Dialetto apulo-barese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Dialetti della Puglia.

Dialetto barese (dialètte barése/baríse)
Parlato in Italia Italia
Regioni Puglia Puglia
Basilicata Basilicata
Persone circa 2.102.023
Classifica non in top 100
Filogenesi Indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Barese
Statuto ufficiale
Nazioni -
Regolato da non ufficialmente dal Dialetto di Bari, grammatica, scrittura, lettura di Alfredo e Felice Giovine e dal Corso di Lingua Barese a cura di Felice Giovine e Gigi De Santis
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Declarazióne universàle de le derìtte du òmmene - Art.1

Tùtte le crestiàne nàscene lìbbere e che le stèsse derìtte. Tènnene cervìdde e chescénze e s'hònne a chembertà ccóme ce fuéssere fràte iùne che l'alte.

Idioma apulo-barés.png
Distribuzione geografica del barese
Il dialetto barese (IIIc) nel sistema dei meridionali intermedi

Il dialetto apulo-barese[1] (nome nativo dialètte barése IPA: [ba'reːsə]) è la varietà linguistica romanza parlata nell'area centrale della Puglia (Provincia di Bari e di Barletta-Andria-Trani), con propaggini in Basilicata, in provincia di Taranto e in provincia di Brindisi da 2.102.023 persone circa. Si tratta di un dialetto evolutosi gradualmente su di una base latino-volgare con un precedente substrato greco ed illirico e modificatosi via via nel tempo anche grazie agli apporti linguistici ricevuti dalle popolazioni straniere che si sono avvicendate nell'area geografica interessata: Svevi, Spagnoli, Francesi, Arabi e nuovamente Greci (durante l'impero bizantino) che hanno contribuito a caratterizzarne l'inflessione per molti incomprensibile, soprattutto in relazione al livello fonetico dell'analisi linguistica. È caratterizzato da variazioni percettibili per ogni comune (soprattutto per quanto concerne le vocali accentate e i dittonghi).

Estratti[modifica | modifica sorgente]

Il Padre Nostro[modifica | modifica sorgente]

Attàne Néste,
ca stà 'n gìle,
sandificàte ié u nome tùie,
venghe à nú u Régne tùie,
sémbe ca è la volondà tùie,
come 'n gìle acchessí 'n dérre.
Annúsce-ne iòsce u ppàne néste de tutte le dì,
e llíve-ne le díbete néste,
come nú le levàme àll'alde,
e non ne se enducénne 'n dendazióne,
ma líbbere-ne d'o' màle,
Amen.

Estratto in un dialetto murgiano (Gravina in Puglia):
Tòite nùste,
ca sté 'ngéile,
sandefecoite iié u noume tòue,
vòine a nù u Rrégne tòue,
dacassì accamme iìnde o cìle,
dacassì iìnde à la térre.
Annòuscene iòusce u ppoine nùste de tutte le dìe,
e llìvene le dìbbete nùste,
accamme nù le lluoime a ll'alte,
e nan ne scì purtànnə 'n 'dendazioune (per crasi, diventa ndendazioune),
ma leberéiscene de o mòile,
Ammén.

L'Ave Maria[modifica | modifica sorgente]

Ave Maríe,
chiìne de gràzie,
u Segnòre ié che té.
Tu si benedétte 'mènze à le fémmene,
e benedétte ié u frutte d'u vèndre tùie,
Ggesù.
Sanda Maríe,
màdre de Die,
prìghe pe nú peccatóre,
iòsce e ìnde e l'òre de la morta noste,
Amen.

Estratto in un dialetto murgiano (Altamura):
Ave Marìe,
chiàine de gràzie,
u Segnòre ié ch'ttàie.
Tu sì benedétte 'mménze a le fémmene,
e benedétte ié u frutte de u véndre taue,
Gesù.
Sanda Marìe,
mamme de Ddìe,
preiìsce pe nnù peccatàure,
iosce e iìnde a ll'aure de la morta nuéste,
Ammén.

Il Salve regina[modifica | modifica sorgente]

Salve o' Reggine, matre de misericòrdie vita, dulgézze, spirànze nostre salve, à tté recurràme, figghie d'Èvà tté sospiriàme, chiangénne, nd'à 'sta valle de lacreme, all'avvocàte nostre chiamínde à nnú che ll'ècchie tuje misericordióse, e ffamme vide dope stu esílie, Gesú, u frutte bènedétte d'u séne tuje. O clèmènde, boneo dulge Vérgene Maríe. L'Angelo custode Angele de Ddì ca si u custòde mije, allucíneme, custodísceme, tineme e gguvèrneme ca te venibbe date da la piètà celèste, Amen.

Zone in cui viene parlato[modifica | modifica sorgente]

L'apulo-barese è parlato in tutta la provincia di Bari in quella di Barletta-Andria-Trani. A nord ha zone d'influenza nella provincia di Foggia. Ad ovest si diffonde anche in parte della provincia di Matera il cui dialetto non presenta evidentissime differenze con quello barese, soprattutto nella cadenza melodica. A sud tocca Fasano e Cisternino e arriva in prossimità della soglia messapica (una linea ideale che va da Taranto ad Ostuni passando per Villa Castelli e Ceglie Messapica). I dialetti di queste città sono definiti di transizione: al di sotto della soglia messapica si parla il salentino, comprendendo, pertanto, tutti i centri della Valle d'Itria. Influenze del barese sono avvertibili anche nella zona settentrionale della provincia di Potenza, precisamente in alcuni comuni del Vulture (Venosa, Rionero in Vulture, Atella, Melfi) e in quelli della zona ofantina (Lavello, Montemilone). Flebilissimi strati di barese si risentono anche nel Metapontino.

Diffusione del barese nella provincia di Bari e BAT:

██ Dialetto barese orientale

██ Dialetto barese occidentale

██ Dialetto barese (fascia di transizione)

Come scrivere in dialetto barese[modifica | modifica sorgente]

Per scrivere correttamente il dialetto apulo-barese si tiene conto di alcune indicazioni, conseguenti ad alcune considerazioni: come tutti i dialetti meridionali le vocali atone subiscono un affievolimento, mutando in un'unica e indistinta e muta. Questa vocale si scrive sempre sia perché sonorizza la consonante a cui si accompagna, sia perché la sua omissione molto spesso comporterebbe l'illeggibilità del termine o una parola dal significato diverso e che quindi si pronuncia in modo diverso, per esempio Bar (bar) e Bare (Bari) o rennenèdde (rondinella) e rn'nn'dd (?).

Geminazione[modifica | modifica sorgente]

In barese esiste anche la geminazione, meglio nota come raddoppiamento che consiste nel raddoppio della consonante iniziale di alcuni vocaboli. Esempio: Ce ssi ffatte? (cosa hai fatto?); Ce st'à ddisce? (che stai dicendo?)

Gli accenti[modifica | modifica sorgente]

In barese è d'obbligo l'uso degli accenti:

  • accento acuto, usato quando la vocale ha un suono chiuso: é, í, ó, ú;
  • accento grave, usato quando la vocale ha un suono aperto: à, è, ò;

I monosillabi non vanno mai accentati, eccetto alcune eccezioni: à (a, preposizione semplice), mà (mai, avverbio di tempo), ecc.

Gli accenti, inoltre, servono anche per distinguere parole scritte nello stesso modo, che però presentano pronunce diverse.

Dal latino al barese[modifica | modifica sorgente]

Vediamo le principali evoluzioni dal latino volgare al dialetto apulo-barese. È presa in considerazione la variante della città di Bari, tenendo conto che l'evoluzione dei dittonghi e delle vocali spesso sono anche molto diversi tra comuni limitrofi. Per le vocali si possono a grandi linee ritenere valide le seguenti:

  • ă > a (es.: ămylum > àmele, "contenitore di terracotta")
  • ā > á o é (es.: (ad)lixāre > allesciá')
  • ĕ > é (es.: dĕcem > dèsce, "dieci") a volte i (es.: mĕdicus > mìdeche o mèdeche, "medico");
  • ē > ai > é (es.: sēro > sére, "sera");
  • ĭ > i (es.: ĭmbricem > ìrgeme, "tegola");
  • ī > í (es.: īre > scí, "andare");
  • ŏ > (es.: fŏcus > fuèche, "fuoco"), meno di frequente o (es.: nŏvem > nove, "nove");
  • ō > au > ó (es.: carbōnem > carvóne, "carbone");
  • ŭ > ù (es.: mŭstaceus > mustazzélle, "dolce tipico preparato con mosto")
  • ū > ú (es.: ' > mus, trille, "trappola per topi").
  • ae / oe > gli esiti dimostrano che questi dittonghi vennero recepiti come ĕ (es.: coelum > cile o gile, "cielo");
  • au > tende a chiudersi in o (es.: aurum > ore, "oro");

I risultati riportati riguardano la maggior parte degli esiti, ma non sono comprensivi di eccezioni. Questi cambiamenti devono essere interpretati come occorrenti solo in sillabe toniche e non tengono conto degli svariati cambiamenti prodotti in quelle atone, che possono però riassumersi essenzialmente così:

  • tutte le vocali (compresi i dittonghi) diventano nella maggior parte dei casi un'indistinta e IPA: [ə] soprattutto in fine di parola;
  • la ŏ tende ad u (es.: cŏndiare > cunzá o cunzé, "condire");
  • la ŭ tende a scomparire (es.: cicercŭla > *cicercla > cecèrchie, "tipo di legume");

L'evoluzione delle consonanti e dei nessi consonantici è più articolata e in alcuni casi, che saranno indicati, continuano tendenze già tipiche del latino. Per facilità i nessi saranno trattati a parte:

  • b > resta b quando seguita da consonante o semiconsonante (es.: blancus > biánghe o viánghe, "bianco");
  • c > davanti ai suoni /a/, /o/ ed /u/ e consonantici resta c (es.: casa > càse, "casa"); davanti ai suoni /e/, /i/ ed /ə/ si palatalizza con esiti diversi tra c e sc (es.: macinula > macélene; lucem > lusce, "luce");
  • d > di solito resta d indipendentemente da cosa segua (es.: *diaboliculus > diaulìcchie, "peperoncino"), mentre tende ad assimilarsi in n quando preceduta da un'altra n (es.: quando > quanne, "quando"). Solitamente dopo la consonante l e prima di una e muta o di una consonante r si pronuncia desonorizzata (es.: solidus > solde, "soldo"), ma nella scrittura non si differenzia questa variazione di suono;
  • f > resta f in tutte le posizioni (es.: frixorium > fresóle, "padella");
  • g > a differenza di moltri altri suoni consonantici, molto frequente nella zona murgiana, in particolare nei comuni di Altamura e Gravina in Puglia, dal latino possiamo sottolineare il nesso gl seguito da a che si trasforma in gn (es.: *glandula > gnàgnele, "ghianda"); nel barese l'esito resta tale, come in italiano (es. *ghianda > ghiande).
  • h > si perde completamente (es.: hora > ore, "ora");
  • j > laddove in latino compariva una i semiconsonantica (j in latino volgare) abbiamo in barese una g o sc (es.: jovis dies > giovedì, "giovedì"), ma la questione è controversa, perché il fatto che spesso tale evoluzione riguarda anche la ī vocalica (es.: gītus/jitus > sciúte, "andato") potrebbe essere indice del fatto che in realtà nel dialetto ci si sia rifatti a espressioni italiane anche volgari come giovedì e gito;
  • l > è una delle consonanti più instabili nel passaggio, i suoi esiti sono tre e tutti estremamente diversi tra loro: l (es.: lingua > lènghe/lèngue, "lingua"), d (es.: caballus > cavádde, "cavallo"). Resta l se iniziale o assieme ad altre consonanti, quando doppia ed intervocalica, soprattutto nei suffissi -allus, -ellus, -illus, -ollus ed -ullus, tende a d nel singolare e a r nel plurale (es.: *anillus > anìdde, "anello");
  • m > non subisce particolari variazioni (es.: moribundus > marabbónne, "campana che suona durante la celebrazione di un funerale");
  • n > come per la m, non subisce alterazioni consistenti, ma nei nessi consonantici genera trasformazioni varie;
  • p > resta di solito p (es.: patiens > pacce, "pazzo"); in alcuni casi passa a b (es.: supra > sope, "sopra");
  • q > non subisce particolari trasformazioni;
  • r > resta praticamente invariata (es.: rex > , "re");
  • s > di solito rimane s (es.: sartaginem > sartàscene, "padella", nei dialetti della zona murgiana), la s finale cade (es.: cras > crè, "domani");
  • t > resta tale , ma spesso muta la sua pronuncia sonorizzandosi. Ciò avviene soprattutto dopo la l (es.: Altus Murus > Jaltamúre, "Altamura"); segue l'italiano nella trasformazione in precise condizioni in z (es.: amicitia > amecízie, "amicizia");
  • v > gli esiti più evidenti sono v e f.

Differenze tra italiano e barese[modifica | modifica sorgente]

In genere le parole che passano dall'italiano al barese tendono a semplificare la loro pronuncia. Questa semplificazione passa anche attraverso l'utilizzo di un suono introduttivo che è quasi sempre j (es.: erba > jèrve) e che si usa in moltissime parole che iniziano per vocale. Questa semivocale cade nel momento in cui la parola viene preceduta da un articolo (es.: l'erba > l'èrve) e le parole che cominciano per i non subiscono il fenomeno (es.: imbricem > ìrgeme). In alcuni casi, comunque solo se la parola comincia per vocale, può capitare che non venga preceduta da j e che trasformi la sua vocale iniziale in a.

Segue un breve elenco delle maggiori trasformazioni dall'italiano al barese, escludendo come per il paragrafo precedente eccezioni e casi particolari:

  • aio/aia > ère (es.: notaio > nutère), in realtà è stato l'italiano a perdere la r originaria latina;
  • cce/cci > zze (es.: salsiccia > salzìzze);
  • g > quando iniziale diviene spesso j (es.: gamba > jamme). Davanti ai dittonghi ua e ue cade (es.: guerra > wèrre), ma questo può essere anche effetto della provenienza germanica di queste parole (si confronti guerra con war inglese e uèrre barese). Spesso g(g) diventa sc (es.: leggere > lésce). Il gruppo gli diventa gghie (es.: aglio > uàgghie);
  • i > tende a cadere quando iniziale (es.: imparare > mbará o mbaré; innamorato > nnammuráte o nnamuréte);
  • p > spesso invariata, si sonorizza dopo nasale (es.: impossibile > mbossìbbele).

I nessi consonantici in barese[modifica | modifica sorgente]

I nessi consonantici che vengono affrontati in questo paragrafo sono considerati indipendentemente dalla loro provenienza latina o italiana.

  • il nesso cl > chi (es.: *cicercla > cecérchie);
  • i nessi nb e np > mb (es.: in braccio > 'nbrazze o nvrazze; in piedi > nbite);
  • il nesso nd > nn (es.: quando > quanne);
  • i nessi ng e nq > ng(u) (es.: in cielo > ngile; in corpo > nguèrpe);
  • i nessi nf e nv > nb (es.: inferno > nbirne; invece > nbésce);
  • il nesso nm > mm (es.: in mezzo > nmènze);
  • il nesso ns > nz (es.: *in sursum > nzuse);
  • il nesso nt > nd (es.: quanto > quande);
  • il nesso pl (latino) / pi (italiano) > chi (es.: pluvere / piovere > chiòve);
  • il nesso tl > cl.

Grammatica[modifica | modifica sorgente]

Gli articoli determinativi e indeterminativi[modifica | modifica sorgente]

Gli articoli: determinativi e indeterminativi
Maschile singolare Femminile singolare Plurale
determinativi u la (in certi casi ra) le (in certi casi re)
indeterminativi nu (n') na (n')

n' viene usato quando la parola che seguente inizia per vocale.

Il plurale e il femminile[modifica | modifica sorgente]

Molti aggettivi e sostantivi sono invariabili: cambia solo l'articolo.

  • u cane [il cane] - le cane [i cani];
  • u uàrvere/jarvere [l'albero] - l'arvere [gli alberi];
  • la cerase [la ciliegia] - le cerase [le ciliegie];
  • u paíse [il paese] - le paíse [i paesi].

Ci sono anche alcuni plurali metafonetici:

  • u peccióne [il piccione] - le peccióne/le pecciúne [i piccioni];
  • u capélle [il capello] - le capídde [i capelli].

Per il femminile è la stessa cosa: molti, quasi tutti, aggettivi e sostantivi rimangono invariati.

Il vocativo[modifica | modifica sorgente]

Per i nomi esiste una distizione a due casi: nominativo (soggetto) e vocativo (complemento di vocazione).

Per formare il vocativo, il barese tronca la parola al nominativo singolare o, in rari casi, la altera. Il vocativo plurale, invece, è quasi sempre identico al nominativo plurale.

Caso Singolare Plurale
Nominativo (La) màmme (Le) màmme
Vocativo (O) mà (Le) màmme

Caso Singolare Plurale
Nominativo (Ù) papà (Le) papà
Vocativo (O) pà (Le) papà

Caso Singolare Plurale
Nominativo (Ù) uagnòne (Le) uagnùne
Vocativo (O) uagliò (O) uagnù

I pronomi[modifica | modifica sorgente]

I pronomi dimostrativi sono i seguenti indicati nella tabella sottostante:

I dimostrativi: aggettivi e pronomi
Maschile singolare Femminile singolare Plurale
Questo/a/i/e cusse chésse/chéssa chisse
Quello/a/i/e cudde chédde/chédda chidde

I pronomi personali soggetto sono:

pronomi personali soggetto
Persona Soggetto
1a persona singolare ji
2a persona singolare tu
3a persona singolare maschile jidde
3a persona singolare femminile jédde
1a persona plurale
2a persona plurale
3a persona plurale lore

Come forma di cortesia, per esempio quando ci si trova di fronte a una persona più anziana alla quale bisogna dare rispetto, si utilizza il sostantivo u mèste/mè' (signore) se ci riferiamo ad un uomo o la signó/la signóre/la segnó se ci riferiamo ad una donna. Alcune volte anche utilizzato in tono scherzoso.

I pronomi relativi sono:

  • ce [chi];
  • ca [il quale, la quale, i quali, le quali, di cui, a cui].

Per esempio:

  • Ce ssi ttu? [chi sei?];
  • La segnore ca so acchiàte ajíre [la signora che ho visto ieri];
  • Le libbre ca tu me si parlàte [i libri di cui mi hai parlato].

I possessivi[modifica | modifica sorgente]

Gli aggettivi possessivi e i pronomi possessivi sono questi elencati nella seguente tabella:

Possessivi
Persona Maschile singolare Femminile singolare Plurale indistinto Forma enclitica
1a singolare mije/mi mèje/mè mije/mi -me
2a singolare tuje/to toje/to tuje, toje/to -te
3a singolare suje/su soje/so suje, soje/su, so' -se
1a plurale nèste/nuste nostre nèste/nuste -
2a plurale vèste/vustre vostre vèste/vustre -
3a plurale lore lore lore -se

In dialetto barese l'aggettivo possessivo va sempre dopo il nome al quale si riferisce.

  • ''la maghene mèje [la mia automobile].

Altra caratteristica di questo dialetto è anche la forma enclitica del possessivo tramite suffissi, che però è limitata solamente alle persone:

  • attàneme [mio padre];
  • mamete [tua madre];
  • sòrese [sua sorella].

Preposizioni[modifica | modifica sorgente]

Le preposizioni semplici sono:

  • de [di];
  • à [a];
  • da [da];
  • jinde ('nde; 'n) [in];
  • che [con];
  • suse/sope [su];
  • pe [per];
  • ''nmènze, ndra [tra, fra].

Possono fare anche da preposizioni:

  • sotte [sotto];
  • abbàsce/sotte [sotto, giù].

Le preposizioni articolate sono:

Preposizioni articolate
u la le
de d'u de la de le
á o' à lla à lle
da d'u da lla da lle
jinde junde u/nd'u jinde la/nd'à lla jinde le/jinde à lle/nd'à lle/'nde le
che c'u che lla che lle
suse suse u/sus'u suse á/sus'á suse le
pe' p'u pe' lla pe' lle

Le principali locuzioni prepositive sono:

  • da ddo, da ddè > di qua, di là;
  • nzime che, nzime à > insieme a;
  • fine à/finghe à > fino a;
  • sènze > senza (anche se non è una locuzione);
  • pe ccolpe de > a causa di.

Ca e Che[modifica | modifica sorgente]

Ca (lat. quam) può avere valore di:

  • preposizione realtiva: vogghe/voche à accàtte u prime ca jàcchie. [comprerò il primo che trovo];
  • congiunzione:
    • nella proposizione dichiarativa: u sacce ca jè nu buène uagnóne. [so che è un bravo ragazzo];
    • nella preposizione consecutiva: tène nu sacche de libbre ca la case soje pare na bibbliotèche. [ha tanti libri che la sua casa sembra una biblioteca];
  • introdurre il secondo termine di paragone: jève chiú la fodde ca u rèste. [era più la folla che il resto].

Che (lat. quod) può avere valore di:

  • preposizione: tagghià c'u chertídde. [tagliare col coltello];
  • congiunzione [con];
  • per formare il congiuntivo presente: che vènghe ddo' [che venga qui];
  • nella forma avversativa: che tutte ca [con tutto che];
  • nelle proposizioni finali: veléve che jève chiú jirte [avrei voluto essere più alto];
  • nelle proposizioni concessive: avàste che paghe [basta che paghi];

Il partitivo in barese non esiste, e per tradurlo vengono adoperate due forme:

  • nu picche [un poco];
  • à mmuzze [a mucchi, un po'/poco];
  • do [due].

Congiunzioni, negazioni ed affermazioni[modifica | modifica sorgente]

Segue l'elenco delle principali congiunzioni del barese:

  • e, "e(d)";
  • o, "o(ppure)";
  • ma, "ma";
  • pérò, "però";
  • ca, "che";
  • ce/si, "se";
  • percé/peccé, "perché";
  • come/accóme, "come";
  • acchessí, "così";
  • abbàste ca po, "purché";
  • abbàste ca nan, "purché non";
  • tande ... ca ..., "tanto ... che ...".

Qui troviamo le principali negazioni e affermazioni:

  • none, "no";
  • nan/non, "non" (la n finale modifica in alcuni casi l'iniziale della parola successiva per un fenomeno di sandhi, es.: nan pozze > nan bozze);
  • mè/mà, "mai";
  • sí/sine, "sì";
  • cèrte, "certo";
  • securaménde, "sicuramente";
  • sènze méne, "certamente".

Comparativo di maggioranza, minoranza e uguaglianza[modifica | modifica sorgente]

  • Comparativo di maggioranza: Soggetto + verbo essere + chiù + aggettivo + de + ...

Es.: Tu si cchiú attíve de cudde. (Tu sei più schietto di quello).

  • Comparativo di minoranza: Soggetto + verbo essere + méne + aggettivo + de + ...

Es.: Maríe jè mméne grèsse d'Antoniètte. (Maria è meno grossa di Antonietta).

  • Comparativo di ugualianza: Soggetto + verbo essere + aggettivo + come + ...

Es.: Ziànete jè bbèlle come la mije. (Tua zia è bella come la mia).

Mesi e Giorni[modifica | modifica sorgente]

In barese esiste solo l'estate (la staggióne) e l'inverno (u nvirne), ma molte volte si utilizza specificare così:

Gennaio > Gennare

Febbraio > Frevare

Marzo > Marze

Aprile > Abbríle

Maggio > Màggie/Mèsce

Giugno > Giúgne/Sciúgne

Luglio > Luje

Agosto > Aúste

Settembre > Settèmbre

Ottobre > Ottóvre

Novembre > Nuvèmbre

Dicembre > Dicèmbre

Giorni della settimana[modifica | modifica sorgente]

Lunedí > lunedì

Martedí > martedì

Mèrcoledí/Mèrculedì > mercoledì

Sciovedí/Giovedí/Giuvedì > giovedì

Venerdí > venerdì

Sàbate > sabato

Duméneche > domenica

Numeri ordinali e cardinali[modifica | modifica sorgente]

Cardinali:

  • june (uno)
  • du/do (due)
  • tré (tre)
  • quatte(quattro)
  • cinghe / cènghe(cinque)
  • sèi / sèje (sei)
  • sètte (sette)
  • uètte / jòtte / jètte (otto)
  • nove / nòuve / nàuve (nove)
  • désce / dísce (dieci)
  • jundece / junnèce (undici)
  • dùdece / duèdece(dodici)
  • tridece (tredici)
  • quattúrdece /quartúddece (quattordici)
  • quindece / quinnèce (quindici)
  • sidèce (sedici)
  • désce à ssètte (diciassette)
  • désceòtte/uètte (diciotto)
  • désce à nnovve (diciannove)
  • vínde / vénde / wuìnde (venti)
  • poi si continua aggiungendo al nome della decina il nome dell'unità (Es.:uèttànde (Ottanta) + e + nnove (nove)).
  • trénde (trenta)
  • quarànde (quaranta)
  • cinguànde (cinquanta)
  • sessànte/sessànde (sessanta)
  • settànde (settanta)
  • uèttànde/ottànde (ottanta)
  • novànde (novanta)
  • cínde (cento)

Ordinali:

  • prime (primo)
  • sécónde/secónde (secondo)
  • tèrze (terzo)
  • quàrte (quarto)
  • quínde (quinto)
  • sèste (sesto)
  • sètteme (settimo)
  • ottàve (ottavo)
  • none (nono)
  • dèceme (decimo)
  • poi si continua aggiungendo al nome del numero cardinale la desinenza -seme e l'ultima vocale si accenta (Es.: desce à ssètte (diciassette) + -seme (esimo) → desce à ssettèseme).

Verbi[modifica | modifica sorgente]

Prima coniugazione
mangià (mangiare)
presente imperfetto futuro
ji mange mangiàve i/àgghie à mmangià
tu mange mangiàve ad'à mmangià
jidde/jédde mange mangiàve av'à mmangià
mangiàme mangiavàme avíme à mmangià
mangiàte mangiavàte avíte à mmangià
lore mangene mangàvene onne/àvene à mmangià
Seconda coniugazione
canòsce (conoscere)
presente imperfetto futuro
ji canòsce canesc/canoscéve i/àgghie à ccanòsce
tu canòsce canesc/canoscéve ad'à ccanòsce
jidde/jédde canòsce canesc/canoscéve av'á ccanòsce
canesc/canoscíme canesc/canoscèmme avíme à ccanòsce
canesc/canoscíte canesc/canoscíve avíte à ccanòsce
lore canòscene canesc/canoscèvene onne/àvene à ccanòsce

In barese i verbi si differenziano in due coniugazioni: ed -e. Nella zona murgiana, però, i verbi di prima coniugazione escono spesso in .

Verbi principali[modifica | modifica sorgente]

  • Essere "(j)èsse": so, si, jè, sime, site, sonde/so'
  • Avere "avé": àgghie/jàgghie/àgghieche (Gravina) /jàgghieche (Gravina), a/ja/jé, ave/a/jave/jève (Gravina), avíme/ame/amme, avíte, onne/jonne/anne/janne/avene/javene
  • Stare "stà/sté": stogghe/stouche (Gravina), sta/sté, sta/sté, stàme/stéme, stàte/stéte, stonne
  • Andare "scí": vogghe/voùche (Gravina), va/vé, va/vé, sciàme/scième, sciàte/sciète (Gravina), vònne
  • Tenere "tené": tènghe/tègne (Altamura) tìne, tène, teníme, teníte, tènnene
  • Fare "fà": fazze/fazzèche (Gravina) fasce/fèsce, fasce/fèsce, facíme, facíte, fàscene/féscene

Modo indicativo[modifica | modifica sorgente]

Le desinenze per formare l’indicativo presente sono:

  • prima coniugazione: -e, -e, -e, àme/éme, -àte/éte, -ene;
  • seconda coniugazione: -e, -e, -e, -íme, -íte, -ene.

Il presente continuato in barese si forma con l'indicativo presente del verbo stare + à + indicativo presente del verbo.

  • stogghe à ffazze - sto facendo

Nelle zone interne della provincia di bari e nell'interland si utilizza anche il costrutto: verbo stare + verbo all'infinito.

  • sté studie - sta studiando (soprattutto nell'interno e nell'interland barese)

A Bari, invece, è più usato il primo costrutto anche per la seconda e la terza persona singolare.

  • stà a studie - sta studiando

Nell’imperfetto troviamo le seguenti desinenze:

  • prima coniugazione: -àve, -àve, -àve, -àme, -àte, -àvene
  • seconda coniugazione: -éve, -éve, -éve, -èmme, -íve, -èvene

Il passato prossimo presenta la formazione seguente: ausiliare èsse/avé al presente + participio passato del verbo.

  • accattá/é (comprare): ji so/àgghie accattàte, tu si/ha accattàte, jidde/jédde ha accattàte, nú sime/avíme accattàte, vú site/avíte accattàte, lore so'/sonde/honne accattàte.

Lo stesso accade per trapassato prossimo e trapassato remoto. Esempio:

  • ji avéve/jève acchiàte - avevo trovato
  • ji avíbbe/fuéve mbregghiáte - ebbi imbrogliato

Per il tempo perfetto le desinenze sono:

  • prima coniugazione: -éve, -àste, -ò, -àmme, -àste, -àrene;
  • seconda coniugazione: -íve, -íste, -í, -èmme, -íste, -érene.

Per formare il futuro bisogna ricorrere all'ausiliare avé (avere, dovere) al futuro. Verbo avé al futuro + à + verbo all'infinito.

  • canòsce (conoscere): ji àgghie/i à ccanósce, tu ad'à ccanósce, jidde/jédde have a ccanòsce, nú avíme à ccanósce, vú avíte à ccanósce, lore àvene/honne à ccanósce.

Modo congiuntivo[modifica | modifica sorgente]

Il congiuntivo imperfetto ha delle desinenze proprie:

  • prima coniugazione: -àsse, -àsse, -àsse, -àmme, -àste, -àssere;
  • seconda coniugazione: -èsse, -èsse, -èsse, -èmme, -íste, -èssere.

Modo condizionale[modifica | modifica sorgente]

Il modo condizionale, inesistente, viene sostituito con l'uso dell’imperfetto indicativo o dell’imperfetto congiuntivo.

  • Veléve scí o' cineme - Vorrei andare al cinema;
  • Velésse vène pure ji - Vorrei venire anche io.

Nei dialetti murgiani si può presentare anche sotto la forma vulaie o vulisse.

Modo imperativo[modifica | modifica sorgente]

L'imperativo è formato semplicemente con l'aggiunta della desinenza -e per la seconda persona singolare, -àme o -íme per la prima persona plurale, e -àte o -íte per la seconda persona plurale davanti all'infinito del verbo:

  • tramínde! - guarda!
  • sciàme! - andiamo! (viene molte volte usato anche sciamanínne)
  • venite! - venite!

Modo gerundio[modifica | modifica sorgente]

Il gerundio si ottiene dall'aggiunta della desinenza -ànne per i verbi del primo gruppo e -ènne per i verbi del secondo davanti alla forma infinita del verbo:

  • ndripiquànne - cadendo
  • fuscènne - correndo

Modo participio[modifica | modifica sorgente]

Il participio passato è formato con l'aggiunta del suffisso -àte per i verbi appartenenti al primo gruppo e del suffisso -úte per i verbi appartenenti al secondo. Tuttavia vi sono anche participi passati uscenti in -ste:

  • viste/vedute - visto
  • remàste/arremàse - rimasto
  • sciúte - andato

Forma interrogativa[modifica | modifica sorgente]

In dialetto barese la forma interrogativa si forma in due modi:

  • Soggetto + avere a + verbo generico

Es.: Tu te ne hade a scí dè? (Tu te ne devi andare lì?)

  • Verbo + avere a + verbo generico

Es.: Hade a scí tu ddè? (Tu devi andare lì?)

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

In particolare in ambito poetico ci sono autori che hanno prodotto opere di pregio in dialetto barese; tra questi spiccano Francesco Saverio Abbrescia, Antonio Nitti, Davide Lopez e, più recentemente, Alfredo Giovine, Vito Maurogiovanni.[2]

Varianti locali[modifica | modifica sorgente]

In provincia esistono numerose varianti locali che, pur essendo molto simili al dialetto barese, rispetto a quest'ultimo cambiano cadenza e vocale. Eccone alcuni esempi.

Chi è?

Che vuoi?

Come te lo devo dire?

Hai comprato la frutta?

Ce ne andiamo in villa?

  • Barese: ' 'Nge n'amm'à sscí à lla ville?
  • Acquavivese: N'am'à scì ò giardine? (ad Acquaviva delle Fonti si utilizza la parola "giardino" (giardini pubblici) per riferirsi alla villa)
  • Coratino e Turese: N'amm'à sscí à lla ville?
  • Altamurano: N'amm'à gì 'mmènze à lla ville?
  • Andriese: N'amm'à sciòje à lla vélle?
  • Barlettano: ' 'Nge n'amm'à sscí à vville?
  • Biscegliese: N'èmm'à scé à la ville (palazzìne)?
  • Bitettese: N'amm'à ssciàje à lla ville?
  • Bitontino: N'amm'à ssciòjie 'nd'à lla ville?
  • Canosino: N'amm'à sscí 'nd'à lla ville?
  • Conversanese: 'Nge n'am'à sscí 'nd'à lla ville?
  • Coratino: N'amm'à sscí 'nd'à lla ville?
  • Giovinazzese: N'amm'à sscé 'nville?
  • Gravinese: N'amm'à scí 'mmènze à lla ville?
  • Grumese: N'amm'à sscí 'nville?
  • Minervinese: N'imm'à scéje à lla ville? (ma a Minervino Murge non si utilizza il termine villa, bensì Faro, da cui: N'imm'à sscéje o' fare?)
  • Molese: N'amm'à sscé à lla vèlle?
  • Molfettese: N'amm'è sciàje à lla ville?
  • Palese: N'amm'à sciòje à lla ville?
  • Polignanese: N'amm'à sciú 'mminze 'a cchiazze?
  • Putignanese: Am'a sceij 'minz ù còrse? (a Putignano si è soliti passeggiare su Corso Umberto I)
  • Rutiglianese: 'Ma scí sotte 'a ville?
  • Ruvese: Ne ssciòme à lla ville?
  • Sammichelino: N'amm'à sscí 'nd'à vville?/N'amm'à sscí 'nville?
  • Terlizzese: N'amm'à sscéje 'nmènze à vvélle?
  • Tranese: 'Nge n'amm'à sscé 'nd'à la ville?

Non si vede il treno

C'è solamente una padella

Parole fondamentali[modifica | modifica sorgente]

Quelli che seguono nei paragrafi successivi sono alcuni avverbi e locuzioni avverbiali.

Avverbi di luogo[modifica | modifica sorgente]

  • do', "qui"
  • dà / dè, "là";
  • addóve / addó / addàue, "dove";
  • abbàsce / 'ndèrre, "giù";
  • sotte, "sotto";
  • fòre / fòure, "fuori" (ma anche "in campagna");
  • nnanze / da nànze, "davanti";
  • de rembètte, /de fronde, mbacce, "di fronte";
  • appìrse / apprísse, "appresso";
  • 'ndréte, "indietro";
  • vecìne, "vicino";
  • lendéne / lundène, "lontano";
  • attúrne, "attorno".

Avverbi di tempo[modifica | modifica sorgente]

  • josce / joùsce, "oggi";
  • ajjíre, "ieri";
  • crà / cré, "domani";
  • pescrà / pescré, "dopodomani";
  • pescridde, "due giorni dopodomani";
  • pescrudde, "tre giorni dopodomani";
  • de matíne, "di mattina";
  • de di, "di giorno";
  • de sére, "di sera";
  • de notte, "di notte";
  • sèmbe, "sempre";
  • mo', "ora, adesso";
  • po', "poi";
  • mo próprie/mo pròbbete/mo punde, "proprio ora";
  • subete, "subito";
  • tarde, "tardi";
  • angóre/angòure/angàure, "ancora";
  • tanne, "allora, all'epoca";
  • appríme/prìme, "prima".
  • da mo' de nanze / da mo' 'nnanze, "da adesso in avanti"

Avverbi di quantità[modifica | modifica sorgente]

  • assà/assè/asséj, "molto";
  • chiú/ chiùje, "più";
  • méne, "meno";
  • troppe, "troppo";
  • picche, "poco";
  • nudde, "niente";
  • ppe nnudda nudde/mica miche, "nient'affatto".

Locuzioni avverbiali[modifica | modifica sorgente]

  • da sope / da soùpe / da sòbbe / pure u rréste amme a avé, "per giunta";
  • à ttutte vanne, "dovunque";
  • come à nna saiétte / accàmme e 'na saiétte, "velocemente";
  • o' scure / à la scure, "senza luce, al buio";
  • on zia mà / nan zia mé / mogghiaDdì, "non sia mai";
  • mo mo, "or ora";
  • à 'mmane à 'mmane / a 'mmène a 'mmène / 'mmène 'mmène, "man mano";
  • bèlle bèlle, "pian piano";
  • fescénne fescénne / fuscènne fuscènne, "in fretta e furia";
  • a ccùrte a ccùrte, "per la via più breve".
  • a dritte e a tùrte , "bene o male"

Altre parole di uso comune[modifica | modifica sorgente]

  • accendere: appeccià / appeccié
  • acchiappare/prendere: auandà / awwandé
  • spegnere: stetà / stutéje
  • alto: jirte / jàlte
  • basso: vasce
  • alzare: azà / alzà / jalzé
  • appunto/apposta/perciò: pedénne
  • albero: (u)arvere / jarvère
  • albicocca: vermecocche
  • andare: scí. Sono presenti due varianti esclusivamente nel comune di Altamura: e ghì.
  • anello: anídde
  • bacio/baciare: bèce/basce/vàse/vasé
  • battesimo: battéseme
  • cresima: crèseme
  • bagnare: bagnà/'mbònne
  • braccio: vrazze
  • bocca: vocche
  • buttare, lanciare: menà / ammenà / ammené
  • cadere: ndrepequà/drupé
  • calze: cazítte/calzítte
  • calzoni/pantaloni: cazúne/ calze
  • cambiare: cangià / cangièje
  • camminare: camenà/ cammenà / cammèneje
  • capelli: capídde
  • capitare: capetà/capeté
  • cavallo: cavàdde
  • chiesa: cheìse/chiìse
  • cocomero: melone
  • colore: chelore / cheloùre
  • coltello: chertídde / cùrtidde
  • comprare: accattà / accatté
  • coprire: acchemógghie / accumegghjé
  • cucchiaio: checchiàre / cucchière
  • cazzuola: cazzàule
  • cugino: cheggíne/cuggíne
  • cuocere/cotto: cusce/cotte/cunzé/cutte
  • dente: dènde
  • dito: discete
  • fave: féve
  • femmina: fémmene
  • foglia: fògghie
  • forchetta e forcella (da capelli): fercíne
  • fuoco: fuche/fuèche
  • fretta: fodde
  • gamba: gamme/jamme
  • grandine: grandene
  • grembiule: senèle
  • grosso: grèsse/grusse
  • magro: mazze
  • guardare: (a)chiamendà/tarmendé/tremendé
  • ieri: ajíre / ajjíre (à + jire: a ieri)
  • inchino: minuìcchje
  • inciampare: ndrapequà/ndrepequà/ndrepequé
  • innaffiare: annacquà / annacqué
  • legna/o: legnéme/ légne,
  • ceppo di legno da ardere: zippe
  • lingua: lèngue/lènghe
  • lucertola (di campagna): lacèrte
  • macelleria: vecciaríje
  • maestro (professionista): mèste/ mèste d'asceje
  • maschio: masckele
  • melanzana: malanzàne/melanzène/malangione
  • monte: mendagne / mundàgne
  • moglie: megghière
  • negozio: negòzzie
  • no: no/none/nòune/naune
  • occhio: ècchje / úcchie
  • olio: ègghje / úgghie / uègghje
  • orecchio: récchie / arécchie
  • paese: paíse/paeìse
  • pancia: vèndre/panze
  • patata: paténe
  • perché: percé/peccé
  • piazza: chiàzze
  • piede: pète
  • piovere: chiòve/chioùve
  • porto: purte
  • potare (trasportare): pertà / purtéje
  • portare (da lì fino a qui): annúsce
  • prendere: pegghià / pégghieje
  • presepe: presèpe/presèbbie
  • pulire: pelezzà / pulezé
  • qualcuno/a: quacche d'une/quacche june
  • raccogliere/raccolto (part.pass): (a)cògghie
  • ragazzo (generico): uagnóne / uagnòune / uagnàune
  • ragazza (generico): uagnédde
  • fidanzata: zite
  • risparmiare: 'sparagnà / sparàgné
  • ruota: rote / roùte
  • salire: sale/ salí (raro)/ 'nghiané (Gravina in Puglia)
  • scendere: scénne
  • saltare: zembà/zumbé
  • sì: sí/sine
  • bara: tavúte/ bavùgghje (Gravina in Puglia)
  • sporco (offesa): 'nzevuse/'nzevàuse
  • sposarsi, sposato/a: spesà/zetà (o zità), soprattutto per indicare "fidanzarsi"
  • stanchezza: fiàcche
  • stendere: stènne
  • strada: strade
  • suonare: soné / sunéje
  • tagliare: tagghià / tagghièje
  • testa: cape / chèpe
  • travasare: travasà / travesé
  • trovare: acchià / acchièje
  • uscire: assí / assíje
  • uovo: óuve/uéve
  • uva: uve
  • velleità/capriccio: picce penurie
  • desiderio: (zone murgiane, particolar modo a Corato, Ruvo di Puglia Altamura e Gravina in Puglia) 'ngulísce
  • vino: mire / mijerre (cfr. lat. vinum merum = vino genuino)

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Vocaboli di origine slava[modifica | modifica sorgente]

  • attàne/ attànne > otat, otac [padre],.

Vocaboli di origine araba[modifica | modifica sorgente]

  • uagliò > ualad [ragazzo]

Vocaboli di origine greca[modifica | modifica sorgente]

  • cùchele > κυκλος (kyklos) [focaccia di forma circolare, appunto "ciclo"]; anche nel dialetto lucano.
  • àmele > αμυλον (amylon) [contenitore di terracotta]
  • dò, addò > εδω (edò) [qui];
  • tavúte > θάπτω (thapto) [seppellire];
  • remmàte > απορρηματα (aporrìmata) [immondizia];
  • cèndre > κέντρον (kèntron) [chiodo];
  • ceràse > κεράσιον (keràsion) [ciliegia];
  • amínue > αμυγδαλο [mandorla]; caso estremamente raro mèlene (cfr. ital. mandorla); plurale mènele, con metatesi consonantica.
  • pedresíne > πετροσελινον (petroselinon) [prezzemolo]

Vocaboli di origine latina[modifica | modifica sorgente]

  • scí > latino ire, italiano volgare gire
  • cícere > cicer [cece];
  • crà > cras [domani];
  • díscete > digitum [dito];
  • discetà > oscitare [svegliare];
  • mo > mox [adesso, subito];
  • biscrà/pescrà > post cras [dopodomani];
  • prèvete > presbyter [prete];
  • fasúle > phaseolus [fagiolo].

Vocaboli di origine francese[modifica | modifica sorgente]

  • mestàzze/mustàzze > moustache [baffi];
  • accattà/é > acheter [comprare];
  • palde/palte > poche [tasca];
  • tirabusciò > Tire-bouchon [cavatappi];
  • buatta > Boîte [barattolo di latta].

Vocaboli - Espressioni di origine spagnola[modifica | modifica sorgente]

  • vràzze > bràzo (vràso) [braccio];
  • criatùre > criatura [figlio, prole, creatura];
  • ammènde > almendra [mandorla];
  • auànde > aguantar [prendere, mantenere];
  • ricchione > maricòn [omosessuale];
  • suste > susto [angoscia];
  • marànge > naranja [arancia].
  • strepiàte > estropeado [rotto, danneggiato];
  • sparadràppe > esparadrapo [cerotto];
  • "stogghe de fèste" > estar de fiesta [in entrambi in casi vuol dire festività importante,in paese o in famiglia]
  • "s'a fatte prèvete" > "se hizo..." [in entrambi i casi l'espressione " si fece + sostantivo" indica un cambio]
  • ajjíre > ayer [ieri]

Lemmi[modifica | modifica sorgente]

Barese Italiano Provenienza Lingua d'origine
Abbàsce giù abajo / a baix (pron. a bash) / abaixo spagnolo / catalano / portoghese
muíne lecchinaggi amoïnar catalano
À ppète a piedi a pé portoghese
uacídde uccello avicellum latino
ajíre ieri ayer spagnolo
Buàtte barattolo boîte francese
cape de zzie Vengìnze nullatenente caput sine census latino
Papàle Papàle camminata lenta παπελε παπελε (papel papel=un passo dopo l'altro) Greco antico
Cazítte calza chaussette francese
Cerase ciliegia cerasum latino
Cucchiàre cucchiaio cuchara spagnolo
Fenèste finestra fenestra latino
Lassà lasciare laxare latino
Lèngue/lènghe lingua lengua spagnolo
Mammà mamma mamá spagnolo
Mesale tovaglia da tavolo mesa spagnolo
Muzze mucchio, gran numero morra spagnolo
Mestazze baffi moustache francese
Pedresíne prezzemolo petroselinum latino
Arlògge orologio reloj / rellotge spagnolo / catalano
Seméne settimana semaine (pron. seméne) francese
Sèggie sedia silla spagnolo
Sparatràppe cerotto esparadrapo
sparadrap
esparadrap
spagnolo
francese
catalano
Sparàgne risparmio épargne francese
Tavúte bara taut
θάπτω
arabo
greco
Tirabbuscióne cavatappi tire-bouchon francese
Zíngare zingaro zíngaro spagnolo

Proverbi e modi di dire[modifica | modifica sorgente]

  • La fésse de mamete (La vulva di tua madre)
  • Fortúne e ccazze ngule biàte à ce l'ave (Tradotto letteralmente: Fortuna e cazzo in culo beato a chi ce l'ha, cioè, essenzialmente, vuol dire Beato a chi ha fortuna in tutto)
  • O chiòve o amméne u vinde, à nnú nge ne fréche nudde/ninde (O piove o tira vento, non ce n'importa niente; cioè Andiamo avanti senza pensare a tutte le difficoltà)
  • Stippe ca truve (Conserva che così trovi)
  • La carna triste non la vòle né u diàue e mmanghe Criste (La "carne triste" (ossia la cattiva gente) non l'accetta ne il Diavolo e nemmeno Cristo)
  • Ce bbèlle uè pare u uèsse pezzídde t'av'à ddue (Se bello vuoi apparire, l'osso sacro ti deve dolere)
  • Sanda Tarèse pagò pe ssènde e jji sèndeche nudde (letteralmente: "Santa Teresa pagò per sentire e io sento gratis"; ossia: è meglio che taci poiché dici fesserie)
  • U tavúte non dène le palde ("La bara non ha tasche"; ovvero: una volta morto i soldi non servono)
  • Nu tuffe do, nu tuffe dè, finghé à lla fine nge l'am'à ffà (Riusciremo con calma)
  • Ce nge n'am'à sscí, sciamanínne, ce non nge n'am'à sscí, non nge ne sime scénne! ("Se ce ne dobbiamo andare andiamocene, se non ce ne dobbiamo andare non ce ne andiamo"; scioglilingua per provare la "baresità" di un soggetto)
  • u pulpe se cosce jinde à ll'acqua soje (Il polpo si cucina nella sua acqua)
  • Dalle e ddalle, se chièche u firre (letteralmente: "Dai e dai, anche il ferro si piega", chi la dura la vince)
  • Si ffatte la fegure toje! (Hai fatto la tua figura)
  • Facíme la fine de le scarciòffe (Facciamo la fine dei carciofi)
  • Avíme fatte trénde, facíme tréndúne (Abbiamo fatto trenta, facciamo trentuno)
  • Si ccadúte da sope/suse o' litte (Sei caduto da sopra il (lett. "al") letto)
  • Passàte u sande passàte la fèste! (Ogni cosa a suo tempo)
  • Amandíneme ca t'amandénghe! (Mantienimi che ti mantengo)
  • Stame sotte o' cile! (Siamo sotto il -lett. "al"- cielo;)
  • E jjune!... disse cudde ca cecabbe l'ècchie á lla megghière (E uno!... disse quello che ciecò un occhio alla moglie)
  • Mazze/Mazzàte e ppanèdde fáscene le fìgghie bèdde/bèlle; panèdde sénze mazze fàscene le fígghie pazze/stanghe (Bastone e pane fanno i figli garbati, pane senza bastone rende i figli sgarbati/stanchi)
  • u Attàn'étèrne da u pane à cci non dène le dinde! (Il padreterno dà il pane a chi non ha i denti)
  • Ci ttène pane non tène dinde, ci tène dinde non tène pane ("Chi ha il pane non ha i denti, chi ha i denti non ha il pane"; cioè: ad ognuno manca qualcosa che ha l'altro)
  • Ci sckute ngile nbacce te vène (Non sputare in cielo, poiché ti tornerà in faccia)
  • La cére se strúsce e la breggessióne non gamíne ("La cera (delle candele) si consuma e la processione non va avanti"; cioè: Le risorse si consumano, ma il risultato non si vede)
  • Sciàme à scettà u remmate (Andiamo a buttare l'immondizia)
Nota
in frasi rette dai verbi scí à = "andare a" e stà = "stare a" non si usa l'infinito ma l'indicativo (vedi grammatica del Giovine)
  • L'acque jè ppicche e la pabbere non gallégge ("L'acqua è poca e la papera non galleggia"; usato per indicare una qualsiasi intenzione che non può andare avanti per mancanza di possibilità)
  • Jè bbèlle la pulizzíe, disse cudde ca se mbelò le metande à l'ammèrse!!! (È un sollievo essere puliti, disse colui che indossò le mutande al contrario)
  • u vove disce chernute o' ciúcce!!! (Il bue dice cornuto all'asino)
  • V'à pígghie à sckaffe le marànge pe falle devendà russe!!! (Va' a prendere a schiaffi le arance per farle diventare rosse)
  • Si scangiàte cazze pe fecàzze e chegghiúne pe lambasciúne!!! ("Hai scambiato cazzi per focacce e coglioni per lampascioni"; ossia: hai preso fischi per fiaschi)
  • L'omene da la tèrre vène e à la tèrre se ne va/vé (L’uomo dalla terra viene e alla terra va)
  • Ognúne tire acque à la via soje (Ognuno tira l'acqua al suo mulino)
  • Arrevàte à la quarandíne lasse la fémmene pe la candíne (Arrivato ai quarant’anni lascia la compagnia delle donne e frequenta quella degli amici)
  • Le discete de la mane non soje tutte uàle (Le dita della mano non sono tutte uguali)
  • à l'omene sènze varve e à le fémmene sènze fígghie, non zi scénne né pe ppiacíre né ppe cchenzíe ("A giovani imberbi e a donne senza figli non andare né per piacere né per chiedere consigli"; non hanno esperienza)
  • Na porte s'achiúte e ccinde se jjabbrene (Una porta si chiude e cento se ne aprono)
  • u cemmerute che le gamme settile, non jè omene pe ffà le fígghie (Il gobbo con gambe sottili non è uomo idoneo per fare figli)
  • Nesciúne zèppe jè dritte ("Nessuno zoppo è dritto"; ossia: chi ha difetti fisici ha difetti nell'animo)
  • omene peluse omene ferzuse (Uomini pelosi uomini forti)
  • u lénghe jè bbuène à ccògghie fiche, e u curte pe maríte (L'uomo alto è buono per cogliere fichi, il basso è buono come marito)
  • u muèrte jè muèrte, penzame à le vive (Il morto è morto, ora pensiamo ai vivi)
  • Ci tratte s'mbratte (Chi tratta si sporca)
  • Nesciúne nasce mbaràte (Nessuno nasce istruito)
  • Ce non vole fà nu chelometre ne fasce du (Chi non vuole fare un chilometro ne percorre due)
  • u sàzie non gréde o' desciúne (Il sazio non crede all'affamato)
  • Non ze sckute jind'o' piàtte addó si strafequàte ("Non sputare nel piatto dove hai mangiato a sazietà"; usato per chi parla male di qualcosa che gli ha permesso di vivere, ad es. un vecchio posto di lavoro)
  • Ce Criste vole: arròste l'ove ("Se Cristo vuole arrostisce le uova"; ovvero: se Dio vuole può tutto, perfino arrostire le uova, cosa decisamente impossibile)
  • Na paròle jè picche e ddo so' assà ("Una parola è poca e due sono troppe"; usato per dire a chi parla troppo, di stare zitto)
  • Japre l'ècchie, c'à achiútelle non nge vòle nudde! ("Tieni gli occhi aperti, perché a chiuderli non ci vuol niente"; ovvero: sta' in guardia ché ti può succedere una disgrazia)
  • Mègghie nu quindàle nguédde ca nu quinde ngule (Meglio un quintale (100kg) sulle spalle che un quinto (20kg) nel deretano)
  • Na paròle de méne retirte à ccaste ("Una parola di meno e tornatene a casa"; corrisponderebbe all'italiano "La parola è d'argento ma il silenzio è d'oro")
  • L'acque ca non a fatte, ngile stà ("La pioggia che non è caduta è ancora in cielo"; ovvero: quello che ci si aspetta possa succedere, probabilmente succederà)
  • Ci sparte, jave la mègghia parte (Chi ripartisce qualcosa tra molti, tiene la parte migliore per sé)
  • La fígghia mute la mamme la ndènde (La madre capisce la figlia anche quando questa è muta)
  • Sande Necole jè amànde de le frastíre ("San Nicola è amante dei forestieri"; ovvero: Bari città aperta a tutti)
  • La sembatíe jè pparènde à la gocce (Così come la goccia (di pioggia, rugiada etc.) cade dove vuole, così l'affinità si genera senza la necessità di obbedire a leggi di causa ed effetto)
  • Onne fernute le timbe de le còppue longhe ("I tempi dei berretti calati sugli occhi, sono finiti"; frase utilizzata per indicare il cambiamento dei tempi)
  • U curte non arríve e u frascke non ammandéne ("Ciò che è corto non arriva e ciò che è marcio non regge"; espressione per stigmatizzare atteggiamenti di irresolutezza)
  • La gocce à la rocce: «Timbe nge vòle, ma te fazzeche u bbuche» (letteralmente: "La goccia dice alla roccia: «Ci vuole tempo, ma il buco te lo faccio»"; evidente resa dialettale della locuzione latina gutta cavat lapidem)
  • Ce uè frecà u vecine t'ad'à alzà subete la matíne (letteralmente: "Se vuoi fregare il tuo vicino devi alzarti presto al mattino")
  • À llavà la cape d'u ciúcce se pèrde (j)acque e sapóne (letteralmente: "A lavare la testa dell'asino perdi acqua e sapone")
  • U firre se batte à quanne jè ccalde (letteralmente: "Il ferro va battuto caldo"; ovvero: è meglio rimediare all'inconveniente in tempi brevi)
  • Mò du ia dà iun iìnde all diìnde (lett.: "Adesso ti devo menare uno nei denti"; segno di intimidazione)

Espressioni tipiche[modifica | modifica sorgente]

  • Capo! = Ehi, ragazzo!
  • U mèste! = Maestro!
  • Ce uè? = Che vuoi? (Ciábbe uè?/Ce rabbe uè?, utilizzata soprattutto nella zona di Modugno)
  • Ci jjè? = Che c'è?
  • Se volde e ddisce... = Si volta (nel senso di 'interviene') e dice...
  • St'à pparle o st'à mmuve le récchie? = Stai parlando o muovendo le orecchie? (Stai dicendo sul serio?)
  • À cci?! = A chi?!!
  • Ca ci! = "E che ti credi!" come dire: "e che pensavi?"
  • Statte citte! = Sta' zitto!
  • Ce ne sacce" = Che ne so!, boh!
  • Ma vattínne, va! = Va' via! (anche per indicare dissenso o incredulità:"Ma dai!")
  • Madó! = Madonna! Esclamazione molto usata per qualsiasi espressione di sorpresa, positiva o negativa.
  • Moh = (da non confondersi con mo=adesso). Usato come intercalare per qualsiasi espressione di sorpresa, positiva o negativa. Più probabile che derivi dal troncamento di mocche, mmocche: "in bocca", esclamazione sgarbata usata per altro spesso a significare "accidenti a ...". Per esempio mocche à mammete, mocche à la razza toje, ecc.
  • Mè/Émmè? = Embè? (Ebbene?)
  • Mè/Émmè! = E dai!, suvvia!
  • Ce jjore so'? = Che ore sono?
  • Mocche à cchi t'è bbive! = letteralmente: "mannaggia a chi ti è vivo!" (espressione usata nei più vari contesti per sottolineare un'azione o una frase notevole)
  • Mocche à chi t'è murte! = letteralmente: "mannaggia a chi ti è morto!" (usata nei momenti di rabbia contro qualcuno o nei più vari contesti per sottolineare un'azione o una frase notevole di taluno). Spesso ridotta al solo Chi t'è mmurte!.
  • Auànde!/Auànde à Peppine! = letteralmente: "agguanta!(acchiappa)/agguanta Peppino!" (frase usata nello stesso senso dell'espressione italiana "attento!")
  • Sanda Lecí! = letteralmente: "Santa Lucia!" (si utilizza quando un oggetto che si sta cercando e non si riesce a trovare lo si ha davanti agli occhi)
  • Ou! = intercalare caratteristico di chi vuole attirare l'attenzione altrui ("Ehi!").
  • Nah!!, Ih!! = espressioni di sorpresa, incredulità o meraviglia.
  • Uè remmate!!! = italianizzato "ehi rimmato", ossia "immondizia, rifiuto". Qui è usato come insulto.
  • Mamma méje!!! = Mamma mia!!!
  • Si ttaràte! = Sei tarato!
  • Si pròpie d'u june! = Sei proprio "dell'uno", cioè "tarato", "cretino". Esistono due teorie sull'origine di tale espressione: la priva deriva dall'idea che i ragazzi nati nel 1901 fossero troppo giovani per essere arruolati nella prima guerra mondiale e troppo vecchi per essere soldati nella seconda, quindi buoni a niente, mentre la seconda teoria riprende il fatto che a Bari nel 1901 ci furono molti casi di meningite tra i neonati, quindi chi era dell'1 probabilmente aveva difetti cerebrali.
  • Cìtte tu, ca sì d'u june! = "Zitto tu, che sei dell'uno!" Come sopra, con in più l'esortazione a tacere essendo la persona meno adatta a dare consigli.
  • Aué!!... = esclamazione sguaiata usata tipicamente per attirare l'attenzione in modo sgarbato, derivante dal latino Ave pronunciato Aue.
  • T'i à da le sckaffe à ddu à ddu fine à quanne non devèndene dispere!!! = "Ti tirerò i ceffoni a due alla volta fino a che non diventano dispari"
  • "Ce se disce?" "Ca le sarde se mangene l'alísce!" = "Cosa mi racconti?" "Che le sarde si mangiano le alici!" (in altri termini "Nulla di particolare"). L'efficacia della risposta risiede nella rima, presente nella versione originale.
  • T'i à uannà = Ti prenderò
  • Va à scazze le rizze ch u cule = "Va' a schiacciare i ricci (di mare) col sedere" (taci che stai dicendo stupidaggini)
  • Oh, ce? Te st'à ffasce brutte? = Che c'è? ti stai arrabbiando? (diventando brutto, faccia cattiva)
  • Aué Toníne, ma se pote sapé ce ccòse st'à fasce? = Antonio, si può sapere cosa stai facendo?
  • Mechéle, ma addó te jàcchie? = Michele... ma dove ti trovi?
  • Mechéle jè ccome à Catàcchie: mo t'u vide e mmo non u jjàcchie = Michele è come Catacchio (cognome barese): in un momento ce l'hai davanti, un momento dopo non lo trovi più. Esprime la personalità sfuggente di Michele.
  • Giuànne si ppròpie nu puèrche = Giovanni sei proprio un maiale
  • Ué, facce de du novèmbre/nuvèmbre!! (letteralmente: "faccia da due novembre", ovvero faccia estremamente triste o brutta)
  • Mo seggnoríne, stà chine u autobússe! (letteralmente: "accidenti signorina, sta pieno l'autobus", ovvero "il tuo seno prosperoso!")
  • Mo uagnúne stogghe à ttremile!! (letteralmente: "ragazzi, sono a tremila!!", ovvero: "amici, sono al massimo dell'euforia!")
  • " Ad'à fà ngule!" "Devi lavorare!"
  • Recchióne = dispregiativo per omosessuale.
  • Ma vaffangúle (ma vaffanculo)
  • ndo sta/sté l'aragóste? / pombe la pombe/pombe u nosce'? (letteralmente:indurisce l'aragosta? ovvero:sei sessualmente attivo?)
  • aggírete de facce percé de cule già te sacce (mostra il tuo viso perché il tuo sedere già lo conosciamo)
  • Tremó/Tremóne= trimone (espressione particolarmente volgare che indica la masturbazione maschile. Equivale alla parola pirla in Dialetto milanese o alla parola bischero in Dialetto fiorentino)
  • Aué u fígghie de Giuànne. = Ciao figlio di Giovanni.
  • Tine chiú corne tu ca na cesta de cazzavune. = "Hai più corna tu che una cesta di lumache". Evidente riferimento all'infedeltà del coniuge.
  • Tine la cape pe sparte le rècchie. = "Tieni la testa per spartire le orecchie". Sei così scemo che la testa serve solo per separare le orecchie.
  • Me sì lassate come a la zita de Cègghie. = "Mi hai (lett. sei) lasciato/a come la fidanzata di Ceglie". Si fa riferimento ad una ragazza che rimase sola sull'altare nell'attesa del promesso sposo che non si presentò[3]. Viene usato quando qualcuno/a non si presenta ad un appuntamento.
  • Stà a parle o stà a muve le rècchie? = "Stai parlando o stai muovendo le orecchie?" Persona che parla molto ma non dice niente di interessante.
  • Vogghe suse alla zie. = "Vado sopra alla zia", nel senso di salire nel palazzo fino all'appartamento della zia.
  • Stoche sotte a le arme. = "Sto sotto alle armi", sto facendo il militare.
  • Parle picche e parle bune. = "Parla poco e parla bene". Meno chiacchiere e più sostanza.
  • Come Sciame? Auandanne auandanne. = "Come andiamo? Così, così (lett. prendendo prendendo)"

Influenze arabe[modifica | modifica sorgente]

Nel famoso scioglilingua Ce nge n'am'á sscí, sciamanínne, ce non nge n'am'á sscí, non nge ne sime scénne (Se ce ne dobbiamo andare andiamocene, se non ce ne dobbiamo andare, non ce ne andiamo), è messo in risalto il verbo andare, la cui traduzione in barese proviene direttamente da influenze latine. Andare, infatti, proviene dal latino ire, che in italiano volgare diventa gire, con affievolimento della g in sc, e quindi scì. È probabile che derivi anche dal verbo arabo نمشي(namsci)[senza fonte].

Influenze greche[modifica | modifica sorgente]

In dialetto molfettese, il termine focaccia viene indicato come cuchèle che deriva dal greco "κύκλος" che significa cerchio.

Influenze latine[modifica | modifica sorgente]

Essendo il barese una lingua neo-latina in esso sono presenti alcuni termini presenti in latino come: Cras (domani) e Cerasum (ciliegia): Crà/Crè n'am'á sscí á ppigghiá le ceráse? (Domani dobbiamo andare a prendere le ciliegie?).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ Giacinto Spagnoletti, La Puglia e i suoi poeti dialettali. URL consultato il 14 agosto 2011.
  3. ^ La Gazzetta del Mezzogiorno.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michele Loporcaro, Grammatica storica del dialetto di Altamura, Pisa, Ist. Editoriali e Poligrafici, 1988.
  • Bari fra dialetto e poesia, Caratù Pasquale, Daniele M. Pegorari, Rubano Anna, Palomar, 2008.
  • Vocabolario dialettale barese, Barracano Vito, Adda, 2000.
  • D'Amaro, Sergio. "Apulia"

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Puglia