Dennis Burkitt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Denis Parsons Burkitt (Enniskillen, 28 febbraio 1911Gloucester, 23 marzo 1993) è stato un patologo e chirurgo nordirlandese.

Figlio di James Parsons Burkitt, decise inizialmente di seguire le orme del padre e di diventare ingegnere. Grazie all'influenza di uno zio, medico missionario in Kenya, si avviò invece allo studio della medicina[1].

Il suo nome è legato alla scoperta e alla definizione di una malattia nel 1957, in suo onore chiamata linfoma di Burkitt, mentre lavorava in Africa, dove si era trasferito nel 1946[1]. Definì anche una correlazione tra la carenza di fibre alimentari e alcune malattie presenti nell'Africa orientale, ipotizzandone un ruolo come agente favorente la riduzione del colesterolo e come fattore protettivo nel carcinoma del colon-retto[1].

Nel 1972 vinse il Premio Lasker-DeBakey per la Ricerca Medica Clinica[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Ole Daniel Enersen, Dennis Burkitt in Who Named It?.
  2. ^ Albert Lasker Clinical Medical Research Award 1972

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]