Dennis the Menace (fumetto statunitense)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dennis the Menace
fumetto
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autori
Editore Post-Hall Syndicate
1ª edizione 12 marzo 1951
Genere striscia umoristica

Dennis the Menace è una striscia a fumetti statunitense creata da Hank Ketcham. Debuttò il 12 marzo 1951 su 16 quotidiani[1] e venne distribuita in origine da Post-Hall Syndicate[2] Dopo la morte di Ketcham, oggi è realizzata dai suoi assistenti Marcus Hamilton e Ron Ferdinand, e viene pubblicata in almeno un migliaio di giornali in 48 paesi e 19 lingue dalla King Features Syndicate.[3]

La striscia ha riscosso così tanto successo che è stata adattata in numerosi altri media, tra cui serie televisive, film e persino un campo da giochi.

In italiano è stato pubblicato su diverse riviste (es. Corriere dei Piccoli, Eureka, Topolino) e tradotto in diversi modi: Dennis, Dennis (o Denni) la pulce, L'atomico Dennis, Totò Tritolo, Totò combinaguai, Gianni la Peste, Gian Tempesta.[4][5]

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Film[modifica | modifica sorgente]

Serie televisive[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale di Dennis, Dennisthemenace.com. URL consultato il 30 aprile 2010.
  2. ^ Don Markstein's Toonopedia: Dennis the Menace, Toonopedia.com. URL consultato il 30 aprile 2010.
  3. ^ Lawrence Van Gelder, Hank Ketcham, Father of Dennis the Menace, Dies at 81, The New York Times, 2 giugno 2001. URL consultato il 24 novembre 2007.
  4. ^ Dennis the Menace sulla Fondazione Franco Fossati
  5. ^ Oscar Cosulich, Macche' bambino terribile, la sua era vera rivoluzione, 23 giugno 1993, la Repubblica

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti