Demoptolemo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Demoptolemo
Saga Odissea
Nome orig. Δημοπτόλεμος
1ª app. in Odissea di Omero, IX secolo a.C. circa

Demoptolemo (gr. Δημοπτόλεμος, lat. Demoptolemus, -i) è un personaggio dell'Odissea. È uno dei Proci, i pretendenti alla mano di Penelope.

Il personaggio compare solo nel corso della strage finale descritta nel Libro XXII dell'Odissea. Omero lo mostra tra quelli che "si distinguevano nel valore" (XXII, 244). Su invito di Agelao, insieme ad altri scaglia la sua asta contro Odisseo. Tuttavia Atena rende inefficace il suo colpo e Odisseo lo uccide, mentre contemporaneamente è abbattuto Euriade per mano di Telemaco (XXII, 247-267).

Nella Bibliotheca di Apollodoro si afferma che fosse originario di Dulichio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca