Devario devario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Devario devario
Immagine di Devario devario mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Cypriniformes
Famiglia Cyprinidae
Sottofamiglia Danioninae
Genere Devario
Specie D. devario
Nomenclatura binomiale
''Devario devario''
Hamilton, 1822
Sinonimi

Danio devario

Nomi comuni

Danio del Bengala

Devario devario, conosciuto comunemente come danio del Bengala è un piccolo pesce d'acqua dolce, appartenente alla famiglia Cyprinidae. Un tempo era classificato nel genere Danio con il nome di Danio devario, ora non più valido.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Diffuso in Pakistan e nord dell'India.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lunghezza: 15 cm.

Molto simile a Devario malabaricus e Devario aequipinnatus. Presenta forma tozza con colore base azzurro metallizzato e striature irregolari gialle che percorrono tutto il corpo, risulta essere molto gradevole per l'uniformità dei colori. Pinne trasparenti.

Dimorfismo sessuale: le femmine sono leggermente meno colorate.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Pacifico, vive in branchi di non meno di una quindicina di esemplari.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le femmine depongono le uova sulle foglie in più riprese, ad ogni accoppiamento la femmina depone 8-10 uova. Alla fine le uova deposte possono arrivare a 300. I genitori si allontanano e le uova si schiuderanno nel giro di 36 ore. Gli avannotti si nutrono di piccole esche vive.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Onnivoro.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Viene allevato e riprodotto con successo in cattività, ma è assai raro in commercio.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Nessuna informazione disponibile, anche se la distruzione degli habitat così ampia di popolazioni poco in contatto possono esporsi ad un calo significativo della sua popolazione.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Danio e Devario da Il mio acquario, mensile, febbraio 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci