Definizione di opera culturale libera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La definizione di opera culturale libera è una definizione di contenuto libero proposta da Erik Möller[1] e pubblicata sul sito freedomdefined.org.

La prima stesura della definizione di opera culturale libera è stata pubblicata il 3 aprile 2006[2]. Richard Stallman, Lawrence Lessig, Angela Beesley[1] e altri hanno contribuito al progetto. Le versioni 1.0 e 1.1 sono state pubblicate in inglese[3] e tradotte in altre lingue. La prima versione italiana[4] risale al 28 marzo 2007[5].

La definizione di opera culturale libera è usata dalla Wikimedia Foundation[6]. Nel 2008, le licenze Creative Commons CC-BY e CC-BY-SA sono state dichiarate "approvate per opere culturali libere"[7]. In seguito, Wikipedia è passata alla licenza CC-BY-SA.

Libertà essenziali[modifica | modifica sorgente]

Logo della definizione di opera culturale libera

Perché un'opera culturale venga definita libera, la licenza che la protegge deve garantire queste libertà (dette libertà essenziali) senza limitazioni:

  • la libertà di usare e rappresentare l'opera: al licenziatario deve essere permesso di poter fare qualsiasi uso, privato o pubblico, dell'opera. Per le tipologie di opera dove ciò è rilevante, questa libertà deve comprendere tutti gli usi derivati ("diritti correlati") come la rappresentazione o interpretazione dell'opera. Non deve esserci alcuna eccezione riguardante, ad esempio, considerazioni politiche o religiose.
  • la libertà di studiare l'opera e impiegarne le informazioni: al licenziatario deve essere permesso di esaminare l'opera e di usare la conoscenza ottenuta da essa in qualsiasi modo.
  • la libertà di redistribuire copie: le copie possono essere vendute, scambiate o cedute gratuitamente, come parte di un'opera più grande, una raccolta, o indipendentemente. Non devono esserci limiti al quantitativo di informazione che può essere copiato. Non deve inoltre esserci alcun limite su chi possa copiare l'informazione o su dove l'informazione possa essere copiata.
  • la libertà di distribuire opere derivate: al fine di dare a chiunque la possibilità di fare miglioramenti ad un'opera, la licenza non deve limitare la libertà di distribuire una versione modificata (o, per opere fisiche, un'opera in qualche modo derivata dall'originale), indipendentemente dall'intento e scopo di tali modifiche. Ad ogni modo, alcune restrizioni possono essere applicate per proteggere queste libertà essenziali o l'attribuzione degli autori.[4]

Perché sia considerata libera, un'opera deve essere coperta da una licenza Free Culture, o il suo status legale deve fornire le stesse libertà essenziali elencate in precedenza.[4]

Licenze approvate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Definition of Free Cultural Works - History, freedomdefined.org. URL consultato il 2013-02-14.
  2. ^ (EN) Definition of Free Cultural Works, freedomdefined.org. URL consultato il 2013-02-14.
  3. ^ (EN) Definition of Free Cultural Works, freedomdefined.org. URL consultato il 2013-02-14.
  4. ^ a b c definizione di opera culturale libera, freedomdefined.org. URL consultato il 2013-02-14.
  5. ^ Definizione di opera culturale libera, freedomdefined.org. URL consultato il 2013-02-14.
  6. ^ Resolution: licensing policy, wikimediafoundation.org. URL consultato il 2013-02-14.
  7. ^ (EN) Approved for Free Cultural Works, creativecommons.org. URL consultato il 2013-02-14.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]