De Graeff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma della
la familia De Graeff

Wapen De Graeff van Polsbroek als heren van Purmerland en Ilpendam.jpg

Blasonatura
inquartato: nel 1º e 4º di azur; nel 2º e 3º di rosso

Casa di (De) Graeff, un aristocraziato familiare del patriziato cittadino di Amsterdam, che nel Secolo d'oro olandese era una delle più importanti città della Provincia d'Olanda. [1] Grazie all'attività finanziaria divenne molto potente e facoltosa, per alcuni periodi documentati la più ricca della città. La famiglia De Graeff finanziò molti artisti e poeti, tra i quali Rembrandt van Rijn, Gerard ter Borch, Jacob van Ruysdael, Govert Flinck, Nicolaes Eliaszoon Pickenoy, Jan Lievens, Jacob Jordaens, Caspar Netscher, Gerard de Lairesse, Artus Quellinus, Joost van den Vondel, Jan Vos e Caspar Barlaeus. [2] La famiglia acquistò molta importanza con Cornelis de Graeff (1599-1664), e suo fratello Andries de Graeff (1611-1678).

Storia[modifica | modifica sorgente]

La familia De Graeff nel Palazzo Soestdijk, ritratto eseguito da Jacob van Ruisdael (1656-1660)
Lo stemma dei Liberi Cavalieri Imperiali De Graeff

Alcune fonti hanno indicato, in passato, Wolfgang von Graben come antenato della famiglia de Graeff.[3] Le teorie attuali negano questa ipotesi. [4] Il primo membro ad emergere nella storia fu Diederik Jansz Graeff (1529-1589), sindaco di Amsterdam e amico di Guglielmo I d'Orange. Le famiglie De Graeff, Bicker e De Witt favorirono l'apertura di trattative di pace con il Sacro Romano Impero Germanico al termine della Guerra degli ottant'anni, coronata con la firma della Pace di Vestfalia nel 1648.[5]

Nel 1610 a seguito dell'acquisto da parte della famiglia del feudo sovrano (Allodiale hoge heerlijkheid) [6] di Zuid-Polsbroek, la famiglia assunse il nome di De Graeff van Polsbroek. Nel 1678 a Jacob de Graeff viene assegnato il titolo di Signore di Purmerland e Ilpendam (Hoge heerlijkheid van Purmerland en Ilpendam). [7] Nel 1677 è Cornelis, unico figlio di Andries de Graeff, ad elevato al rango di Liberi Cavalieri Imperiali (Freier Reichsritter / Ritter des Heiligen römischen Reiches) [8] e nel 1885 'jonkheer.

Importanti membri[modifica | modifica sorgente]

Jacob Dircksz de Graeff
Andries Cornelis Dirk de Graeff

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Triumpf of Peace
  2. ^ Pieter Vis: Andries de Graeff
  3. ^ Nieuw Nederlandsch biografisch woordenboek. Deel 2: La famiglia De Graeff
  4. ^ S.A.C. Dudok van Heel-Van Amsterdamse burgers tot Europese aristocraten Band 2 (2008), p 974
  5. ^ Amsterdam: a brief life of the city. Van Geert Mak, Harvill Press (1999), p 123
  6. ^ Drs. J. L. van der Gouw: De definitieve vorm van het graafschap /holland/ (1300-1795)
  7. ^ Heerlijkheid Purmerland en Ilpendam in Heren van Holland
  8. ^ Familia de Graeff - Nieuw Nederlandsch biografisch woordenboek. Deel 2

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (nl) Graeff, P. De (Pieter de Graeff Gerritsz e Dirk de Graeff van Polsbroek): Genealogie van de familie De Graeff van Polsbroek, Amsterdam 1882
  • (nl) Bruijn, J. H. De: Genealogie van het geslacht De Graeff van Polsbroek 1529/1827
  • (en) Israel, Jonathan I. (1995): The dutch Republic - It`s Rise, Greatness, and Fall - 1477-1806, Clarendon Press, Oxford, ISBN 978-0-19-820734-4
  • (en) Rowen, Herbert H. (1986): John de Witt - Statesman of the „True Freedom“, Cambridge University Press, ISBN 0-521-52708-2
  • (nl) Zandvliet, Kees: De 250 rijksten van de Gouden Eeuw - Kapitaal, macht, familie en levensstijl, (2006 Amsterdam; Nieuw Amsterdam Uitgevers)
  • (en) Burke, P. (1994): Venice and Amsterdam. A study of seventeenth-century élites.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Reggenti di Amsterdam Successore
Famiglia Boelens Loen enc 1578 - 1672 Gillis Valckenier e Partito politico d'Casa d'Orange-Nassau
storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia