Deep Purple (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Deep Purple
Artista Deep Purple
Tipo album Studio
Pubblicazione 21 giugno 1969
Durata 59 min : 26 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Hard rock
Rock progressivo
Rock psichedelico
Etichetta Harvest Records (UK)
Tetragrammaton (US)
Produttore Derek Lawrence
Registrazione gennaio - marzo 1969
Deep Purple - cronologia
Album precedente
(1968)

Deep Purple è il terzo album in studio dell'omonimo gruppo Deep Purple, pubblicato nel 1969 per la Harvest Records nel Regno Unito e per la Tetragrammaton negli Stati Uniti. Le copie dell'edizione originale statunitense sono rare poiché la Tetragrammaton andò in bancarotta proprio nel periodo dell'uscita dell'album. Questo causò anche la cancellazione di un tour come gruppo spalla dei The Rolling Stones.

Questo è l'ultimo album registrato dalla prima formazione. Presi ormai contatti con Ian Gillan e Roger Glover i restanti tre membri organizzeranno qualche altra seduta di registrazione (niente altro che una messa in scena) con Simper ed Evans prima di licenziarli. Rod Evans accetterà (saggiamente) i diritti sulle canzoni alle quali diede contributo, mentre Nick Simper farà causa alla band perdendo non solo il posto come bassista ma anche tutti i diritti. Nonostante il clima non proprio roseo l'album è sicuramente un passo avanti rispetto al suo predecessore. Non ci sono ancora canzoni di spicco (commercialmente parlando) che permettono di scalare le classifiche ma i punti notevoli non mancano.

La canzone The Painter è la rielaborazione dell'insensata Hey Bop a Re Bop presente nel The Book of Taliesyn, brano originariamente escluso dall'album che verrà poi integrato nella versione CD rimasterizzata come bonus-track.

Why Didn't Rosemary? e The Bird Has Flown sono le due canzoni meglio riuscite dell'album e fanno da apripista all'ultima traccia dell'LP ovvero April. Il pezzo in questione è un eccitante incursione nei territori della musica classica, il bozzolo di ciò che nascerà poco più avanti nel Concerto for Group and Orchestra ovvero la fusione tra Hard Rock e musica classica.

Con questo lavoro si chiude definitivamente la "Mark I", la formazione originale dei Deep Purple con la quale la band ha girato intorno al successo senza mai riuscire ad afferrarlo. La nuova creatura si chiama "Mark II" e verrà riconosciuta sempre come la formazione classica dei Deep Purple.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

La copertina di questo album è un particolare del Trittico del Giardino delle delizie di Hieronymus Bosch, nello specifico il cosiddetto "Inferno Musicale". Al particolare del dipinto sono state aggiunte anche le sagome dei membri della band britannica. La casa discografica Tetragrammaton incontrò delle difficoltà nell'impiego di questo dipinto come copertina poiché era erroneamente percepito come sacrilego negli Stati Uniti d'America tanto che fu rifiutato da molti negozi di dischi. La copertina originale doveva essere a colori ma ci fu un errore di stampa per tanto venne fuori in bianco e nero.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Chasing Shadows (Lord, Paice) - 5:34
  2. Blind (Lord) - 5:26
  3. Lalena (Donovan) - 5:05
  4. Fault Line (Blackmore, Lord, Paice, Simper) - 1:00
  5. The Painter (Blackmore, Lord, Paice, Simper) - 4:39
  6. Why Didn't Rosemary? (Blackmore, Evans, Lord, Paice, Simper) - 5:04
  7. The Bird Has Flown (Blackmore, Evans, Lord) - 5:36
  8. April (Blackmore, Lord) - 12:10

Tracce bonus nella riedizione su CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Bird Has Flown (alternate version) - 2:54
  2. Emmaretta (Blackmore, Evans, Lord) (original single) - 3:00
  3. Emmaretta (BBC Top Gear session) - 3:09
  4. Lalena (BBC radio session) - 3:33
  5. The Painter (BBC radio session) - 2:18

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock