De Excidio Britanniae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Libro}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Il De excidio Britanniae (ossia Sulla rovina della Britannia) è un sermone in tre parti in cui il santo britanno Gildas (VI secolo) condanna le azioni compiute dai suoi contemporanei in Britannia (odierna Inghilterra).

La struttura dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

La prima parte consiste nella spiegazione del suo lavoro e di una breve narrazione della Britannia romana dalla conquista fino ai tempi di Gildas. Nella seconda parte, che si apre con l'asserzione "La Britannia ha dei re, eppure sono dei tiranni; ha dei giudici, eppure essi trascurano il loro dovere", Gildas tratta la vita e le azioni di cinque sovrani: Constantino di Dumnonia, Aurelio Canino, Vortiporio dei Démezi (odierno Dyfed), Cuneglas e Maelgwn del Gwynedd. Tutti sono definiti crudeli, rapaci e peccatori — dei veri tiranni. Nella terza parte egli protesta e attacca il clero del suo tempo, senza però fare nessun nome (ragion per cui non aiuta a fare luce sulla storia della chiesa della Britannia di quel tempo).

Analisi dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

La visione presentata in questo lavoro di una terra devastata e saccheggiata, malgovernata da funzionari corrotti e venali è stata accettata dagli studiosi per secoli, non solo perché rifletteva bene l'idea comunemente accettata di invasioni barbariche che distrussero la civiltà romana, ma anche perché dava una spiegazione al perché la Britannia fu una delle poche province romane a non aver adottato una lingua romanza, come invece fecero la Francia, la Spagna e la Romania.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che l'intento di Gildas è quello di predicare ai suoi contemporanei alla maniera dei profeti dell'Antico testamento, e non quindi per i posteri. Sebbene egli offra una delle prime descrizioni del Vallo di Adriano, omette i particolari che non servono al suo messaggio. Ciononostante, quest'opera resta importante non solo per la storia del Medio Evo, ma anche per quella inglese, essendo una delle poche del VI secolo sopravvissute.

Nel De Excidio Britanniae, Gildas afferma di essere nato nello stesso giorno della battaglia del Monte Badon.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura