Demetrio Volcic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
sen. Demetrio Volcic
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Lubiana (Slovenia)
Data nascita 22 novembre 1931
Titolo di studio Laurea in Economia
Professione Giornalista, professore a contratto presso l'università di Trieste
Legislatura XIII
Gruppo Democratici di Sinistra
Coalizione Sinistra Democratica - l'Ulivo
Regione Friuli-Venezia Giulia
Incarichi parlamentari
  • membro della III commissione permanente affari esteri, emigrazione (23 dicembre 1997 - 29 maggio 2001)
  • membro della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea del Consiglio d'Europa (14 gennaio 1998 - 29 gennaio 2001)
  • membro supplente della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea del Consiglio d'Europa (30 gennaio 2001 - 29 maggio 2001)
  • membro della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea dell'Unione dell'Europa occidentale (14 gennaio 1998 - 29 gennaio 2001)
  • membro supplente della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea dell'Unione dell'Europa occidentale (30 gennaio 2001 - 29 maggio 2001)
Pagina istituzionale

Demetrio Volcic, battezzato come Dimitrij Volčič (Lubiana, 22 novembre 1931), è un giornalista e politico italiano. È stato un giornalista RAI, celebre come corrispondente estero da Praga, Vienna, Bonn, e in particolare da Mosca.

Carriera giornalistica[modifica | modifica wikitesto]

Dipendente RAI dal 1956, diviene inviato speciale da Trieste nel 1964, passando solo nel 1968 a corrispondente dall'estero, incarico che lo ha portato fuori dall'Italia praticamente fino al 1993.

Il suo volto per gli italiani è il volto dell'Unione Sovietica: l'ottimo lavoro svolto all'estero gli valse infatti dal 1993 al 1994 l'incarico a dirigere il Tg1.[1] Nel 1995 è stato coordinatore della redazione giornalistica delle radio CNR.[2]

Nel 1994 è stato docente dei corsi di "dottrine politiche" e "politica internazionale" presso l'università di Trieste. Nel 2006 gli è stata conferita la laurea magistrale honoris causa in Relazioni Pubbliche dall'università di Udine.[3]

Nel 1996 ha lasciato la carriera giornalistica per la carriera accademica e politica.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 22 dicembre 1997 al 29 maggio 2001 ha ricoperto l'incarico di Senatore della Repubblica Italiana, eletto nelle liste del Partito Democratico della Sinistra, subentrato per elezione suppletiva a Darko Bratina, deceduto il 23 settembre 1997.

Dal 20 luglio 1999 al 19 luglio 2004, eletto nelle liste dei Democratici di Sinistra, è stato membro del Parlamento Europeo, facendo parte del gruppo del PSE e ricoprendo l'incarico di membro effettivo della commissione affari regionali e trasporti e di membro supplente della commissione affari esteri, diritti dell'uomo, la sicurezza comune e la politica di difesa. Inoltre, è stato vicepresidente della delegazione alle commissioni parlamentari di cooperazione UE-Armenia, UE-Azerbaigian e UE-Georgia, nonché relatore per l'ingresso nel 2004 dei dieci nuovi Paesi membri dell'Unione europea, con la responsabilità sul processo di avvicinamento della Slovenia all'UE.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tg1
  2. ^ Radio - Cnr. Il marchio doc dell'informazione radiofonica | Prima Comunicazione
  3. ^ L'Università di Udine laurea ad honorem Demetrio Volcic — Qui.Uniud
  4. ^ Il Premio Ilaria Alpi alla carriera assegnato a Demetrio Volcic
Predecessore Direttore del TG1 Successore
Albino Longhi 1993 - 1994 Carlo Rossella


Controllo di autorità VIAF: 66529858