David Seymour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Szymin, noto come David Seymour o con lo pseudonimo Chim, pronuncia scim, abbreviazione di Szymin (Varsavia, 20 novembre 1911El Qantara, 10 novembre 1956), è stato un fotografo e giornalista polacco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Varsavia da genitori ebrei Polacchi e cominciò a interessarsi alla fotografia durante i suoi studi a Parigi. Iniziò a lavorare come giornalista freelance nel 1933.

I reportage di Chim della Guerra civile spagnola, Cecoslovacchia e altri eventi europei lo resero famoso. Era particolarmente apprezzato per i suoi ritratti, specialmente di bambini. Nel 1939 documentò il viaggio dei rifugiati spagnoli repubblicani verso il Messico e si trovava a New York quando scoppiò la Seconda guerra mondiale. Nel 1940 fu arruolato dall'esercito statunitense e inviato in Europa come fotoreporter durante la guerra. Divenne cittadino naturalizzato degli Stati Uniti nel 1942; nello stesso anno i genitori furono uccisi dai Nazisti. Dopo la guerra ritornò in Europa per documentare le condizioni dei bambini rifugiati per conto dell'UNICEF, da poco fondato.

Magnum Photos[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1947, co-fondò la cooperativa di fotografi Magnum Photos, con Robert Capa e Henri Cartier-Bresson, con i quali aveva stretto amicizia a Parigi negli anni '30. La sua reputazione per le foto degli orfani di guerra crebbe fotografando celebrità di Hollywood come Sophia Loren, Kirk Douglas, Ingrid Bergman e Joan Collins.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Capa nel 1954, Chim divenne il presidente della Magnum Photos. Rivestì la carica fino al 10 novembre 1956, quando fu ucciso (assieme al fotografo francese Jean Roy) dal fuoco di un fucile mitragliatore egiziano mentre documentava la Crisi di Suez.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64011843 LCCN: n50001426