Derek Bell (pilota automobilistico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Derek Bell (pilota))
Derek Bell
Derek Bell (2356476570).jpg
Dati biografici
Nome Derek Reginald Bell
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria 24 Ore di Le Mans
Campionato Mondiale Sportprototipi
Formula 1
Carriera
Carriera nella 24 Ore di Le Mans
Stagioni 1970-1983, 1985-1996
Scuderie Ferrari
J.W. Automotive Engineering Ltd.
Ecurie Francorchamps
Gulf Research Racing
Grand Touring Cars Inc.
Equipe Renault Elf
Porsche
Richard Lloyd Racing
Joest Porsche Racing
ADA Engineering
Courage Compétition
Harrods Mach One Racing
GP disputati 26
GP vinti 5
Podi 9
Pole position 5
Carriera in Campionato del mondo sportprototipi
Esordio 17 maggio 1970
Stagioni 1981-1990 (titolo piloti)
Scuderie J.W. Automotive Engineering Ltd.
Autodelta
Porsche
Richard Lloyd Racing
Mondiali vinti 2
GP disputati 73
GP vinti 17
Podi 39
Carriera in Formula 1
Stagioni 1968-1972, 1974
Scuderie Ferrari, McLaren, Brabham, Surtees, Tecno
Miglior risultato finale 24° (1970)
GP disputati 16 (9 partenze)
GP vinti 0
Podi 0
Pole position 0
Giri veloci 0
 

Derek Reginald Bell (Pinner, 31 ottobre 1941) è un ex pilota automobilistico britannico. Nominato MBE nel 1986 per meriti sportivi, attualmente è commentatore dei Gran Premi di Formula 1 per la televisione americana ESPN[1].

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

1969: Derek Bell sulla Ferrari Dino 166 F2.
1970: Derek Bell sulla Brabham in Formula 2

Debuttò nel 1964 con una Lotus Seven, per poi passare alla Formula 3 l'anno successivo, cogliendo la prima vittoria nel 1966 a Goodwood e ottenendone altre 7 nel 1967. Sale in Formula 2 nel 1968, dove si fa notare dalla Scuderia Ferrari[1], che gli affida la Dino 166 affiancandolo a Ernesto Brambilla, Andrea de Adamich e Jacky Ickx (che però, per regolamento, non prende puti validi per il titolo europeo piloti)[2].
Nel 1969 la Ferrari si defila dal campionato durante l'anno e Bell conclude la stagione con la Brabham BT30 - Cosworth FVA della Frank Williams Racing Cars, concludendo al quinto posto[3]. Con una vettura uguale gestita dal Wheatcroft Racing, dopo una combattutissima stagione risoltasi solo alla penultima gara, è vicecampione europeo di Formula 2 nel 1970[4], alle spalle di Clay Regazzoni, raggiungendo poi la massima categoria delle monoposto.

Ma più che per la sua attività di pilota da Formula 1, limitata alla partecipazione a 9 Gran Premi senza risultati di rilievo, Bell è noto agli appassionati per la sua abilità di guida delle vetture a ruote coperte, categoria in cui si cimenta a partire dal 1970, ma che lo assorbe completamente a partire dal 1971[5].

Le vetture Sport prototipo[modifica | modifica sorgente]

Derek Bell (1970)
La Porsche 956 con cui Bell e Ickx vinsero a Le Mans nel 1983

Ha partecipato a molte edizioni del Campionato Mondiale Sportprototipi, fin da quando esso non assegnava ancora il titolo piloti (ma solo quello costruttori), debuttando alla 1000 km di Spa del 1970[6], ma fece di questa categoria il suo impegno principale a partire dall'anno successivo, quando fu ingaggiato da John Wyer per pilotare le Porsche 917 della sua scuderia[6] dalla caratteristica livrea azzurro-arancio della Gulf Oil Corporation.

Con la squadra inglese, nel frattempo riorganizzatasi come Gulf Research Racing Company Ltd., Bell fu uno degli artefici della prima vittoria di una vettura motorizzata Ford Cosworth DFV alla 24 Ore di Le Mans, avvenuta nel 1975 dopo tre anni di sforzi e che gli addetti ai lavori ritenevano improbabile[7].

Bell ha guidato spesso vetture gestite da squadre ufficiali, facendo frequentemente coppia con un altro pilota velocissimo e tra i migliori interpreti delle gare di durata: il belga Jacky Ickx; l'aver avuto a disposizione le migliori risorse gli ha permesso di conquistare il titolo piloti nel 1985 e nel 1986 e ottenendo in particolar modo 5 vittorie alla 24 Ore di Le Mans, di cui quattro a bordo di vetture Porsche (936, 956 e 962). La sua lunga permanenza nel team Porsche che lo ha visto sempre sul podio a Le Mans dal 1981 al 1988, tranne nel 1984, quando la Casa di Stoccarda non partecipò alla gara per protesta contro la Federazione Internazionale dello Sport Automobilistico, che aveva annunciato un repentino cambio regolamentare che ne avrebbe ridotto il margine sulla concorrenza[8].

Negli anni ottanta ha parallelamente partecipato anche al Campionato IMSA negli Stati Uniti principalmente con le scuderie Bob Akin Motor Racing, Al Holbert Racing e MOMO, diventando vicecampione nel 1985[9], giungendo 3o nel 1984[10] e nel 1986[11] e dove, pilotando una Porsche 962, ha vinto 3 volte la 24 Ore di Daytona (1986, 1987 e 1989)[12].

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Ha terminato la sua carriera di pilota all'età di 52 anni disputando negli Stati Uniti il suo ultimo campionato IMSA nel 1993 con il Team MOMO di Giampiero Moretti e la sua Nissan NPT 90, con cui arrivò 2o a Sebring e colse il 4o posto finale[13]. Bell preferiva correre nelle gare di quel campionato perché ne apprezzava il regolamento, che non imponeva limiti al consumo che forzassero il pilota a limitare il suo agonismo[14].

Dopo aver disputato quest'ultima stagione completa si è dedicato solo alle grandi gare di durata a Le Mans, Daytona e Sebring, gareggiando spesso con team privati e cogliendo come miglior risultato ancora il secondo posto a Sebring nel 1994 con la Spice SE89P e nel 1995 con la Spice SE90, la vittoria di classe con la Porsche 911 GT2 Evo sempre a Sebring nel 1996 e il terzo posto a Le Mans nel 1995 con la McLaren F1 GTR, in questa occasione condividendo la vettura con il figlio Justin e il connazionale Andy Wallace[6], anch'egli specialista nelle gare di durata.

Risultati alla 24 Ore di Le Mans[modifica | modifica sorgente]

Anno Squadra Vettura Copiloti Risultato Note
1970 Italia Scuderia Ferrari Ferrari 512 S Svezia Ronnie Peterson Ritirato valvola rotta
1971 Regno Unito J.W. Automotive Engineering Ltd. Porsche 917 LH Svizzera Jo Siffert Ritirato Albero a gomiti
1972 Belgio Ecurie Francorchamps Ferrari 365 GTB/4 Belgio Teddy Pilette
Regno Unito Richard Bond
Ritirato Albero a gomiti
1973 Regno Unito Gulf Research Racing Company Ltd. Mirage M6 Nuova Zelanda Howden Ganley Ritirato Perdita d'olio
1974 Regno Unito Gulf Research Racing Company Ltd. Mirage GR7 Regno Unito Mike Hailwood
1975 Regno Unito Gulf Research Racing Company Ltd. Gulf GR8 Belgio Jacky Ickx pole position
1976 Stati Uniti Grand Touring Cars Inc. Mirage GR8 Australia Vern Schuppan
1977 Francia Equipe Renault ELF Renault Alpine A442 Francia Jean-Pierre Jabouille Ritirato Motore rotto
1978 Francia Equipe Renault ELF Renault Alpine A442 Francia Jean-Pierre Jarier Ritirato Differenziale rotto
1979 Stati Uniti Grand Touring Cars Ltd.
Ford Concessionnaires France
Mirage M10 Regno Unito David Hobbs
Australia Vern Schuppan
Ritirato Motore, frizione e cambio rotti
1980 Germania Porsche System Porsche 924 Carrera GT Regno Unito Brian Redman
Stati Uniti Al Holbert
13°
1981 Germania Porsche System Porsche 936/81 Belgio Jacky Ickx pole position
1982 Germania Porsche System Porsche 956 Belgio Jacky Ickx pole position
1983 Germania Rothmans Porsche Porsche 956 Belgio Jacky Ickx pole position
1984 La Porsche non partecipa alla gara per protesta contro la Federazione Internazionale dello Sport Automobilistico[8]
1985 Germania Rothmans Porsche Porsche 962 C Germania Hans-Joachim Stuck pole position
1986 Germania Rothmans Porsche Porsche 962 C Germania Hans-Joachim Stuck
Stati Uniti Al Holbert
1987 Germania Rothmans Porsche Porsche 962 C Germania Hans-Joachim Stuck
Stati Uniti Al Holbert
1988 Germania Rothmans Porsche Porsche 962 C Germania Hans-Joachim Stuck
Germania Klaus Ludwig
1989 Regno Unito Richard Lloyd Racing Porsche 962 C Regno Unito James Weaver
Regno Unito Tiff Needell
ritirato incendio
1990 Germania Joest Porsche Racing Porsche 962 C Germania Frank Jelinski
Germania Hans-Joachim Stuck
1991 Germania Konrad Motorsport Porsche 962 C Germania Frank Jelinski
Germania Hans-Joachim Stuck
1992 Regno Unito ADA Engineering Porsche 962 C Regno Unito Justin Bell
Regno Unito Tiff Needell
12°
1993 Francia Courage Compétition Courage C30LM-Porsche Francia Lionel Robert
Francia Pascal Fabre
10°
1994 Regno Unito Gulf Oil Racing Kremer K8 Germania Jürgen Lässig
Regno Unito Robin Donovan
1995 Regno Unito Harrods Mach One Racing McLaren F1 GTR Regno Unito Andy Wallace
Regno Unito Justin Bell
1996 Regno Unito Harrods Mach One Racing McLaren F1 GTR Regno Unito Andy Wallace
Francia Olivier Grouillard
1997 Iscritto dalla Newcastle United Lister Storm per la sua Lister Storm GTL, non guida la vettura nemmeno nelle prove[6].
1998 Iscritto dalla Pilot Racing per la sua Ferrari 333SP insieme al francese Michel Ferté, la squadra non partecipa[6].

Risultati in F1[modifica | modifica sorgente]

1968 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
Ferrari 312 F1 Rit Rit 0
1969 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
McLaren M9A Rit 0
1970 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
Brabham
Surtees[15]
BT26A
TS7
Rit 6 1 25º
1971 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Surtees TS9 Rit 0
1972 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Tecno PA123 Rit NQ Rit 0
1974 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Surtees TS16 NQ 11 NQ NQ NQ 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) 8W - Who? - Derek Bell
  2. ^ (EN) Formula 2 1968 - Championship Tables
  3. ^ Formula 2 1969 - Table
  4. ^ (EN) Derek Bell Profile - Drivers - GP Encyclopedia - F1 History on Grandprix.com
  5. ^ (EN) All Results of Derek Bell, www.racingsportscars.com. URL consultato il 4 giugno 2010.
  6. ^ a b c d e (EN) Complete Archive of Derek Bell, www.racingsportscars.com. URL consultato il 4 giugno 2010.
  7. ^ Mario Donnini, Cuore da corsa: La Gulf - Mirage GR8 e Derek Bell in Autosprint, 6/2013, San Lazzaro di Savena (Bologna), Conti Editore S.p.A., febbraio 2013, pp. inserto speciale.
  8. ^ a b (FR) 1984, Porsche renonce, www.les24heures.fr. URL consultato il 4 giugno 2010.
  9. ^ http://wspr-racing.com/wspr/results/imsa/tableimsa.html#1985GTP
  10. ^ http://wspr-racing.com/wspr/results/imsa/tableimsa.html#1984GTP
  11. ^ http://wspr-racing.com/wspr/results/imsa/tableimsa.html#1986GTP
  12. ^ HickokSports.com - History - 24 Hours of Daytona
  13. ^ http://wspr-racing.com/wspr/results/imsa/tableimsa.html#1993GTP
  14. ^ Derek Bell
  15. ^ Con la Surtees nel GP degli Stati Uniti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56900603 LCCN: n88113779