Decubito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il decubito è la posizione che il malato assume a letto. Deriva dal latino con l'originario significato di coricarsi. È attestato il suo utilizzo in medicina, con significato per lo più patologico, nel 1698.

Classificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tipo di decubito[modifica | modifica wikitesto]

Per decubito si vuole anche la naturalezza della posizione:

  • indifferente, quando la posizione può essere mantenuta naturalmente
  • obbligato, quando la posizione non può essere mantenuta naturalmente

Posizioni[modifica | modifica wikitesto]

Le posizioni sono:

  • Supina, si mantiene una posizione dove si è rivolti verso l'alto, pancia in su
  • Prono o Ventrale, si mantiene una posizione dove si è rivolti verso il basso, pancia in giu
  • Semi prona o Sims, è una posizione con una via di mezzo tra la laterale di sicurezza e la prona
  • Laterale o laterale di sicurezza, posizione dove si è stesi su un fianco, evitando ai polmoni di essere caricati del peso del corpo, con lo scopo di facilitare e migliorare la respirazione
  • Ortopnoico o Seduto, tipica posizione che si assume con la schiena quando si siede su una sedia
  • Semiortopnoico o semiseduto o Fowler's, paziente supino, con lo schienale inclinato di 80-90° rispetto alla linea orizzontale
    • semi-Fowler's, differisce dalla Fowler's per un'inclinazione ridotta a 30-45°
  • Posizione di Trendelenburg o posizione anti-shock: posizione supina piana con un'inclinazione che favorisce il reflusso del sangue al cervello
  • Genitopettorale, persona inginocchiata con la testa appoggiata sul terreno e il bacino sollevato il più possibile
  • Ginecologica o dorsale supina, posizione sdraiata con le gambe piegate a 90°, le ginocchia divaricate con i talloni disposti sullo stesso piano del busto
  • Litotomica, posizione sdraiata con le gambe piegate a 90° e con i talloni e le ginocchia sullo stesso piano.

Lesioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi lesione da pressione.

Decubito è anche, per contrazione, la piaga da decubito, dicitura scorretta, poiché dovremmo parlare di ulcera, o più genericamente di lesione da pressione, che compare nei punti soggetti a maggior compressione (quindi, soggetti a ischemia) in chi è costretto per lungo tempo a letto, o comunque in posizioni che determinino una continua pressione sui punti in cui si hanno prominenze ossee.

Riferito a oggetto[modifica | modifica wikitesto]

La parola viene utilizzata, in quest'ultima accezione, più come verbo e anche in riferimento a oggetti: per esempio il catetere vescicale transuretrale può decubitare, cioè può causare un'ulcera lungo le pareti dell'uretra su cui poggia.

Il decubito a pancia sotto o laterale a faccia sotto comporta decubito sulla mandibola che viene sbilanciata in malocclusione laterale. La compressione che si esercita sui denti ostacola la circolazione sanguigna nei tessuti che sostengono i denti, la conseguenza è l'infezione, e la malattia parodontale (piorrea) è una piaga da decubito.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina