Demansionamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diritto del lavoro in Italia








modifica

Categoria:Diritto del lavoro
Portale: Diritto del lavoro

Il demansionamento, nel diritto del lavoro, è un atto consistente nell'assegnazione al lavoratore di mansioni inferiori rispetto alla sua qualifica di appartenenza, o anche nel non assegnare alcuna mansione.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Esso costituirebbe una violazione del diritto al lavoro inteso come diritto a svolgere un'attività lavorativa che risponda a un'esigenza imprescindibile della personalità del lavoratore. Il demansionamento causa un danno economico poiché lo svolgimento di mansioni inferiori, o il mancato svolgimento di qualsiasi mansione, determina l'impoverimento della capacità professionale del lavoratore, comportando ripercussioni negative sui futuri rapporti di lavoro.

L'atto potrebbe altresì arrecare un danno alla persona per la lesione dello stesso diritto al lavoro, potenzialmente causando uno stato di stress che il lavoratore potrebbe patire e causare un danno alla salute. Potrebbe altresaì rientrare nell'ambito di una strategia di mobbing.[senza fonte]

Disciplina normativa[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

L'istituto è regolato dal codice civile italiano, precisamente dall'art. 2013.[1] In seguito alla privatizzazione del diritto del lavoro pubblico in Italia esso si applicherebbe anche ai dipendenti pubblici italiani.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo 2103 Codice Civile: Mansioni del lavoratore.
  2. ^ Art. 51 comma 2 d.lgs 30 marzo 2001, n. 165

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabio Mazziotti, Manuale di Diritto del Lavoro, Editoriale Scientifica 2009. ISBN 88-893-7380-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]