De Leyva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma-De-Leyva.jpg

Quella dei De Leyva fu un'importante famiglia storica spagnola, originaria della Navarra, il cui capostipite, Juan Martínez (1350-1384), figlio di Sancho e di Aldonza Lopez de Avellaneda[1], fu signore di Leyva, l'attuale Leiva facente parte della comunità autonoma La Rioja, Spagna.

Un ramo cadetto si insediò in Italia al seguito dell'Imperatore Carlo V che diede il feudo di Monza e il titolo di conte a Antonio de Leyva per i meriti guadagnati nella battaglia di Pavia del 1525 in cui fu fatto prigioniero il re di Francia Francesco I.

I membri del ramo cadetto italiano della famiglia de Leyva furono governatori di Milano, conti di Monza, marchesi di Atella, principi di Ascoli Satriano e si imparentarono con le più eminenti famiglie lombarde dell'epoca come i Soncino Stampa di antica nobiltà, i Marino facoltosi banchieri di origini nobili, i Pio di Savoia di Modena.

Feudatari della contea di Monza[modifica | modifica sorgente]

via De Leyva a Monza

Nel 1527, il 25 febbraio, Antonio de Leyva (1480-1536), governatore e comandante supremo degli imperiali di Carlo V, mise spietatamente a sacco la città di Monza per remunerare le sue truppe. Fu in quella occasione che i seguaci dello Sforza distrussero, minandola, la torre del castello di Monza, mai più da allora ricostruita.
Nel 1529 Antonio de Leyva divenne Signore di Monza. Il feudo di Monza fu tolto da Carlo V a Gaspare Frantsperg e dato a Antonio de Leyva col titolo di contea ma non senza qualche difficoltà.[2]
Sotto il precedente breve dominio di Francesco I di Francia il feudo di Monza era stato assegnato a Arturo Goufier.[3].
Il 6 febbraio 1531 Francesco II Sforza (1495-1535) investe ufficialmente della contea di Monza Antonio de Leyva (1480-1536).
Il 10 giugno 1537 Carlo V, da Valladolid in Spagna, conferma i diritti di successione sulla contea di Monza dell'erede Luis de Leyva.[4]
Il 6 giugno 1648 segna la data della fine del dominio della famiglia de Leyva sulla contea di Monza ceduto dagli ultimi eredi de Leyva, Luigi Antonio[5] e suo cugino Girolamo[6] ai quattro fratelli Durini che acquistano feudo e titolo di conte di Monza per 30.000 ducati d'oro napoletani, pari a 150.000 lire imperiali. Il titolo venne confermato con diploma dal re di Spagna Filippo IV il 12 luglio 1652.
Il dominio effettivo dei de Leyva sulla contea di Monza è durato 121 anni. Gli eredi maschi godevano a turni di due anni ciascuno dei diritti feudatari, mentre tutti i figli maschi potevano fregiarsi del titolo di conte di Monza. Solo i primogeniti maschi ereditavano invece il titolo di principe d'Ascoli.
La città di Monza ha dedicato sia una via alla famiglia de Leyva sia una stretta stradetta alla "Signora" ossia suor Virginia Maria de Leyva al secolo Marianna de Leyva (1575-1650).

Il letterato monzese Bartolomeo Zucchi, che intrattenne una breve corrispondenza con la novizia Virginia Maria de Leyva prima che cadesse in disgrazia, si vantava di essere un lontano parente dei de Leyva.

Duca di Terranova in Calabria[7][modifica | modifica sorgente]

  • Antonio de Leyva (1480-1536) - titolo non ereditario

Donna Virginia Marino (n. a Genova nel 1541, m.di peste a Milano nel 1576), 2º Duchessa di Terranova (con i casali di Galatona, Molochio, Radicena, Jatrinoli, Rizziconi, San Martino e Casalnovo) e Baronessa di San Giorgio, Gioia e Gerace (con i casali di Antonimina, Canolo e Portigliola e la relativa mastrodattia), sposò in prime nozze, nel 1562, Ercole Pio, Signore di Sassuolo (m. 1571) e in seconde nozze a Milano nel 1574 Don Martino de Leyva, Conte di Monza (*Milano 1550, +Valencia 1600), genitori della celebre Monaca di Monza

Principi d'Ascoli e marchesi di Atella[8][modifica | modifica sorgente]

  • 1º principe - Antonio de Leyva (1480-1536)
  • 2º principe - Luis de Leyva (15..-....)
  • 3º principe - Antonio de Leyva (15..-1570)
  • 4º principe - Luigi Antonio de Leyva (....-....)
  • 5º principe - Antonio Luis Benítez de Lugo (....-1648)

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Juan Martinez de Leyva, signore di Leiva in Spagna, un villaggio poco distante da Santo Domingo de la Calzada nella provincia di la Rioja, era stato un valoroso capitano al servizio dei re Cattolici nell'esercito della Contea del Rossiglione, messosi in luce durante la Guerra di Granada. Juan Martinez de Leyva aveva sposato Constanza de Mendoza y Guzman da cui ebbe tre figli: Sancho Martinez de Leyva, il primogenito, che godette del maggiorascato e sposò Francisca de Guevara, dama della infanta Maria futura regina del Portogallo, Antonio, uomo d'armi che dette origine al ramo italiano dei de Leyva, e Costanza che sposò il marchese Francisco de la Cueva, primogenito del duca di Alburquerque III, Grande di Spagna. Juan Martinez de Leyva ebbe anche un figlio naturale: Juan de Leyva, uomo d'armi che militò con gli imperiali nella campagna d'Italia contro i francesi con il fratellastro Antonio de Leyva comandante generale.
  • Antonio de Leyva
  • Marianna de Leyva

Albero genealogico[9][modifica | modifica sorgente]

FAMIGLIA DE LEYVA



 
 
 
 
 
 
Sancho Juan[10]
Martinez
(....-....)
 
 
 
Urraca
Ponce de Salazar
(....-....)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Juan Martinez[11]
(14..-....)
 
 
 
Constanza[12]
de Mendoza y Guzman (14..-....)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sancho
Martinez
(14..-....)
discendenza in Spagna[13]
 
Costanza
(14..-....)
 
Antonio
(1480-1536)
I Principe di Ascoli
 
 
 
Castellana
Fabra
(14..-....)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Luis[14]
(15..-....)
II Principe di Ascoli
 
 
 
Marianna
De la Cueva y Cabrera(15..-....)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Eufrasia
de Guzmán
(15..-....)
 
 
 
Antonio
[15]
(15..-1570)
3º P.D'Ascoli
 
Martino, Conte di Monza (1548-1599)[16]
 
 
 
1ª moglie
Virginia Maria
Marino[17] (1541-1576)
 
Giovanni
(15..-....)
 
Marianna
(15..-1588)
 
 
 
MassimilianoStampa.jpg
Massimiliano II Stampa, III Marchese di Soncino (1557-1596), Conte di Rivolta di Gera d'Adda, Signore di Trumello
(1546-1601)[18]
 
Francesco
(15..-....)
 
Filippo
(15..-....)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Luigi Antonio, IV Principe di Ascoli
(15..-....)
 
 
 
Magdalena Porzia
Marino y Lugo
(15..-....)
 
Marianna[19]
(1575-1650)
 
 
 
 
 
 
 
Ermes II, Marchese di Soncino
(15..-....)
 
Cristernio, Conte di Monte Castello
(1576-....)
 
Giorgio
(1574-1625)
 
Luigi
(15..-....)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Antonio Luis
Benítez de Lugo,
V Principe di Ascoli
(....-1648)
 
 
 
 
Alma Francesca[20]
Osio
de Leyva (1604-16..)




i fratelli di Marianna de Leyva in Spagna - il fratello Marco e le sorelle Pio di Savoia in Italia



 
 
 
 
Martino
(15..-....)
 
 
 
2ª moglie
Anna
Viquez de Moncada
(15..-16..)
 
 
 
 
 
 
1º matrimonio
Virginia Maria
Marino (1541-1576)
 
 
 
Ercole
Pio di Savoia (15..-1573)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Antonio[21]
 
 
 
Adriana[22] (15..-16..)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Marco
Pio di Savoia
(15..-....)
 
Riccardo de Leyva
(15..-....)
 
figlia
(15..-....)
 
figlia
(15..-....)
 
figlia
(15..-....)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Geneall.net
  2. ^ Fonte: Giuseppe Marimonti "Memorie storiche della città di Monza" 1841 pag-475-481
  3. ^ Fonte: Giuseppe Marimonti Memorie storiche della città di Monza pag.335 sommario della storia di Monza.
  4. ^ Fonte: Giuseppe Marimonti Memorie storiche della città di Monza 1841 pag.481-483.
  5. ^ Luigi Antonio, figlio di Antonio 2º, era cugino di Marianna de Leyva.
  6. ^ Il Mazzucchelli nel suo libro La monaca di Monza definisce Gerolamo de Leyva "fratellastro" di Marianna de Leyva, alias suor Virginia Maria, senza però specificare di chi fosse figlio, mentre lo dice: "già governatore del Perù e viceré di Sicilia" nel cui elenco però non risulta.
  7. ^ L. Lopriore, Ascoli di Capitanata Tra Medioevo ed Età Moderna, Foggia 2008, pag. 191 e segg.
  8. ^ 1. Mario Mazzucchelli La monaca di Monza ... cit., pag.17 - 383 - 384
    2. L. Lopriore, Ascoli... cit., pag. 191 e segg.
  9. ^ 1. Mario Mazzucchelli La monaca di Monza ... cit., pag.23-383-384
    2. L. Lopriore, Ascoli... cit., pag. 191 e segg.
    3. Pinel y Monroy F. Retrato del buen vassallo, Madrid, Imprenta Imperial, 1677, pagg. 340-342
  10. ^ Sancho Juan Martinez de Leyva, signore della località chiamata Leiva, un villaggio poco distante da Santo Domingo de la Calzada nella provincia di la Rioja, della casa de Rioja dei signori di Leyva e conti di Baños
  11. ^ Juan Martinez de Leyva, signore della località chiamata Leiva, un villaggio poco distante da Santo Domingo de la Calzada nella provincia di la Rioja, fu capitano generale al servizio dei re Cattolici nell'esercito della Contea del Rossiglione. Aveva un figlio naturale di nome Juan de Leyva.
  12. ^ Constanza de Mendoza y Guzman apparteneva a una delle più illustri casate spagnole.
  13. ^ Sancho Martinez, signore di Leyva, godette del maggiorascato dando continuità in Spagna al casato de Leyva
  14. ^ Luis de Leyva, 2ºprincipe d'Ascoli, fu il primo governatore spagnolo di Milano
  15. ^ Antonio de Leyva, 3º principe di Ascoli.
  16. ^ Martino de Leyva era conte di Monza per diritto ereditario. Rimasto vedovo si risposò a Valencia in Spagna nel 1588 con Anna Viquez de Moncada, figlia di Gerolamo Viquez Mauriques, barone di Laurin, da cui ebbe Antonio (1590-1611), morto in guerra, e Adriana (15..-16..), francescana scalza in un convento di Madrid.
  17. ^ Virginia Maria Marino, era figlia di Tommaso Marino, ricco banchiere e mercante: Rimasta vedova nel 1573 del conte Ercole Pio di Savoia, signore di Sassuolo, da cui ebbe un unico figlio, Marco Pio di Savoia, il 22 dicembre 1574 sposò Martino de Leyva, portandogli una cospicua dote stimata in 50.000 scudi, fra cui i fondi delle cascine "Mirabello" e dei "Pomi" di Monza. Neanche un anno dopo aver dato alla luce la figlia Marianna, Virginia Maria Marino muore di peste a Milano il 1º ottobre 1576 lasciando eredi universali in parti uguali i due figli avuti dai due matrimoni e l'usufrutto al marito vedovo Martino de Leyva.
  18. ^ Massimiliano II Stampa, Marchese di Soncino, figlio di Ermes I fratello di Massimiliano, si fece in seguito frate cappuccino con il nome di Ambrogio da Soncino. Fonte: Paolo Ceruti Biografia Soncinate pag.19 – 1834
  19. ^ Marianna de Leyva affermava di avere un fratello di nome Luis, "conte di Monza, castellano dell'Ovo a Napoli, già defunto (nel 1646)". Il Mazzucchelli afferma che Gerolamo de Leyva era fratellastro di Marianna de Leyva. Non essendo del tutto chiare queste relazioni di parentela sono state omesse dall'albero genealogico.
  20. ^ Alma Francesca Osio de Leyva figlia naturale di Marianna de Leyva, alias suor Virginia de Leyva, e di Gian Paolo Osio, riconosciuta dal padre crebbe in casa sua; divenne suora francescana
  21. ^ Antonio de Leyva, morì in guerra nel 1611
  22. ^ Adriana de Leyva si fece francescana scalza in un convento di Madrid.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]