Days Go By (album The Offspring)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Days Go By
Artista The Offspring
Tipo album Studio
Pubblicazione 26 giugno 2012[1][2]
Durata 42 min : 41 s[3]
Dischi 1
Tracce 13
Genere Punk revival[3]
Alternative rock[3]
Etichetta Columbia Records[1][2][3][4]
Produttore Bob Rock[3][5]
Registrazione Hawaii[6]
Huntington Beach[6]
The Offspring - cronologia
Album successivo

Days Go By è il nono album in studio degli Offspring, messo in commercio il 26 giugno 2012[1][2].

Il brano Dirty Magic è una riedizione della canzone omonima presente nel secondo album studio del gruppo, Ignition[7][8].

È stato inserito, stando a quanto dichiarato da Dexter Holland in un'intervista[8], perché i fan attuali generalmente conoscono le canzoni della band a partire da quelle presenti nell'album Smash in poi e non quelle degli album precedenti. Gli "hardcore fan", invece, hanno spesso richiesto che la canzone venisse suonata dal vivo[8], la quale però non veniva riconosciuta ai concerti da tutta la base[8], portando all'effetto che l'esecuzione della canzone live risultasse "piatta"[8]. Per il gruppo è quindi sembrata una buona idea inserirla nell'album per farla familiarizzare con tutti i sostenitori[8].

L'album dal 19 giugno 2012[9] nella sua interezza è disponibile gratuitamente per l'ascolto su Rollingstone.com[9][10].

Si tratta del primo album studio degli Offspring nel quale partecipano sia Pete Parada alla batteria[5][11] sia Todd Morse come voce d'accompagnamento[5].

Ha raggiunto la posizione numero 12 nella classifica Billboard 200[12].

Tracce[3][modifica | modifica sorgente]

  1. The Future Is Now - 4:08
  2. Secrets from the Underground - 3:09
  3. Days Go By - 4:01
  4. Turning into You - 3:41
  5. Hurting as One - 2:49
  6. Cruising California (Bumpin' in My Trunk) - 3:30
  7. All I Have Left Is You - 5:18
  8. O.C. Guns - 4:07
  9. Dirty Magic - 4:00 (riedizione del brano già presente su Ignition[7][8])
  10. I Wanna Secret Family (With You) - 3:01
  11. Dividing by Zero - 2:22
  12. Slim Pickens Does the Right Thing and Rides the Bomb to Hell - 2:35
  13. The Kids Aren't Alright (live, presente solo nel pre-ordine[13])

Reazioni[modifica | modifica sorgente]

L'album ha ottenuto giudizi contrastanti: Allmusic ha dato all'album un punteggio di due stelle e mezzo su una scala di cinque, indicando che l'album è più che altro per i fan che conoscono già il gruppo e non per chi li ascolta per la prima volta[3], ed è stato criticato anche per la mancanza di "novità"[14][15][16][17]. Altre recensioni sono state generalmente positive, indicandolo come un album "classico" degli Offspring, composto sia da un pizzico di ballate come già sono state presenti nelle loro ultime produzioni sia da incursioni di punk che si adattano bene nel disco[18][19][20][21].

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Billboard.com. URL consultato il 16/06/2012.
  2. ^ a b c (EN) Altpress.com. URL consultato il 16/06/2012.
  3. ^ a b c d e f g (EN) Scheda dell'album su Allmusic.com. URL consultato il 16/06/2012.
  4. ^ (EN) Scheda dell'album su Offspring.com. URL consultato il 16/06/2012.
  5. ^ a b c d e (EN) Credits su allmusic.com. URL consultato il 25/06/2012.
  6. ^ a b (EN) Ultimate-guitar.com. URL consultato il 16/06/2012.
  7. ^ a b (EN) Spinner.com. URL consultato il 16/06/2012.
  8. ^ a b c d e f g (EN) Offspring.com. URL consultato il 29/06/2012.
  9. ^ a b (EN) Offspring.com. URL consultato il 19/06/2012.
  10. ^ (EN) Rollingstone.com. URL consultato il 19/06/2012.
  11. ^ a b (EN) Billboard.com. URL consultato il 25/06/2012.
  12. ^ (EN) Billboard.com. URL consultato il 25/06/2012.
  13. ^ (EN) Offspring.com. URL consultato il 16/06/2012.
  14. ^ (EN) gigwise.com. URL consultato il 04/07/2012.
  15. ^ (EN) loudwire.com. URL consultato il 04/07/2012.
  16. ^ (EN) journalstar.com. URL consultato il 04/07/2012.
  17. ^ (EN) rhapsody.com. URL consultato il 04/07/2012.
  18. ^ (SR) nocturnemagazine.net. URL consultato il 04/07/2012.
  19. ^ (EN) ultimate-guitar.com. URL consultato il 04/07/2012.
  20. ^ (EN) culturetease.com. URL consultato il 04/07/2012.
  21. ^ (EN) punknews.org. URL consultato il 04/07/2012.
  22. ^ musickr.it. URL consultato il 16/06/2012.
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk