Dialetti gallo-italici di Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Dialetti gallo-italici di Sicilia
Parlato in Italia Italia
Regioni Sicilian Flag.svg Sicilia (principalmente, comuni della Provincia di Enna e della Provincia di Messina; e in minor parte, comuni della province di Catania, Palermo, Caltanissetta, Siracusa)
Persone 60.000[1]
Classifica Non nei primi 100
Filogenesi Indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italoromanze
    Galloitaliche
     Dialetti gallo-italici di Sicilia
Codici di classificazione
ISO 639-2 roa
ISO 639-3 lmo  (EN)
SIL LMO  (EN)
Segnale bilingue in italiano e in gallo-italico a San Fratello, in provincia di Messina.

Gallo-italici di Sicilia (o Lombardi di Sicilia)
Luogo d'origine Piemonte Bandiera.png Piemonte,
Flag of Liguria.svg Liguria,
Flag of Lombardy.svg Lombardia,
Emilia-Romagna-Bandiera.png Emilia,
Provenza-Alpi-Costa Azzurra Provenza-Alpi-Costa Azzurra,
Bassa Normandia Bassa Normandia,
Alta Normandia Alta Normandia
Popolazione 60.000[1]
Lingua Gallo-italico di Sicilia
Religione Cattolicesimo
Distribuzione
Sicilia centrale e Sicilia orientale 60.000[1]

I gallo-italici di Sicilia (o galloitalici di Sicilia), anche detti dialetti alto-italiani della Sicilia,[2] sono un'isola linguistica alloglotta all'interno della Sicilia centrale e orientale composta da dialetti in cui dominano caratteristiche, soprattutto fonetiche, tipiche dell'italiano settentrionale, appartenenti cioè alle parlate del gruppo linguistico gallo-italico, nel quale sono presenti un sostrato gallo-celtico e un superstrato germanico, diffuso in gran parte dell'Italia Settentrionale e storicamente appartenente alla macro-regione a sud delle Alpi che i Romani chiamarono Gallia cisalpina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Sicilia normanna e Lombardi di Sicilia.

Tradizionalmente per chiamare questa isola linguistica alloglotta gallo-italica all'interno della Sicilia era in uso anche la definizione di Sicilia lombarda o Lombardia siciliana, da cui le espressioni in uso ancora oggi di "colonie lombarde di Sicilia", "comuni lombardi di Sicilia" e "dialetti lombardi di Sicilia". L'aggettivo "lombardo" è da considerarsi pura contrazione di "longobardo", termine col quale in passato ci si riferiva geograficamente a tutta l'Italia Settentrionale conquistata dai Longobardi a partire dal VI secolo d.C. (la Longobardia, detta anche Regno dei Longobardi o Regno di Lombardia), un territorio molto più vasto dell'attuale Lombardia.

La formazione di queste isole linguistiche alloglotte in Sicilia risale al periodo normanno, i cui gli Altavilla favorirono un processo di latinizzazione della Sicilia incoraggiando una politica d'immigrazione della loro gentes, francese (normanni, provenzali e bretoni[3]) e dell'Italia settentrionale (detti lombardi, ma prevalentemente piemontesi e liguri) con la concessione di terre e privilegi.

Dalla fine dell'XI secolo, la Sicilia centrale e orientale furono così ripopolate con coloni e soldati del nord Italia, provenienti da un'area comprendente tutto il Monferrato storico in Piemonte, parte dell'entroterra ligure di ponente, e piccole porzioni delle zone occidentali di Lombardia ed Emilia. Secondo molti studiosi[4], la migrazione di genti del nord Italia in queste isole linguistiche siciliane sarebbe poi continuata fino a tutto il XIII secolo.

La parlata di questi coloni provenienti dal nord Italia si è mantenuta a lungo in Sicilia, anche se le isole linguistiche createsi hanno cominciato a essere erose dall'impatto, prima, con i dialetti siciliani, e in tempi più recenti, con quello della televisione e della scuola dell'obbligo, prospettando il concreto pericolo di una scomparsa di questa antica e preziosa testimonianza storica e glottologica siciliana.

I principali centri con parlata galloitalica in Sicilia sono: Nicosia, Sperlinga, Piazza Armerina, Valguarnera Caropepe e Aidone in provincia di Enna; San Fratello, Acquedolci, San Piero Patti, Novara di Sicilia, Fondachelli-Fantina, Montalbano Elicona, Tripi in provincia di Messina.

Definizioni[modifica | modifica wikitesto]

La definizione galloitalici di Sicilia è preferibile ad altre, quali gallo-siculo o lombardo-siculo, che risultano più ambigue: il termine siculo presume un sostrato primitivo che è stato pressoché annullato dal greco e poi dal latino, il termine lombardo oggi è molto più limitato rispetto al significato originario che indicava l'antico regno longobardo.

La definizione dell'area geografica "di Sicilia" va specificata perché il galloitalico originario qui ha subito processi di confronto, cedimento, adeguamento o simbiosi con il siciliano prevalente, dando vita a dialetti che si distinguono dal resto dei siciliani per una diversa articolazione fonetica e in alcuni casi morfologica, ma che ha perso, forse molto presto, buona parte del patrimonio lessicale dell'antico galloitalico. L'articolazione fonetica, invece, è ancora oggi tanto marcata che il galloitalico che parla italiano si differenzia in modo notevole dal resto dei siciliani.

Origine e distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia nell'anno 1000, con il Regno di Lombardia (o dei Longobardi), area di provenienza delle comunità gallo-italiche di Sicilia
Mappa linguistica d'Italia, con la diffusione dei dialetti gallo-italici di Sicilia e Basilicata

La presenza di parlate settentrionali nel cuore della Sicilia si spiega con l'arrivo di coloni e soldati provenienti dal Nord Italia – soprattutto dal Piemonte (Monferrato), dalla Liguria (variante oltregiogo), e in minor parte dalla Lombardia ed Emilia - favorito dai Normanni conquistatori della Sicilia, a partire dall'XI secolo e continuata fino al XIII secolo. A questi coloni longobardi si aggiunsero soldati mercenari provenienti dalla Provenza, nel sud-est della Francia, chiamati a difesa delle fortificazioni normanne.

I centri dove il gallo-italico è parlato, o dove è possibile ancora identificarne le tracce nella fonetica e nel lessico, sono distribuite nell'entroterra delle province di Messina, Siracusa e Catania e nella provincia interna per eccellenza, Enna; tutti i centri sono posizionati in quella zona che separava gli arabi della costa orientale da quelli del centro e della costa occidentale, quasi a creare una zona cuscinetto, uno zoccolo duro da dove procedere per consolidare la recente conquista, ricristianizzare e rilatinizzare la Sicilia.

I principali centri galloitalici sono in provincia di Enna: Nicosia, Sperlinga, Piazza Armerina, Valguarnera Caropepe e Aidone, e in provincia di Messina: San Fratello, Acquedolci, San Piero Patti, Montalbano Elicona, Novara di Sicilia, Fondachelli-Fantina.

Rilevanti tracce galloitaliche si trovano anche nelle parlate di Roccella Valdemone, Santa Domenica Vittoria, Francavilla, Santa Lucia del Mela, San Marco d'Alunzio, Motta d'Affermo in provincia di Messina; Randazzo e Maletto sul versante occidentale dell'Etna; Caltagirone, Mirabella Imbaccari e, in misura minore, San Michele di Ganzaria, a sud della provincia di Catania; Ferla, Buccheri, Cassaro, in provincia di Siracusa; Valguarnera Caropepe, in provincia di Enna; Corleone, in provincia di Palermo.

Nel resto dell'Italia Meridionale colonie galloitaliche si trovano anche in Basilicata, dove il galloitalico è parlato in due distinte aree linguistiche, entrambe in provincia di Potenza: la prima comprende i comuni di Picerno, Tito, Pignola, Vaglio; la seconda nell'area che sovrasta il golfo di Policastro che comprende i centri di Trecchina, Rivello (con la frazione di San Costantino), e Nemoli.

Il bilinguismo[modifica | modifica wikitesto]

I territori dell'alloglossia gallo-italica

Grazie probabilmente alla posizione di relativo isolamento, i paesi di Nicosia e Sperlinga in provincia di Enna, insieme a San Fratello e Novara di Sicilia in provincia di Messina, sono quelli che hanno mantenuto più a lungo e in modo più fedele la parlata originaria gallo-italica[5].

Nel tempo i parlanti, consci della loro diversità rispetto al resto siciliani e della difficoltà che questi ultimi avevano nel comprenderli, hanno sviluppato una condizione di bilinguismo con la quale hanno convissuto in modo naturale per secoli. Rispetto a quest'ultima affermazione dobbiamo evidenziare il modo diverso in cui i parlanti dei vari centri si sono posti nei confronti del galloitalico.

Ad Aidone e a Piazza Armerina già alla fine dell'Ottocento se ne registrava un uso marginale, ristretto all'ambiente familiare e rurale; aidonesi e piazzesi percepivano il loro linguaggio come arcaico e incomprensibile agli estranei, quei forestieri che li definivano sprezzantemente "i francisi", ovvero "i francesi". Mentre, oggi è usato sempre più in funzione ludica e poetica[6].

La forma vernacolare, conservata nei documenti scritti (soprattutto composizioni poetiche dell'inizio del Novecento) e nell'uso attuale di pochi parlanti, aveva già subìto l'impoverimento morfologico e lessicale a favore del siciliano e mantenuto più a lungo gli esiti fonetici.

All'inizio del Novecento (1902) Antonino Ranfaldi, un intellettuale aidonese, scriveva in un sonetto: "A ddinga ch'ogn giurn us a v'rsùra,/ Nan eia com a cudda c'tatìna " (la lingua che ogni giorno uso in campagna, non è come quella cittadina), testimoniando di fatto una situazione di bilinguismo che ancora perdura: il vernacolo parlato in ambienti familiari e rurali e il "siciliano" riservato alla piazza e ai forestieri.

Diversa la situazione a Nicosia, Sperlinga, San Fratello e Novara di Sicilia dove, seppur con diverse sfumature, il galloitalico è sentito ancora oggi come elemento di identità cittadina, parlato in tutti gli strati sociali, orgogliosamente sfoggiato. Certamente su questo atteggiamento estremamente positivo ha giocato molto la relativa vicinanza tra di loro di questi centri, quasi un enclave in cui ciascuno riconosceva nel vicino un proprio simile rispetto al resto dei siciliani; è nata dunque la consapevolezza della lingua come elemento di coesione e identità, da una parte, e di distanza e diversità dall'altra, una coscienza che li ha spinti a proteggere e conservare piuttosto che ad aprirsi e a cedere. Il bilinguismo è presente anche in questi paesi, oggi più con l'italiano che con il siciliano, ma la "seconda lingua" è riservata ai forestieri, mentre tra paesani veri e propri e paesani galloitalici si predilige la "lingua madre gallo-italica".

Caratteri[modifica | modifica wikitesto]

Come da premessa, le peculiarità del galloitalico rispetto agli altri dialetti siciliani riguardano soprattutto la fonetica sia negli esiti vocalici che consonantici; gli stessi fenomeni di ipercorrettismo sono sempre fenomeni fonetici.

Vocalismo[modifica | modifica wikitesto]

Particolare elemento è la vocale centrale media, comunemente detta mutola, resa, fin dall'antichità, con un apostrofo ['], e quando era in fine di parola lasciavano lo spazio vuoto. I linguisti gli hanno preferito lo schwa [ə] o la [e]. La frequenza della mutola in fine di parola, fa sembrare le parole tronche. L'etimologia popolare da sempre ne ha attribuito l'origine al francese. Questo è ancor più vero nell'aidonese dove si può dire che non esista parola che non presenti almeno una mutola, alcune ne presentano un numero tale da esser trascritte solo le consonanti, come ż'r'mingh' [ʣərəmiŋə] (la cicatricola dell'uovo, dal lat. germinem).

Un'altra caratteristica è costituita dal troncamento dell'infinito verbale. La forma dell'infinito dei verbi è sempre e comunque tronca, si va dalle varianti dell'aidonese che ha mangè / mangèr' e poi part'r [pártərə] e vinn'r [vinnərə], al piazzese mangè e part'r e al nicosiano e sperlinghese: ddurdiè [ɖɖurdiè], iarmè, r'spondö , (sporcare, apparecchiare, rispondere, fare).

Consonantismo[modifica | modifica wikitesto]

Esaminiamo ora alcuni esiti particolari nel consonantismo:

  • tipica è la <c> o <cc> [ʧ - ʧː] palatale (suono di cibo, ceci) derivata dal latino < pl /cl >, che in siciliano ha normalmente <chj> e in italiano < pi e chj > mentre nel genovese viene resa allo stesso modo in c;

es: ciov'r, ccioviri, cciou, contro il siciliano chiòviri, il genovese ciöve e l'italiano piovere; ciò, cciov' , contro il siciliano chiovu, il genovese ciöu e l'italiano chiodo.

  • la < ż e żż > [ʣ - ʣː] (suono sonoro di zero) che deriva dalla < g+ vocale palatale>, sia in posizione iniziale che intervocalica:

es. żenn'r', żimm' , friżż'r: genero, gobba, friggere a fronte del siciliano: jènniru, jimmu, frìjiri.

  • la < zz- > [ʦ - tʦː] (suono sordo di piazza, zio) che deriva da < c + vocale palatale>

es. zzinn'ra, zzipp' : cenere, ceppo, contro il siciliano cìnnira e cippu

  • la < sg > [ʒ] (suono che richiama più o meno quello della lettera j francese in jeton e della lettera x genovese in cruxe) da < -c- > intervocalica seguita da vocale palatale < e ed i >

es. aidonese: d‘isgìa, crusg', stasgìa, brusgè: diceva, croce, stava, bruciava; in siciliano: diciva, cruci, staciva, abbruciava; in genovese dixeiva, cruxe, bruxiava.

  • la < ngh >,[ŋ - ŋː] cioè la velarizzazione della nasale in finale di parola singolare che termini con <-uno, -ino, ono, one, ano...>, come nella lettera nel genovese; il fenomeno è appena percepibile nei dialetti di Nicosia e Sperlinga, presente nella forma più arcaica nel piazzese, presente in modo notevole nell'aidonese arcaico;

es: aidonese: ungh (uno), ż'r'mingh (cicatricola dell'uovo/germinem), mangiungh (mangione), pangh (pane), vingh (vino), purtungh (portone); in genovese un¬, pan¬, vin¬.

L'abbandono di questi esiti, sentiti come lontani dal siciliano, in un certo senso rustici e pesanti, è la caratteristica che fa la differenza tra le parlate arcaiche e quelle sicilianizzate.

Ipercorrettismo[modifica | modifica wikitesto]

Il perenne sentimento di amore-odio dei galloitalici nei confronti dei siciliani e la contiguità obbligata sono certamente all'origine di un interessante fenomeno che ha coinvolto tutti i dialetti galloitalici: l'ipercorrettismo.[7] Il fenomeno si manifesta in due maniere opposte: come esagerato adeguamento alla lingua dominante, ipersicilianismo.[8] o come difesa a oltranza della propria lingua e identità, ipergallicismo.

  • Ipersicilianismo, cioè come esagerato cedimento alla varietà egemone:
    • la <-ll-> intervocalica diventa come nel siciliano la cacuminale <-dd-> [ɖ - ɖː](bedd' > beddu), ma il processo di adeguamento va oltre cacuminalizzando tutte le < l >, anche in posizione iniziale, siano esse scempie o doppie: in aidonese: dditt' [ɖɖittə] (letto), ddusgèrdula [ɖɖuʒèrdula] (lucertola), tutti esiti sconosciuti al siciliano.
  • Ipergallicismo, cioè come esagerata accentuazione dei tratti propri:
    • nei dialetti di Nicosia e Sperlinga i nessi <-mb-> ed <-nd->, non solo vengono mantenuti nelle posizioni del latino-romanzo (laddove il siciliano, ma anche l'aidonese ed il piazzese hanno <-mm-> ed <-nn->), ma, tutte le doppie <-mm-> ed <-nn->, anche di origine diversa, diventano <-mb-> ed <-nd->. Così abbiamo non solo sambucu , andandu, r'spondö (sambuco, andando, rispondere), ma anche stombicu e cambarera (stomaco e cameriera).
    • allo stesso modo nel dialetto di San Fratello la < a > per palatalizzazione diventa <e> in tutte le posizioni toniche e non soltanto, come ci si aspetterebbe, in prossimità di una consonante nasale.

Testi nei dialetti galloitalici[modifica | modifica wikitesto]

Traduzione della favola Il lupo e l'agnello di Fedro

Per avere un'idea di questi dialetti ed anche delle differenze che presentano fra loro, si propone la lettura della notissima favola di Fedro "Il lupo e l'agnello", tradotta nei dialetti galloitalici principali.

La grafia usata non è quella della scrittura fonetica, ma quella comune dell'italiano adattata con le seguenti aggiunte:

  • l'apostrofo ['] per la vocale centrale intermedia, la mutola;
  • le vocali [ö] ed [ë] per rendere le corrispondenti vocali chiuse che tendono molto verso [u] ed [i]
  • [ngh] per rendere la nasale velare in finale di parola
  • [dd][ɖ] per rendere la dentale retroflessa, propria del siciliano
  • il trattino [-] sostituisce l'apostrofo per non creare confusione con la mutola
  • [sg(i)] [ʒ], per rendere la fricativa postalveolare sonora

Testo di partenza in italiano[modifica | modifica wikitesto]

"Un lupo ed un agnello, spinti dalla sete, erano giunti allo stesso ruscello. Più in alto si fermò il lupo, molto più in basso si mise l'agnello. Allora quel furfante, spinto dalla sua sfrenata golosità, cercò un pretesto di litigio. - “Perché - disse - intorbidi l'acqua che sto bevendo?”
Pieno di timore, l'agnello rispose:
- Scusa, come posso fare ciò che tu mi rimproveri? Io bevo l'acqua che passa prima da te.”
E quello, sconfitto dall'evidenza del fatto, disse:
- Sei mesi fa hai parlato male di me.
E l'agnello ribatté:
- Ma se ancora non ero nato!
- Per Ercole, fu tuo padre, a parlar male di me - disse il lupo.
E subito gli saltò addosso e lo sbranò fino ad ucciderlo ingiustamente.
Questa favola è scritta per quegli uomini che opprimono gli innocenti con falsi pretesti.

Piazza Armerina[modifica | modifica wikitesto]

'N lupu e 'n agnèu, morti d' sè, s' giungìnu a bèv ö stiss sciùm.
N-ön capp' gghj-'era u lupu, ciù sötta gghj-era l'agnèu.
Allöra dd' f'tös du lupu, ch-avèa a panza vacanta,
cum'nzà a 'nguiatèlu p' sciarrèr's cu jèu
-Oh d'sgrazià, t' ddèvi d' döcch ch' m' stè ddurdiànn tutta l-egua?
E l-aggnèu:
- Nan t' 'ns'ddiè, l-egua passa prima d' n' tì, tu ma ste ddurdiànn a mì!
U lupu, truvànn's no tört, ggh' diss:
- Oia s'ntùt ch' tu, sèi mesgi com a öra, sparràvi d' mì cu l-amisgi.
E jèu: - Ma chi stè 'ncucchiànn'?
Jè, sei mesgi fà, manch avea nasciùit!
- Butàna di guai! Allöra fu dd' bècch d' to pà a sparrèr d' mi.
E senza savèr nè ddèzz e nè scriv, cu 'na granfaggnàda su spurpà d' bedda e bedda.
Sti paröddi l-ana sènt ddi gent' ch' cunnà'nn'nu i 'nucènti 'ngiustamènt.

[9]

Aidone[modifica | modifica wikitesto]

Un lup′, mort′ d′se′ e sicch′ d′ sìa,
s' truvau a b′v′rér′s ô sciùm′.
Z′rànn′ l-ugg′, vìtt′ ca nô basc′
gghj-era un gn′ddìt′ tèn′r′ e sav′rùs′.
Gghj′ fis′ p′tìt′, ma, p′ mìnt′s a post′ a cuscìnza,
z′rcàva na calùnnia p′ sciarr′iér′s.
Accuscì s′ mis′ a vusgiè.
- P′rchì m′ stai ddurdiànn′ l-eua mintr′ ìja stau b′vìnn′?
U gnedd′ scantait′, s′ r′cugghì nê robb′ e ggh′ r′spunnì:
- Tu m-aia p′rduné , ma com′ pozz′ ddurdièr′
l-eua a tìia ch′ sii′ ciù nô iaut'?
U lùp′, pùr′ r′canuscìnn′ ch-avìva tort′,
z′rcàu n-autra calùnnia e gghj′ dìss′:
- Sii misg′ com′ a ura tu m′ murmuliàv′t′!
U gn′ddìtt′ mort′ nâ pedd′ r′spunnì:
- Voss′gn′rìa iav′ tort′,
ija atànn′ manch′ ava nasciùit′!
- Buttana dû nfern′ ! Allura fu ta patr′ ch′ sparrau d′ mija!
E d′sginn′ accuscì, n-on ditt′ e un fait′,
u granfà e sû spurpà, pur′ savinn′ ch′ nan aviva curpa.
St′ parodd′ s′ l-àn-a sìnt′r cudd′
ch′ cunnàn′n′ i nuccìnt′, cusànn′l′ ngiustamint′.

[10]

Nicosia[modifica | modifica wikitesto]

Un lupö e n-gneu mort' d' së, avìenu r'vat' nö stissu sciumö:
chiù suva s' f'rmà u lupö , chjù sötta s' m'ttött' u gneu.
Allura ddu mascarà, ch'avia simpö famö , z'rcà na scusa p' sciarrièr's.
- P'rchì ddurdìj' l-egua ch' stagö b'vëndö?
U gneu s' cagà d' ncou du scant' e ghj' r'spundëttö:
- M' dai scusè, ma comö pozzö fë chêu tu m' sti d'sgiendo.
Iu bevo dd-egua ch' passa prima dö nda tu!
E cheö v'dëndö ch-avia torto ghj' r'spundëttö:
- Sej mis' com-ora sparrast' d' më.
Un gneu p' d'fend's ghi' dëssö.
- Ma sa iö n-avia mancu nasciò!
- Porch' d' zzà e dd' ddà; fö to paddö ch' m' mörmöriava.
E mentö d'sgia s' parodd' ghi' sautà d' ncoö e su mangià a muzz'cö.
Su cuntö è scritto p' chei
ch' vonö avera sempo rasgiöni
e ch' sâ pigghjönö co chëo ch' sö chjö deböl'.

[11]

Sperlinga[modifica | modifica wikitesto]

N-lupö e n-gneö, pa fortë së, s' trövanö no stissö vaddön;
ö lupö stasgìa na partë d' d' söva, ö gneö na partë d' d' söta.
Quandö dd' lupö s' v'ntià dd' pov'rö gneö,
z'rcà na scusa p' iarmè na sciarra.
- P'rchè, - ghj' dissö - m' nddurdì l-egua mëntr' ca stagö b'vendö?
Dd' gn'ddotö, tuttö scantà, gh' r'spöndëtö:
- Ma comö t' pozzö n-ddurdìè l'egua se sögnö d' d' söta?
Ö lupö, n'n savendö r'spöndö, n-v'ntà naöta scusa p' sciarriessë e ghj' dissö:
- Sieë mësgë ndarrìa, tu sparrastë da mi.
E dd' m'schin d' gneu r'spöndët':
- Ma ia, sieë mësgë ndarrìa, navìa manco nasciuitö!
- Allora - r'plicà ö lupö - dö to pà ca antandö sparrà d' mi.
Mancö ghiò f'nëtö d' dì cö na granfada ö chiappà e sö mangìà.
St' cuntö fö n-v'ntà p' dd' ch'stiàë ca cö scusë faëzë,
ngannë e mbruoggujë s-approffìt'nö de nöcenteë.

[12]

San Fratello[modifica | modifica wikitesto]

N dauv e ng-agnieu, punturiei d' la sai, avaiu arr'vea ô stiss vadan.
Chjù n saura s-aff'rmea u dauv,
mantr ch' d-agnieu s' mies assei cchjù n giusa.
Agliàuri cau furfänt, murdù dû sa grean ptit,
zz'rchiea na scusa p-acc'm'nterlu.
P'rcò — ghj' diess — m' ntuòrbuli d-eua ch' m' stäch buvann?
Tutt scantea, d-agnieu ghj'arpunò:
- Scusa, cam pazz fer s-azzant ch' m' rr'mpruovi?
Iea bav d-eua ch' pässa prima ana sai tu.
E cau, scunfitt p' la munzagna, diess:
Siei masg fea tu pardest meu di iea.
E d-agnieu ghj-arbattò:
Ma se ancara iea n-avaia meanch anasciù!
Parch d' Giura, agliauri fu ta pätri a sparderm'.
E subt ghj' satea d'ncadd e s-u sbranea.
Sa faräbula è scritta p' quoi ch' suotamottu i nnuciant cun scusi feuzzi.

[13][14]

Tutela legislativa della minoranza linguistica[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante gli studiosi contemporanei considerino questa comunità linguistica una “minoranza linguistica storica”[15][16][17] i gallo-italici della Sicilia, così come i gallo-italici della Basilicata e il Tabarchino parlato in Sardegna, non godono ancora di tutela da parte dello Stato Italiano.[18][19] A partire dalla XIV legislatura,[20] è stata presentata alla Camera dei Deputati una proposta di legge che preveda una "modifica dell'articolo 2 della legge 15 dicembre 1999, n. 4822" affinché vengano incluse anche queste minoranze linguistiche nella legge di tutela.[21] Tuttavia cinque comuni della minoranza gallo-italica siciliana (Nicosia, Sperlinga, Aidone, Piazza Armerina, San Fratello, Novara di Sicilia) rientrano nel Registro delle Eredità Immateriali istituito dalla Regione Siciliana.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Fiorenzo Toso, Lingue d'Europa: la pluralità linguistica dei paesi europei fra passato e presente, Baldini Castoldi Dalai, Milano 2006, p. 158.
  2. ^ I gallo-italici sono anche detti "dialetti altoitaliani della Sicilia", si veda per la definizione: Fiorenzo Toso, Le minoranze linguistiche in Italia, Il Mulino, Bologna 2008, p. 137.
  3. ^ Francesco Barone, Islām in Sicilia nel XII e XIII secolo: ortoprassi, scienze religiose e tasawwuf, in L'Islam in Europa tra passato e futuro, a cura di Saverio Di Bella, D. Tomasello, Pellegrini Editore, Cosenza 2003, p. 104.
  4. ^ Secondo le ipotesi più accreditate questo insediamento si fa risalire a un arco di tempo compreso tra l'XI secolo e il XIII secolo. Cfr. Fiorenzo Toso, Le minoranze linguistiche in Italia, Il Mulino, Bologna 2008, p. 137
  5. ^ Salvatore Trovato, La Sicilia, in I dialetti italiani, UTET, p. 882. Torino 2002.
  6. ^ S. Trovato, Ivi.
  7. ^ Salvatore Carmelo Trovato (a cura di), Convegno di studi su Dialetti galloitalici dal Nord al Sud: realtà e prospettive, Piazza Armerina, 7-9 aprile 1994, Volume 2 di Progetto Galloitalici: Saggi e materiali, Il Lunario, Enna 1999, p. 257.
  8. ^ Vincenzo Orioles, Percorsi di parole, Il Calamo, Roma 2002, p. 211.
  9. ^ Per gentile concessione del Dottor Sebi Arena
  10. ^ Per gentile concessione della prof.ssa Francesca Ciantia
  11. ^ Per gentile concessione del prof. Mimmo Bonfiglio. Tuttavia nella parlata corrente talune vocali aperte diventano chiuse e viceversa, così che oggi è più d'uso, per esempio, l'espressione "sova" che non "suva", e "sempo" piuttosto che "simpo".
  12. ^ Per gentile concessione del dott. Salvatore Lo Pinzino
  13. ^ Per gentile concessione del dr. Benedetto Di Pietro
  14. ^ Nella pronuncia il sanfratellano ha dei suoni che non trovano corrispondenza negli altri paesi galloitalici di Sicilia. Ma un suono in particolare si dovrebbe tener tener presente e merita di essere descritto: si tratta del suono /ä/ <ä> Palatalizzata (ingl.: that, bad) che porta sempre l'accento tonico, anche se non espresso (pätri ‘padre', quänn ‘quando')
  15. ^ Salvatore Claudio Sgroi, I gallo-italici minoranze linguistiche? Identità e impenetrabilità delle varietà gallo-italiche in Sicilia, in Progetto Gallo-italici. Saggi e Materiali 1, a cura di Salvatore Carmelo Trovato, Dipartimento di Scienze linguistiche, filologiche, letterarie medievali e moderne, Catania 1989, pp. 25-71.
  16. ^ Mario Giacomarra, Comunità galloitaliche di Sicilia. Dinamiche territoriali e dimensioni socioculturali, in Vincenzo Orioles, Fiorenzo Toso, Le eteroglossie interne. Aspetti e problemi. Numero tematico di “Studi Italiani di Linguistica Teorica e Applicata”, n.s., 34/3, 2005, pp. 463–480
  17. ^ Salvatore Carmelo Trovato, Le parlate galloitaliche della Sicilia. Testimonianze e documenti della loro diversità, in Vincenzo Orioles, Fiorenzo Toso, Op. Cit., pp. 553–571
  18. ^ «La popolazione dei centri di dialetto gallo-italico della Sicilia si calcola in circa 60.000 abitanti, ma non esistono statistiche sulla vitalità delle singole parlate rispetto al contesto generale dei dialetti siciliani. Per quanto riguarda le iniziative istituzionali di tutela, malgrado le ricorrenti iniziative di amministratori e rappresentanti locali, né la legislazione isolana né quella nazionale (legge 482/1999) hanno mai preso in considerazione forme concrete di valorizzazione della specificità delle parlate altoitaliane della Sicilia, che pure rientrano a pieno titolo, come il tabarchino della Sardegna, nella categoria delle isole linguistiche e delle alloglossie». Fiorenzo Toso, Gallo-italica, comunità, Enciclopedia dell'Italiano (2010), Treccani
  19. ^ [1] « Nel caso del tabarchino le contraddizioni e i paradossi della 482 appaiono con tutta evidenza se si considera che questa varietà, che la legislazione nazionale ignora completamente, è correttamente riconosciuta come lingua minoritaria in base alla legislazione regionale sarda (L.R. 26/1997), fatto che costituisce di per sé non soltanto un assurdo giuridico, ma anche una grave discriminazione nei confronti dei due comuni che, unici in tutta la Sardegna, non sono in linea di principio ammessi a fruire dei benefici della 482 poiché vi si parla, a differenza di quelli sardofoni e di quello catalanofono, una lingua esclusa dall’elencazione presente nell’art. 2 della legge», Fiorenzo Toso, Alcuni episodi di applicazione delle norme di tutela delle minoranze linguistiche in Italia, 2008, p. 77.
  20. ^ N° 4032, 3 giugno 2003.
  21. ^ N° 5077, 22 marzo 2012. Modifica dell'articolo 2 della legge 15 dicembre 1999, n. 482, in materia di tutela delle lingue delle comunità tabarchine in Sardegna e galloitaliche in Basilicata e Sicilia.
  22. ^ Libro delle Espressioni, Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia, Parlata Alloglotta Gallo Italico

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bibliografia sui dialetti gallo-italici#Sicilia.

Generale[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., A.L.I. - Atlante Linguistico Italiano, 1962
  • Giovanni Tropea, C.D.I. – Carta dei Dialetti Italiani, Aidone
  • Alfonso Leone, Di alcune caratteristiche dell'italiano di Sicilia, in Lingua Nostra, XX, 1959
  • Alfonso Leone, L'italiano regionale in Sicilia. Bologna, Il Mulino, 1982,
  • Manlio Cortelazzo, Avviamento critico allo studio della dialettologia Pisa 1969
  • Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo alla festa del V centenario di Messer Bocacci, Livorno, 1875
  • Giovan Battista Pellegrini, Tra lingua e dialetto in Italia, in Studi mediolatini e volgari, 1960
  • Giorgio Piccito, Il siciliano dialetto italiano. in Orbis, 1959
  • Fiorenzo Toso, Le minoranze linguistiche in Italia, Il Mulino, Bologna 2008
  • Giorgio Piccito, La classificazione delle parlate siciliane a la metafonesi in Sicilia. in Archivio Storico per la Sicilia Orientale, 1950
  • Salvatore Carmelo Trovato (a cura di), Progetto Gallo-italici, Dipartimento di Scienze linguistiche, filologiche, letterarie medievali e moderne, Catania 1989,
  • Salvatore Carmelo Trovato, Storia linguistica e linguistica storica della Sicilia, 2004
  • Giovanni Tropea, "Italiano di Sicilia", L'Orizzonte, 4, Palermo, Aragne, 1976.
  • Luigi Vasi, 'Studi Storici e filologici. Palermo, 1889
  • Antonino Bonomo / Simone Guglielmo Rassegne di poesia e prosa in dialetto Galloitalico
  • Gaetano Mililli, Poesie e proverbi nella parlata galloitalica di Aidone con brevi e parziali nozioni di grammatica e note esplicative, Bonfirraro Editore

Grammatiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerhard Rohlfs, Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti – Fonetica. Torino, 1966
  • Salvatore C. Trovato, Proposte per un'ortografia dei dialetti galloitalici della Sicilia. Atti Convegno di studi su “Dialetti galloitalici dal Nord al Sud. Realtà e prospettive” Piazza Armerina, 1994
  • Giulia Petracco Sicardi, Gli elementi fonetici e morfologici “settentrionali” nelle parlate gallo-italiche del Mezzogiorno, in Bollettino dell'Atlante Linguistico Siciliano X
  • Giorgio Piccito, Appunti di fonetica generale e trascrizione. Catania, 1955
  • Giorgio Piccito, Elementi di ortografia siciliana, Catania 1947
  • Salvatore Carmelo Trovato, «Considerazione sul lessico dei dialetti galloitalici della Sicilia», in Etimologia e lessico dialettale. Atti del XII Convegno Per gli studi Dialettali Italiani. Macerata, 1979

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica