Delvauxite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Delvauxite
Classificazione Strunz VII/D.55-10
Formula chimica CaFe+++4(PO4,SO4)2(OH)8·4-6(H2O) (?)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino amorfo
Sistema cristallino  
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale amorfo
Gruppo spaziale  
Proprietà fisiche
Densità 1,85-2 g/cm³
Durezza (Mohs) 2,5
Sfaldatura non si sfalda
Frattura concoide
Colore giallo-bruno, rosso-bruno, bruno-scuro
Lucentezza vitrea, grassa, un po' cerosa
Opacità non trasparente
Striscio giallo
Diffusione assai rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La delvauxite è un minerale, un fosfato basico e idrato di ferro trivalente.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva da J. S. P. J. Delvaux de Feuffe (1782 - 1863), chimico e mineralogista belga.[1]

I primi esemplari rinvenuti vennero denominati delvauxéne dal geologo belga André Dumont. La denominazione attuale risale a Wilhelm Karl von Haidinger (1795 - 1871), geologo e mineralogista austriaco, che nel 1845 ne analizzò vari esemplari[2].

Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

Essendo un minerale amorfo non presenta alcuna struttura cristallina.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

La genesi è secondaria, in vene minerali o giacimenti di ferro intensamente ossidati. Ha paragenesi con ematite[1], limonite[1], vivianite, melanterite, diadochite e pitticite.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

Si presenta in concrezioni, stalattiti, masse concrezionate arrotondate[1] e noduli bruno-giallastri, nero-bruni e rossastri [3].

Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica sorgente]

È effervescente in HCl e si disgrega[4]. Al cannello crepita, annerisce e lascia un residuo magnetico[1].

Località di ritrovamento[modifica | modifica sorgente]

A Berneau, presso Visé, in Belgio; a Železník, in Slovacchia, a Litošice e Nenakovice, nella Repubblica Ceca[1]; a Tollinggraben, nella Stiria, in Austria; nelle Kara-Tau Mountains, in Kazakhstan; a Kapunda, nella catena dei Monti Lofty, nell'Australia del Sud.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Rudolf Duda e Lubos Rejl, 1988 - La grande Enciclopedia dei minerali, p.134
  2. ^ The type mineralogy of Belgium
  3. ^ Enciclopedia Italiana delle Scienze - Scienze Naturali: Minerali e Rocce vol.I, p.202, Istituto Geografico De Agostini - Novara
  4. ^ Michele Giua, 1948-49 - Dizionario di chimica generale e industriale, Torino, 3 voll.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michele Giua, 1948-49 - Dizionario di chimica generale e industriale, Torino, 3 voll.
  • AA.VV., 1972 - Enciclopedia Italiana delle Scienze - Scienze Naturali: Minerali e Rocce vol.I, p.202, Istituto Geografico De Agostini - Novara
  • Rudolf Duda e Lubos Rejl, 1988 - La grande Enciclopedia dei minerali, p.134
  • Daltry, V. & Deliens, M., 1993 - The type mineralogy of Belgium, Annales de la société Géologique de Belgique, vol.116, p.15-28

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia