato dalla linea immaginaria Vallepietra-Valmontone-Velletri dove si distingue dal sublacense per la totale assenza del vocalismo arcaico, tipico dei dialetti umbri e del sabino, e dai dialetti dei Castelli Romani che invece si caratterizzano per la presenza della metafonia napoletana (Albano, Ariccia, Genzano di Roma, Nemi, Lanuvio, Velletri) o di tracce di vocalismo arcaico (Marino).[8][9][10][11]


Metafonia di tipo «ciociaresco» o «metafonia sabina»[modifica | modifica sorgente]

Giacomo Devoto identifica con «ciociaresco» un tipo di metafonia per cui le vocali mediane metafonizzate (per e preromanze) e si contraggono in é ed ó connotandola come una caratteristica territoriale «ciociara».

Esempi
  • bégljə < BJÉGLJU (lat. *bellŭ), bèlla < BELLA (lat. *bella) = bello/a
  • nóuə < NUOVU (lat. *novŭ), nòva < NOVA (lat. *nova) = nuovo/a

In realtà questo fenomeno che il dialettologo Clemente Merlo studia in Fonologia del dialetto di Sora è proprio di molti altri volgari mediani e meridionali (Ancona, Sabina); il Merlo ipotizza che la metafonesi in é ed ó nel sorano sia passata per una fase in cui le sillabe mediane metafonizzavano in e , fenomeno conservatosi altrove e definito «metafonia napoletana» o «metafonia sannita»: gli sviluppi in é ed ó della metafonia da -ī ed -ŭ comunque sono scientificamente denominate «metafonia sabina» o «metafonia di tipo ciociaresco». Merlo inoltre descrive questi fenomeni nell'analizzare le differenze fra il dialetto arpinate e il sorano: ad Arpino si verifica la metafonia di a tonico quando la parola terminava in -ī ed -ŭ preromanze, che dittonga in : (iézə 'alzi', chjérənə 'cadono'), contariamente a quanto accade nel sorano (addàusə 'alzi') dove la a resta salda.[12][13]

Carta linguistica del Lazio meridionale
1. Aree a vocalismo arcaico e metafonia sabina in viola.
2. Aree con sola metafonia sabina o ciociara in blu.
3. Aree a metafonia napoletana in verde.
4. Area di interscambio linguistico tra i dialetti mediani e quelli campani bordata di rosso (principalmente Sora, Frosinone, Veroli).[14]
Situazione linguistica del Lazio meridionale: in rosa i dialetti mediani (romanesco, ciociaro, sabino), in magenta i dialetti meridionali (laziale meridionale -IVa-, campano, abruzzese occidentale).[8]

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

« Tre ssò' (o suò') lë gra' pputenzë: lę papa, l'arré, i kki nęn tē' nïēntë. »
(Proverbio castrese[15])
« Carnuale uiecchie i pazze, s'è 'mpegnate glie matarazze, i la moglie pe' dispiette, s'è 'mpegnata glie scallaliette.

Essegliè, essegliè, essegliè...
Carnuale è 'ne bon' ome : tè la faccia de galantome, uà gerenne pe' Frusenone, pe' magnasse gli maccarune.
Nui che seme urtulane, i sapeme bene culteuà, piantereme la rauanella, viva sempre la radechella!
Essegliè, essegliè, essegliè...
i s'è ammusciata la radeca: nen s'aradrizza chiù! »

(La canzone de Carnuale, Frosinone)
« Onoramola sta terra addo simo nati pure pe rispetto 'gli nostri andennati »
(Cengio Leoni (Serrone))
« Te si missu l'anellu allu dito

vattela a trova che te maritu
povera a te Maria Gnicò »

(Canzone pololare verolana[16][17])
« Io vellàno che tè le fico,

non conosce più j'amico »

« Io vo' j'ovo voie?

sé glio' vo', tè io tongo mo',
sé gno' vo' mé io bévo jé!! »

(Proverbi di Sonnino)
« Mamma gli tè, mamma gli vò,

mamma gli mette agli commò,
agli commò, agli commotino,
mamma gli chiute agli cassottino »

(Proverbi di Roccasecca dei Volsci)
« Qua l'acqua de bòtta

nen tròua cchiù terra s'abbènda se ciònna
uà dritta sprefonna
s'abbòtta
fa schiuma
remore
fa fume
culore...
S'acquèta. S'addòrma.
Racchiappa la forma. (...) »

(Neno Pisani, dalla poesia Glie Siume mia[18])

»

Da notare la presenza dello schwa nel dialetto di Frosinone.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ Re Z., La vita di Cola di Rienzo
  3. ^ [1], [2], [3]
  4. ^ Giammarco E., Profilo dei dialetti italiani, CNR - Pacini ed., Pisa 1979: a pag. 87 l'autore parla di un dominio laziale di tipo ciociaresco che condivide con l'abruzzese le metafonie da e finali delle mediane e di a.
  5. ^ Il Giammarco poi denomina anche ciociaresco un gruppo di parlate esclusive dei dialetti italiani meridionali foneticamente divergenti ma unite dalla «metafonia sabina» o «di tipo ciociaresco» e da un sostrato lessicale al dialetto abruzzese occidentale, il sorano e l'arpinate.
  6. ^ La finale muta è tuttavia registrata attualmente nei dialetti di Frosinone, Alatri, Amaseno e Monte San Giovanni Campano mentre torna la regola mediana con l'atona finale in -o e -u a Ceccano e Veroli.
  7. ^ La riduzione delle latine PL - CL > kj (es. chiù per più, dal latino plus) segna un'isoglossa a sud della quale il fenomeno si verifica, che sembra solcare fedelmente nella provincia di Frosinone il confine tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli, con le eccezioni di Veroli, Castro dei Volsci (cfr. Merlo C., op. cit., 1978, p. 132) e Frosinone. È inoltre da rilevare per il dialetto frusinate la presenza di tratti metafonetici di tipo napoletano, tipici dei dialetti meridionali (tiempe per tempo).
  8. ^ a b Pellegrini G., Carta dei dialetti d'Italia, CNR - Pacini ed., Pisa 1977
  9. ^ Giammarco E., Profilo dei dialetti italiani, CNR - Pacini ed., Pisa 1979
  10. ^ AA. VV. Guida d'Italia - Lazio, Touring Club Italiano, 1935.
  11. ^ Poesia in dialetto veliterno
  12. ^ Devoto G., Per la storia linguistica della Ciociaria, in La Ciociaria. Storia, arte e costume, Editalia, Roma 1972.
  13. ^ Merlo C., Fonologia del dialetto di Sora, Arnaldo Forni ed., Sala Bolognese 1978.
  14. ^ Merlo C., Fonologia del Dialetto di Sora. Romano N., L'area di interscambio fra i dialetti centrali e quelli meridionali in Ciociaria. ALI - Atlante Linguistico Italiano. Pellegrini G. B., Carta dei dialetti d'Italia
  15. ^ Carlo Vignoli, Il Folklore di Castro dei Volsci, in «Studj Romanzi», XIII (1917), pp. 99-319, p. 186. Il testo è in grafia fonetica secondo il sistema di trascrizione CDI (non AFI).
  16. ^ La canzone è citata anche ne Il ferroviere di Pietro Germi, in una versione italianizzata.
  17. ^ La canzone «Maria Nicola» nel film di Germi
  18. ^ Neno Pisani, 1990,"Lìsera. Poesie in dialetto isolano", Isola del Liri, Tipografia Francati

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Ciociaria
Atlante · Geografia · Storia · Dialetto · Cinema· Gastronomia · Letteratura · Arte · Tradizioni popolari · Citazioni
Frosinone Portale Frosinone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Frosinone