Decennio internazionale di promozione di una cultura della nonviolenza e della pace a profitto dei bambini del mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il 10 novembre 1998 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato il primo decennio del XXI secolo e del III millennio, gli anni dal 2001 al 2010, Decennio internazionale di promozione di una cultura della nonviolenza e della pace a profitto dei bambini del mondo.

Nel 2000, l'UNESCO è stata incaricata dall'ONU dell'animazione di questo Decennio all'interno dell'ONU e dei relazioni con gli altri organizzazioni interessate.

Un decennio dell'ONU[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000, il programma d’azione dell'ONU per il decennio ha proposto otto campi d'azione nei quali è possibile lavorare per la promozione della cultura della Pace:

Nell'ambito di questo Decennio, l'anno 2009 è stato dichiaro dall'ONU Anno della riconciliazione.

Le ONG[modifica | modifica sorgente]

Dal 2001 sono stati creati in alcuni paesi dei coordinamenti nazionali di ONG per promuovere questo decennio. È il caso, per esempio, di Francia, Austria, Olanda o Italia. Questi coordinamenti nazionali, spesso composti da associazioni che hanno lanciato l'idea del decennio, hanno sentito la necessità di creare un Coordinamento internazionale. In collaborazione con un certo numero di organizzazioni internazionali, quattro coordinamenti nazionali hanno fondato nel giugno 2003 il Coordinamento internazionale per il Decennio della Cultura della non violenza e della pace.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]