Dendrerpeton acadianum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dendrerpeton acadianum
Dendrerpeton DB.jpg
Ricostruzione
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Ordine Temnospondyli
Famiglia Dendrerpetontidae
Genere Dendrerpeton

Il dendrerpeton (Dendrerpeton acadianum) è un anfibio estinto appartenente ai temnospondili, vissuto nel Carbonifero superiore (circa 300 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Nuova Scozia (Canada), nel ben noto giacimento di Joggins.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lungo non più di un metro, questo anfibio era simile a una odierna salamandra, ma possedeva un corpo più tozzo e zampe meglio adattate a uno stile di vita terrestre. Il cranio possedeva una notevole incisura otica, ovvero una fossa profonda che si apriva nella parte posteriore del teschio, che probabilmente ospitava un orecchio adatto a sentire suoni ad alta frequenza. Recenti ritrovamenti di fossili tridimensionali hanno confermato che il dendrerpeton possedeva un udito sviluppato: vi era una staffa robusta, originariamente utilizzata per irrobustire la struttura ma in seguito specializzatasi per consentire la trasmissione di suoni ad alta frequenza. L’intera regione timpanica e la scatola cranica sono simili a quelle di altri temnospondili primitivi, come Doleserpeton, ma anche a quelle degli anuri attuali (rane e rospi).

Fossili[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi resti fossili di questo animale sono stati ritrovati nei tronchi cavi di giganteschi alberi, come Lepidodendron e Sigillaria. Il motivo di questa insolita conservazione è dovuto al fatto che le antiche foreste carbonifere erano periodicamente soggette ad alluvioni, e le basi degli alberi venivano seppellite. In seguito, gli alberi morivano e le parti superiori crollavano, lasciando solo le parti cave sepolte, che diventavano così profondi pozzi in cui cadevano rettili e anfibi primitivi. Il tetrapode più comune in questo giacimento era Dendrerpeton, ma sono noti anche alcuni antichi rettili (Hylonomus), così come alcuni sinapsidi primitivi (Archaeothyris). I fossili di dendrerpeton sono generalmente appiattiti e schiacciati, e non permettono una chiara interpretazione dell’anatomia dell’animale; un ritrovamento tridimensionale è avvenuto solo di recente e ha reso possibile chiarire la morfologia della regione timpanica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • ROBINSON, J.1; AHLBERG, P. E.2; KOENTGES, G. - The braincase and middle ear region of Dendrerpeton acadianum (Tetrapoda: Temnospondyli). Zoological Journal of the Linnean Society, Volume 143, Number 4, April 2005, pp. 577-597(21)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]