Denethor (Prima Era)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Denethor
Universo Arda
Lingua orig. Inglese
Autore John Ronald Reuel Tolkien
1ª app. in Il Silmarillion
Specie Elfo
Sesso Maschio
Etnia Nandor
Parenti Lenwë (padre)

Denethor è un personaggio di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. È un Elfo Nandorin ed è figlio di Lenwë.

Il padre, nei primissimi anni dopo il Risveglio degli Elfi a Cuiviénen, aveva abbandonato il Grande Viaggio verso le coste occidentali della Terra di Mezzo e quindi verso Aman, stanziandosi nella grande valle del fiume Anduin ai piedi dei monti Hithaeglir con le sue genti, le quali (conosciute da allora come Nandor) appartenevano inizialmente alla grande stirpe dei Teleri.
Denethor però, avendo sentito parlare delle belle contrade del Beleriand e che queste erano governate dal nobile e potente Thingol, decise di attraversare le Montagne Brumose ed i Monti Azzurri e giungere infine in quelle terre con molti dei Nandor. Le genti di Denethor si stanziarono quindi nella valle del lungo fiume Gelion, nella terra denominata Ossiriand, e vennero dette Laiquendi, ovvero Elfi Verdi.
Denethor divenne quindi loro re, e guidò l'esercito dei Laiquendi durante la Prima Battaglia del Beleriand prima che il primo Sole e la prima Luna sorgessero, quando Morgoth, l'Oscuro Signore, si sentì pronto a sferrare il primo attacco contro gli Elfi del Beleriand. L'esercito di Denethor era però male armato ed aveva scarse difese, cosicché subì molte perdite; lo stesso Denethor, rimasto accerchiato sul colle di Amon Ereb con poche guardie del corpo, venne trucidato dagli Orchi.

I Laiquendi si ritirarono allora nelle foreste dell'Ossiriand settentrionale e non parteciparono più a battaglie aperte, vivendo come un popolo schivo e nascosto, propenso più che altro a preservare le proprie genti. Fu così che gli Elfi Verdi non vollero nominare un altro re, non avendo le pretese di dominio e l'onere di reggere l'assalto del Nemico che gli esuli Noldor si arrogavano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]


Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien