Demoni (Shannara)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella saga di Shannara, i Demoni sono creature maligne che, molti secoli prima delle avventure di Shea Ohmsford, furono sconfitti grazie alla magia degli Elfi che crearono l'Eterea che li rinchiuse al di là della barriera del Divieto. Da allora, si fecero chiamare Jarka Ruus, i "Popoli Esiliati". Sono tantissimi e alcuni di loro sono dotati di magia oscura. Il loro capo, il Dagda Mor, grazie al Bastone del Comando ha una potenza pari a quella di Allanon. I Demoni odiano gli Elfi e, quando nel libro Le Pietre Magiche di Shannara l'Eterea muore, si lanciano in una spietata guerra contro di loro, con l'intenzione di uccidere tutte le razze ed impadronirsi delle Quattro Terre. Il loro capo viene ucciso dal Druido Allanon e Amberle Elessedil, trasformatasi nella nuova Eterea, rimanda i Demoni dietro la barriera del Divieto dove rimarranno fino alla sua lontana morte. Alcuni tra i più forti demoni sono il Dagda Mor, il Mietitore, il Camaleonte, il Moric e Tael Riverine.

Le Specie[modifica | modifica wikitesto]

I Demoni comprendono una vasta gamma di specie diverse che si distinguono fra di loro per forza, aspetto e poteri magici. Le più importanti sono:

  • I Demoni-lupo: uomini-lupo veloci e letali;
  • Le Furie: donne-gatto, molto feroci e pericolose che vivono in branchi numerosi;
  • Le Arpie: le donne-uccello che predano dall'alto;
  • Gli Ulk Bolg: piccole creature pelose e dai lunghi arti che si nutrono di radici, funghi e anche uova di drago;
  • Draghi: tra cui spiccano i dracha, che sono un po' più piccoli e non sono in grado di sputare fuoco.
  • Orchi: giganti deformi dotati di poca intelligenza ma di grande forza bruta;
  • Gormie: piccole volpi antropomorfe;
  • Goblin: creature agguerrite e sanguinarie dai lineamenti affilati e le orecchi lunghe;
  • Gli Straken: stregoni malvagi dai grandi poteri;