Dendrobates tinctorius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dendrobates tinctorius
Dendrobates azureus (Dendrobates tinctorius) Edit.jpg
Dendrobates tinctorius
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Dendrobatidae
Sottofamiglia Dendrobatinae
Genere Dendrobates
Specie D. tinctorius
Nomenclatura binomiale
Dendrobates tinctorius
(Cuvier, 1797)
Sinonimi
  • Rana tinctoria
    Cuvier, 1797
  • Dendrobates azureus
    Hoogmoed, 1969

Dendrobates tinctorius (Cuvier, 1797), conosciuto con il nome indio di Okopipi, è una rana appartenente alla famiglia Dendrobatidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È diffusa nella Guyana, in Brasile, nella Guyana francese e nel Suriname.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dendrobates tinctorius è una piccola rana, di lunghezza tra i 3 ed i 4,5 centimetri, del peso di circa 8 grammi.

La specie mostra uno spiccato polimorfismo per quanto riguarda il colore della livrea. Alcuni esemplari, presenti nel distretto di Sipaliwini nel Suriname, caratterizzati da una accesa colorazione blu frammentata da punteggiatura nera, in passato erano stati considerati come una specie a se stante (D. azureus) ma recenti studi genetici hanno dimostrato che si tratta solo di una variante morfologica[2].

La pelle della rana è ricca di ghiandole che secernono potenti alcaloidi che la rana utilizza come difesa naturale verso i predatori.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Azureus torrent.png

Questo animale è noto in ambito informatico per essere la mascotte del client BitTorrent Vuze, un tempo noto proprio con il nome di Azureus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dendrobates tinctorius in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Wollenberg K.C., Veith M., Noonan B.P.,Lötters S., Polymorphism Versus Species Richness—systematics of Large Dendrobates from the Eastern Guiana Shield (Amphibia: Dendrobatidae) in Copeia 2006; (4): 623-629.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Zanella F, Paoletti C., Vassallo P, Dendrobatidi, Edizioni Wild, 2006, ISBN 88-901587-8-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anfibi Portale Anfibi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anfibi