De Luci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre voci omonime, vedi Luci.
Stemma della famiglia de Luci

Stemma famiglia de Luci.svg

Blasonatura
D'oro, al leone d'azzurro.[1]

I de Luci (o Luce, in inglese e francese de Lucy) furono una famiglia normanna molto potente e influente nelle vicende storiche, culturali, politiche ed economiche della Sicilia e della Calabria dall'XI all'XIII secolo, e dell'Inghilterra, dall'XI secolo all'XIV secolo.

I de Luci furono conti di Butera, conti di Paternò, signori di Petterana, ed ebbero vari possedimenti tra la Sicilia e la Calabria.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Di origine normanna, giunti in Sicilia al seguito degli Altavilla in occasione della conquista dell'isola, i de Luci furono tra le famiglie normanne più importanti vicine a Ruggero I, insieme ai Culchebret, ai Mortain, agli Avenel [2], e ai «normannizzati» Borrello di origine franca.

Originari di Lucy [3] vicino Dieppe in Alta Normandia, o, secondo lo storico Carlo Alberto Garufi, originari di Lucè vicino Domfront nel dipartimento dell'Orne in Normandia[4], ebbero come capostipite italiano il barone Giosberto de Luci (in francese: Josbert de Lucy; in latino: Josbertus de Luci o Gosbertus de Luci) che apparteneva a uno dei più importanti lignaggi della normandia ducale [5] e sposò Muriella di Altavilla, una delle figlie del Gran Conte Ruggero e della seconda moglie Eremburga di Mortain.

Il primogenito di Giosberto, Bartolomeo, fondò l'abbazia cistercense di Santa Maria di Roccamadore a Tremestieri vicino Messina, su modello dell'abbazia francese di Santa Maria di Rocamadour nei pressi di Quercy. L'abbazia fu dotata di rendite, ed è lo stesso Bartolomeo de Luci a informarci che fu spinto da un voto solenne fatto durante la sua peregrinazione[6].

Bartolomeo fu nominato conte di Butera e conte di Paternò da Enrico IV nel 1193, titoli assegnati in precedenza agli Aleramici di Sicilia. Alla morte del conte Bartolomeo la contea di Butera fu ereditata dal genero, Guglielmo Malcovenant, mentre la contea di Paternò fu ridotta a semplice feudo.

Membri illustri dei de Luci in Sicilia e Calabria[modifica | modifica sorgente]

I de Luci in Inghilterra[modifica | modifica sorgente]

Stemma dei de Luci in Inghilterra

Membri della famiglia de Luci, arrivati anche in Inghilterra dalla natia Normandia, sotto il regno di Guglielmo il Conquistatore, annoverarono tra i loro familiari, Fulbert de Luci, signore del Castello di Chilham nel Kent, Richard de Luci, Gran Giustiziere d'Inghilterra, Walter de Luci, abate dell'abbazia di Battle, nell'East Sussex, Godfrey de Luci, vescovo di Winchester.

Membri illustri dei de Luci in Inghilterra e Irlanda[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Antonio Mango di Casalgerardo, Nobiliario di Sicilia, 1915
  2. ^ Karl Schellhass, Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken, Volume 88, Editore Walter de Gruyter, 2009. p. 8.
  3. ^ (FR) Roberto il Guiscardo e il suo tempo: atti delle prime giornate normanno-sveve, Università di Bari. Centro di studi normanno-svevi. Dedalo, 1991. ISBN 8822041410
  4. ^ Carlo Alberto Garufi, Per la storia dei secoli XI e XII. Il "castrum Butere" e il suo territorio dai Bizantini ai Normanni. Note ed appunti di Storia e di Toponomastica, in "Archivio Storico per la Sicilia Orientale", anno XI, fasc. II (1914), p. 169
  5. ^ AA.VV., Roberto il Guiscardo e il suo tempo: atti delle prime giornate normanno-sveve, Università di Bari, Centro di studi normanno-svevi, Bari 1973, p. 345
  6. ^ Carlo Alberto Garufi, La contea di Paternò e i de Luci, in Archivio storico per la Sicilia Orientale, anno X, fasc. I, 1913.
  7. ^ Francesco Maria Emanuele e Gaetani, Appendice alla Sicilia Nobile, Palermo 1775, Tomo I, p. 5
  8. ^ C. A. Garufi, I de Parisio e i de Ocra nei contadi di Paterno e di Butera, in Archivio storico Sicilia orientale, X (1913), doc. IV, p. 357

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Francesco Maria Emanuele e Gaetani, Appendice alla Sicilia Nobile, Palermo, 1775
  • C. Cottone, I de Luci e la signoria di Petterana (XII sec.) nel territorio di Termini, in "Schede Medievali", 28-29 (1995), pp. 7-19
  • Carlo Alberto Garufi, La contea di Paternò e i de Luci, in Archivio storico per la Sicilia Orientale, anno X, fasc. I, 1913, pp. 160-180.
  • Antonio Mango di Casalgerardo, Nobiliario di Sicilia, Bologna, 1912–1915
  • E. Igor Mineo, Nobiltà di stato: famiglie e identità aristocratiche nel tardo Medioevo: la Sicilia, Donzelli Editore, Roma, 2001
  • Alessandro Pratesi, Carte latine di abbazie calabresi provenienti dall'archivio Aldobrandini, Biblioteca Apostolica Vaticana, Roma, 1958
  • Guglielmo Scoglio, Monforte San Giorgio e il suo territorio nel Medioevo, Trento, 2007
  • Léon-Robert Ménager (1925-1993), Inventaire des familles normandes et franques émigrées en Italie méridionale et en Sicilie (XIe-XIIe siècles), Variorum Reprints, London, 1981