Debeaking

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il debeaking (letteralmente, "rimozione del becco") o beak trimming ("accorciamento del becco") è una pratica che può essere usata nell'allevamento intensivo di pollame, e consiste nella rimozione chirurgica di circa 1/3 del becco delle galline. Lo scopo del debeaking è quello di contrastare l'eventuale tendenza dei polli a beccarsi reciprocamente, fino al cannibalismo.[1] Questa tendenza può insorgere per diversi motivi, quali eccessivo sovraffollamento o calore[2], e può portare a una mortalità del 25-30%.[3]

Il debeaking è oggetto di numerose critiche di nature etica da parte dei movimenti animalisti (alcuni dei quali, come il PETA, si oppongono anche all'allevamento intensivo in generale). La tesi principale dei movimenti animalisti è che il debeaking sia molto doloroso per gli animali che lo subiscono. Che si tratti di una pratica dolorosa è in effetti scientificamente provato.[4] Inoltre, alcuni movimenti animalisti hanno spesso attaccato le modalità impiegate in specifici allevamenti, per esempio accusando questi ultimi di eseguire l'operazione usando lame roventi o altri metodi giudicati particolarmente crudeli. Il PETA e altri gruppi hanno lanciato numerose campagne contro il debeaking; per esempio, la PETA ha ufficialmente chiesto a Burger King e altre catene di fast food di boicottare i produttori di carne di pollo che usano questa pratica nei loro allevamenti.

La pratica del debeaking è stata oggetto di normative in diversi paesi; nel Regno Unito, per esempio, il Ministero dell'Agricoltura, della Pesca e del Cibo ha emesso nel 1987 una raccomandazione che invita le aziende a far ricorso al debeaking solo come ultima risorsa.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Appleby, Do Hens Suffer in Battery Cages?, 1901. Vedi [1]
  2. ^ McMurray Hatchery - Why do chickens peck at each other & what can we do about it?
  3. ^ http://www.rirdc.gov.au/reports/CME/00-72.pdf
  4. ^ M. J. Gentle, Beak Trimming in Poultry. In «World's Poultry Science Journal» n. 42, pp. 268-275. Vedi anche Michael Appleby, op. cit
  5. ^ Ministry of Agriculture, Fisheries and Food (MAFF). Codes of Recommendation for the Welfare of Livestock: Domestic Fowls. Londra, MAFF 1987.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]